I coccodrilli non possono superare in numero le persone nel territorio australiano dove è stata uccisa una ragazza, afferma il leader

WELLINGTON, Nuova Zelanda —

Il numero di coccodrilli nel Territorio del Nord dell’Australia deve essere mantenuto o ridotto e non si può permettere che superi la popolazione umana, ha affermato il leader del territorio dopo la morte di una bambina di 12 anni mentre nuotava.

La popolazione di coccodrilli è esplosa nel nord tropicale dell’Australia da quando è diventata una specie protetta dalla legge australiana negli anni ’70, passando da 3.000 esemplari quando la caccia era fuorilegge a 100.000 oggi. Il Territorio del Nord ha poco più di 250.000 persone.

La morte della ragazza è avvenuta settimane dopo che il territorio aveva approvato un piano decennale per la gestione dei coccodrilli, che consente l’abbattimento mirato dei rettili nei punti di balneazione più gettonati, ma si è fermato prima di tornare agli abbattimenti di massa. I coccodrilli sono considerati un rischio nella maggior parte dei corsi d’acqua del Territorio del Nord, ma il turismo e l’allevamento di coccodrilli sono importanti motori economici.

“Non possiamo permettere che la popolazione di coccodrilli superi quella umana nel Territorio del Nord”, ha detto giovedì ai giornalisti il ​​Primo Ministro Eva Lawler, secondo l’Australian Broadcasting Corporation. “Dobbiamo tenere sotto controllo il numero dei nostri coccodrilli”.

Nell’attacco mortale di questa settimana, la ragazza è scomparsa mentre nuotava in un ruscello vicino alla comunità indigena di Palumpa, a sud-ovest della capitale del territorio, Darwin. Dopo un’intensa ricerca, i suoi resti sono stati trovati nel sistema fluviale dove è scomparsa con ferite che confermano un attacco di coccodrillo.

Il Territorio del Nord ha registrato la morte di 15 persone in attacchi di coccodrilli tra il 2005 e il 2014, con altre due nel 2018. Poiché i coccodrilli d’acqua salata possono vivere fino a 70 anni e crescere per tutta la vita, raggiungendo fino a 7 metri di lunghezza, anche la percentuale di coccodrilli di grandi dimensioni è in aumento.

Lawler, che ha definito la morte “straziante”, ha dichiarato ai giornalisti che nel bilancio del Territorio del Nord sono stati stanziati 500.000 dollari australiani (337.000 dollari) per la gestione dei coccodrilli nel prossimo anno.

Secondo NT News, la leader dell’opposizione regionale, Lia Finocchiaro, ha dichiarato ai giornalisti che sono necessari maggiori investimenti.

La morte della ragazza “manda il messaggio che il Territorio non è sicuro e che, oltre ai problemi di legge, ordine pubblico e criminalità, non abbiamo bisogno di altri titoli negativi”, ha affermato.

Il professor Grahame Webb, un importante studioso australiano dei coccodrilli, ha dichiarato all’AuBC che è necessaria una maggiore educazione della comunità e che il governo dovrebbe finanziare gruppi di ranger indigeni e ricerche sugli spostamenti dei coccodrilli.

“Se non sappiamo cosa faranno probabilmente i coccodrilli, avremo comunque lo stesso problema”, ha detto. “L’abbattimento non risolverà il problema”.

La polizia ha dichiarato giovedì che sono in corso gli sforzi per catturare il coccodrillo che ha attaccato la ragazza. I coccodrilli di acqua salata sono territoriali e il responsabile probabilmente rimarrà nei corsi d’acqua vicini.

Ultime Notizie

Back to top button