Mondo

I droni russi distruggono la rete elettrica a Odessa, lasciando 1,5 milioni senza elettricità

Tutte le infrastrutture non critiche nel porto ucraino di Odessa erano senza elettricità dopo che la Russia ha usato droni di fabbricazione iraniana per colpire due impianti energetici, lasciando 1,5 milioni di persone senza elettricità, hanno detto i funzionari sabato (10 dicembre).

“La situazione nella regione di Odessa è molto difficile”, ha detto il presidente Volodymyr Zelenskyy nel suo video discorso notturno.

“Purtroppo, i colpi sono stati critici, quindi ci vuole più del tempo per ripristinare l’elettricità… Non ci vogliono ore, ma alcuni giorni, sfortunatamente.”

Da ottobre, Mosca ha preso di mira le infrastrutture energetiche dell’Ucraina con grandi ondate di attacchi missilistici e droni.

La Norvegia ha inviato 100 milioni di dollari per aiutare a ripristinare il sistema energetico ucraino, ha detto Zelenskyy.

Serhiy Bratchuk, portavoce dell’amministrazione regionale di Odessa, ha affermato che l’elettricità per la popolazione della città sarà ripristinata “nei prossimi giorni”, mentre il ripristino completo delle reti potrebbe richiedere dai due ai tre mesi.

Bratchuk ha affermato che un precedente post su Facebook dell’amministrazione della regione, che consigliava ad alcune persone di prendere in considerazione l’evacuazione, era stato indagato dai servizi di sicurezza ucraini come “un elemento della guerra ibrida” della Russia.

Da allora quel post è stato cancellato.

“Nessun rappresentante delle autorità della regione ha chiesto l’evacuazione degli abitanti di Odessa e della regione”, ha detto Bratchuk.

Odessa aveva più di 1 milione di abitanti prima dell’invasione del 24 febbraio che la Russia chiama “operazione militare speciale” per “denazificare” il suo vicino più piccolo.

Kiev afferma che la Russia ha lanciato centinaia di droni Shahed-136 di fabbricazione iraniana contro obiettivi in ​​Ucraina, descrivendo gli attacchi come crimini di guerra a causa del loro effetto devastante sulla vita dei civili. Mosca afferma che i suoi attacchi sono militarmente legittimi e che non prende di mira i civili.

L’ufficio del procuratore generale ucraino ha dichiarato che due centrali elettriche nella regione di Odessa sono state colpite dai droni Shahed-136.

Le forze armate ucraine hanno dichiarato su Facebook che 15 droni sono stati lanciati contro obiettivi nelle regioni meridionali di Odessa e Mykolaiv, e 10 sono stati abbattuti.

Sabato la Russia ha lanciato 15 droni suicidi iraniani contro le infrastrutture elettriche nella città portuale ucraina di Odessa. L’Ucraina ne ha abbattuti 10. Ma 5 sono passati. Ora 1,5 milioni di persone sono senza elettricità. Le strade erano al buio, a parte una giostra alla fiera locale ⬇️ pic.twitter.com/v50h2W2kfr

— Deborah Haynes (@haynesdeborah) 11 dicembre 2022

Teheran nega di aver fornito i droni a Mosca. Kiev ei suoi alleati occidentali dicono che è una bugia.

Sabato il ministero della Difesa britannico ha dichiarato di ritenere che il sostegno militare dell’Iran alla Russia aumenterà probabilmente nei prossimi mesi, comprese le possibili consegne di missili balistici.

Ultime Notizie

Back to top button