I leader occidentali ricordano il D-Day all’ombra dell’Ucraina

Omaha Beach, Francia —

Giovedì, sulle spiagge del nord della Francia, i leader occidentali hanno celebrato gli 80 anni dallo sbarco in Normandia per liberare l’Europa dall’occupazione nazista, memori della guerra di oltre due anni che infuria di nuovo in Europa dopo l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia.

Il leader americano Joe Biden, il re Carlo III del Regno Unito e il primo ministro canadese Justin Trudeau, in rappresentanza delle potenze alleate, hanno reso omaggio agli immensi sacrifici compiuti da decine di migliaia di truppe sulle spiagge sabbiose e sulle scogliere della Normandia, spesso lontane dalle loro case, sotto l’intenso controfuoco tedesco.

“Ricordiamo la lezione che ci arriva, ancora e ancora, nel corso dei decenni: le nazioni libere devono stare insieme per opporsi alla tirannia”, ha detto il re Carlo III al memoriale britannico a Ver-sur-Mer che si affaccia sulla Gold Beach, una delle siti di sbarco delle truppe britanniche.

“Preghiamo che un simile sacrificio non venga mai più compiuto”, ha detto.

“La nostra gratitudine è inesauribile e la nostra ammirazione eterna.”

Il primo ministro canadese Justin Trudeau ha affermato che il mondo deve continuare a difendere la democrazia.

“La democrazia è ancora oggi in pericolo. È minacciata da aggressori che vogliono ridisegnare i confini”, ha detto durante la cerimonia canadese nella vicina Courseulles-Sur-Mer.

“Il nostro modo di vivere non è nato per caso e non continuerà senza sforzo.”

Galleria fotografica:

In foto: 80° anniversario del D-Day

“Obbligo di ricordare”

Con il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyj che si unisce ai leader occidentali in Normandia per una cerimonia internazionale, gli eventi forniranno uno sfondo estremamente simbolico ai colloqui su come l’Ucraina può recuperare terreno dopo l’avanzata russa.

Nessun funzionario russo è stato invitato, sottolineando lo status paria di Mosca in Occidente dopo l’invasione dell’Ucraina nel 2022, nonostante il decisivo contributo sovietico alla sconfitta del nazismo nella seconda guerra mondiale.

Gli ospiti più onorati sono i veterani sopravvissuti. Se ne prevedono circa 200, un numero che diminuisce ogni anno con la maggior parte almeno sulla novantina e alcuni più vecchi di 100. Questo potrebbe essere l’ultimo grande anniversario in cui sono presenti.

Il veterano britannico Cecil Newton, che ha parlato con l’AFP al British Memorial di Ver-sur-Mer, ha detto di essere sconvolto dal fatto che così tanti giovani siano stati uccisi.

“Tutti coloro che erano in azione saranno sempre con me, con noi. Ora posso vederli”, ha detto Newton, 100 anni.

Re Carlo notò che i veterani stavano diventando sempre meno numerosi, ma aggiunse: “Il nostro obbligo di ricordarli, ciò che rappresentavano e ciò che hanno realizzato per tutti noi non potrà mai diminuire”.

Il presidente francese Emmanuel Macron, presente alla cerimonia britannica, ha aggiunto: “Nessuno qui in Francia può dimenticare il vostro sacrificio”.

‘Rifuggire’

Biden, nato nel 1942 durante la Seconda Guerra Mondiale, avrebbe dovuto promuovere gli Stati Uniti come difensore della democrazia e delle alleanze internazionali, contrapponendosi al rivale elettorale Donald Trump durante una visita di Stato che durerà fino a domenica.

Stava incontrando uno per uno i veterani americani sopravvissuti al memoriale americano per le sue vittime.

Macron ha già cercato di infrangere i tabù rifiutandosi di escludere l’invio di truppe in Ucraina, una posizione che ha turbato alcuni alleati dell’UE.

Ma ci sono stati dei cambiamenti nelle ultime settimane, con l’Occidente che si è mostrato pronto a consentire all’Ucraina di utilizzare armi fornite dall’Occidente per colpire obiettivi in ​​Russia, e la Francia che ha spinto per lo spiegamento di istruttori militari europei in Ucraina.

Mercoledì sera, durante un incontro con le testate straniere a San Pietroburgo, Putin ha ignorato la mancanza di un invito per la Russia, dicendo “lasciamoli festeggiare senza di noi”.

“Stanno rifuggendo dall’invitare la Russia, che è il successore legale dell’Unione Sovietica, che ha subito perdite così enormi”, ha detto, sottolineando che l’Unione Sovietica ha perso circa 27 milioni di civili e soldati nella seconda guerra mondiale.

Gli sbarchi delle forze alleate, sostenuti da operazioni aviotrasportate che paracadutarono le truppe direttamente sul territorio occupato, furono la più grande operazione navale mai realizzata in termini di numero di navi schierate e di truppe coinvolte.

Con un’operazione tenuta segreta ai tedeschi, gli alleati sbarcarono su cinque spiagge sparse lungo la costa della Normandia: Omaha e Utah per gli americani, Gold and Sword per gli inglesi e Juno per inglesi e canadesi.

Alla fine di quello che divenne noto come “il giorno più lungo”, 156.000 soldati alleati con 20.000 veicoli sbarcarono nel nord della Francia occupata dai nazisti, nonostante una pioggia di proiettili, artiglieria e fuoco aereo.

Lo sbarco segnò l’inizio della fine dell’occupazione nazista dell’Europa occidentale, anche se restavano ancora mesi di combattimenti intensi e sanguinosi prima della vittoria sul regime di Adolf Hitler.

Ultime Notizie

Back to top button