I federali cercano la casa del consigliere del sindaco di New York sulla Cina. Inchiesta sui collegamenti

Secondo quanto riferito, agenti federali hanno fatto irruzione nella casa di uno dei principali consiglieri del sindaco di New York Eric Adams, alla ricerca di comunicazioni private e prove di viaggi in Cina.

In qualità di presidente del distretto di Brooklyn, Adams si è recato in Cina sette volte tra il 2014 e il 2021. I viaggi sono stati per lo più organizzati dal suo consigliere chiave Winnie Greco. Greco, che faceva volontariato nell’ufficio di Adams e gestiva anche l’organizzazione no-profit Sino-America New York Brooklyn Archway Association Corp. Secondo il New York Post, sia i pubblici ministeri federali che l’FBI ritengono che Adams abbia fatto almeno un viaggio parzialmente finanziato dal Partito Comunista Cinese.

I risultati sono stati scoperti come parte di un’indagine più ampia sulle accuse di corruzione pubblica tra Greco e Adams, secondo una fonte vicina alle indagini. Il comitato indipendente per i conflitti di interessi della città, che supervisiona l’etica, ha ricevuto un’e-mail dall’ufficio del sindaco riguardante il viaggio del 2014 e non ha segnalato alcuna violazione apparente della legge sui conflitti di interessi. Tuttavia, un documento di dicembre ottenuto dal Post indica che l’amministrazione dell’attuale presidente del distretto di Brooklyn, Antonio Reynoso, non è stata in grado di trovare documenti rilevanti della visita in Cina. Gregory Louis, consigliere generale di Reynoso, ha osservato che la precedente amministrazione avrebbe potuto conservare i registri al di fuori dell’infrastruttura dell’ufficio.

Una ripartizione delle spese rivela che la Cina-America ha speso circa 7.000 dollari per il viaggio, mentre il governo comunista cinese ha contribuito con 787 dollari. Le prove esatte che il governo federale sta cercando sulle visite di Adams in Cina, come si inseriscono in un’indagine più ampia e il contenuto delle e-mail private rimangono sconosciute.

Mentre prestava servizio come presidente del distretto di Brooklyn, Adams ha utilizzato tre indirizzi e-mail personali, incluso [email protected]. Le fonti affermano che le informazioni contenute in queste e-mail non sono state archiviate sui server ufficiali di New York. Greco e i suoi assistenti hanno utilizzato anche e-mail non ufficiali durante quel periodo di sette anni. Le e-mail ottenute da The Post mostrano che anche Ingrid Lewis-Martin, allora vicepresidente del distretto di Brooklyn e ora consigliere politico senior del sindaco, utilizzava un account Gmail e AOL segreto.

Greco, 61 anni, attualmente responsabile delle relazioni asiatiche della città, ha lavorato a lungo come “consulente” per gruppi sostenuti dal Partito comunista cinese, come riportato da The Post l’anno scorso. A febbraio, gli agenti dell’FBI hanno perquisito le residenze di Greco nel Bronx. Il Dipartimento investigativo della città ha anche aperto un’indagine sulle accuse secondo cui avrebbe abusato della sua posizione presso il municipio per vantaggi personali, come la ristrutturazione della casa.

L’anno scorso, i funzionari dell’FBI hanno confiscato i dispositivi elettronici di Adams come parte di un’indagine sulla raccolta fondi per la campagna elettorale e su presunti collegamenti con il governo turco. Più o meno nello stesso periodo, Brianna Suggs, la principale raccolta fondi di Adams e impiegata del municipio, subì un’irruzione nella sua casa da parte di agenti federali.

Ultime Notizie

Back to top button