Mondo

I grandi operatori di telecomunicazioni europei chiedono l’autorizzazione antitrust dell’UE per un’offerta pubblicitaria online

Quattro delle più grandi società di telecomunicazioni europee hanno formalmente informato la Commissione europea di una joint venture per costruire una piattaforma tecnologica per la pubblicità digitale, secondo un deposito pubblicato lunedì (9 gennaio).

Un gruppo di colossi delle telecomunicazioni, tra cui Deutsche Telecom, Orange, Telefonica e Vodafone, vuole “offrire una soluzione di identificazione digitale guidata dalla privacy per supportare le attività di marketing e pubblicità digitale di marchi ed editori”, secondo il deposito ufficiale.

L’iniziativa è un tentativo da parte degli operatori di telecomunicazioni, che nell’ultimo decennio si sono lamentati della contrazione dei margini di profitto, di entrare nel redditizio mercato della pubblicità online.

Questo mercato è attualmente altamente concentrato nelle mani di aziende Big Tech come Google e Apple. Questa concentrazione potrebbe aumentare in seguito alla graduale eliminazione dei cookie di terze parti a favore di una tecnologia pubblicitaria che potrebbe danneggiare altri attori dell’ecosistema pubblicitario.

Di conseguenza, i principali editori europei hanno sostenuto il progetto. Da maggio, Deutsche Telecom e Vodafone hanno sperimentato il progetto in Germania con un numero ristretto di inserzionisti ed editori, tra cui il sito web di Axel Springer Bild.de e RTL.

L’idea è che, durante la connessione alla rete degli operatori, all’utente venga assegnato un token chiamato TrustPid, che utilizza l’indirizzo IP per creare un token pseudonimo che viene poi commercializzato per scopi di marketing.

“Gli operatori di rete o TrustPid non trasmettono dati sui clienti, come dati demografici o di rete”, afferma la pagina web del progetto.

I token pseudonimi vengono prodotti per ogni sito Web, il che significa che non è possibile produrre un profilo utente esteso come con i cookie. Tuttavia, i diversi token vengono combinati tramite un “matching sicuro” che impedisce che la pubblicità venga mostrata troppe volte alla stessa persona.

Durante il processo, le due società hanno dialogato a stretto contatto con il BfDI, l’autorità federale tedesca per la protezione dei dati, sull’ottimizzazione della privacy e sul rispetto delle norme europee sulla protezione dei dati.

TrustPid è stato implementato solo sulle reti mobili in questa fase pilota, ma la tecnologia funziona con tutte le reti. L’intenzione è di presentarsi come un’infrastruttura di marketing digitale neutrale che non raccoglie né elabora dati per i propri scopi.

Tuttavia, per Zach Meyers, ricercatore presso il Center for European Reform, la privacy potrebbe essere un grosso ostacolo per l’iniziativa. Tra gli altri, il think tank di Meyers è supportato sia da Vodafone che da Apple.

“Gli utenti probabilmente capiscono il tracciamento di player online come Google perché non pagano direttamente per quei servizi. È molto diverso dall’essere monitorati per un servizio che gli utenti stanno già pagando”, ha affermato Meyers.

Sebbene gli operatori di telecomunicazioni coinvolti si impegnino a non utilizzare i dati per i propri scopi, potenzialmente hanno accesso a informazioni personali sull’utente molto più dettagliate rispetto ai fornitori di contenuti, abbastanza da rendere nervosi sia gli utenti che le autorità di regolamentazione.

Anche le considerazioni sulla concorrenza sono in ordine. La joint venture è ora sotto il controllo del dipartimento per la concorrenza della Commissione europea, che ha fissato al 10 febbraio il termine provvisorio per sollevare potenziali preoccupazioni in materia di antitrust.

Vodafone ha rifiutato la richiesta di commento di EURACTIV.

[A cura di Alice Taylor]

Ultime Notizie

Back to top button