Esteri

I referendum nell’Ucraina controllata dalla Russia “non possono essere considerati legali”: capo degli affari politici delle Nazioni Unite

Anche il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy ha informato gli ambasciatori, facendo esplodere il “fasullo referendum”, sebbene la Russia si sia opposta alla sua partecipazione in videoconferenza.

L’ambasciatore del Paese, Vassily Nebenzia, ha detto che il Presidente dovrebbe partecipare di persona, in linea con le regole. “Il Consiglio non dovrebbe trasformarsi in un forum per spettacoli politici o cinema”, ha aggiunto.

Voto porta a porta

I referendum si sono tenuti negli ultimi cinque giorni nelle regioni di Donetsk, Luhansk, Kherson e Zaporizhzhia per consentire ai residenti di votare se desiderano entrare a far parte della Federazione Russa.

Le votazioni si sono svolte nei seggi elettorali, ha riferito la signora DiCarlo, e anche le autorità filo-russe di fatto, accompagnate da soldati, sono andate porta a porta con le urne.

Queste esercitazioni – che si sono svolte durante un conflitto armato attivo, in aree dell’Ucraina sotto il controllo russo e al di fuori del quadro giuridico e costituzionale dell’Ucraina – “non possono essere definite un’autentica espressione della volontà popolare”, ha affermato.

“Le azioni unilaterali volte a conferire una patina di legittimità al tentativo di acquisizione con la forza da parte di uno Stato del territorio di un altro Stato, pur pretendendo di rappresentare la volontà del popolo, non possono essere considerate legali ai sensi del diritto internazionale”.

Sostenere la sovranità ucraina

Il capo degli affari politici ha sottolineato quello delle Nazioni Unite pieno impegno per la sovranità, l’unità, l’indipendenza e l’integrità territoriale dell’Ucraina. Ha ricordato alla Russia il suo obbligo di rispettare le leggi del paese nell’amministrazione dei territori occupati.

Quest’ultimo sviluppo è tra le azioni recenti che minacciano di aggravare ulteriormente il conflitto, giunto al suo settimo mese.

La signora DiCarlo ha parlato dei pesanti combattimenti nell’Ucraina meridionale nelle ultime settimane e dell’escalation delle operazioni militari a Donetsk e Luhansk.

L’esercito ucraino ha anche condotto con successo una controffensiva questo mese per ripristinare il controllo sulla maggior parte delle aree controllate dai russi nella regione di Kharkhiv.

Nel frattempo, sono proseguiti gli attacchi quotidiani a molte città ucraine, comprese Donetsk e Luhansk, nonché il targeting di infrastrutture civili per l’energia e l’acqua.

La minaccia nucleare persiste

“Abbiamo anche sentito una retorica allarmante sull’uso delle armi nucleari. Questo è inaccettabile”, ha detto la signora DiCarlo.

L’ONU rimane profondamente turbata dalle notizie di continui attacchi vicino alla centrale nucleare di Zaporizhzhia e ha esortato i combattenti a collaborare con l’Agenzia internazionale per l’energia atomica (AIEA).

“È imperativo che tutti gli attacchi agli impianti nucleari finiscano e che la natura puramente civile di tali impianti venga ristabilita”, ha sottolineato.

Violazioni dei diritti umani

La signora DiCarlo ha anche espresso grave preoccupazione per le accuse di violazioni dei diritti umani commesse nelle aree dell’Ucraina nord-orientale, anche dopo il recupero di oltre 400 corpi da tombe improvvisate nella città di Izium.

L’ufficio delle Nazioni Unite per i diritti umani, OHCHR, sta lavorando con le autorità locali per indagare su questa e altre accuse in aree della regione di Kharkiv che fino a poco tempo fa erano sotto il controllo russo.

La scorsa settimana, la Commissione d’inchiesta internazionale indipendente sull’Ucraina nominata dalle Nazioni Unite ha concluso che nel conflitto erano stati commessi crimini di guerra.

La signora DiCarlo ha chiesto che i responsabili siano chiamati a rendere conto.

“Raramente, se non mai, la comunità internazionale ha raccolto così tante prove di violazioni dei diritti umanipotenziali crimini di guerra e altre atrocità mentre stavano accadendo”, ha detto.

“È tragico che non siamo stati in grado di fermarli. Ma sarebbe vergognoso se non potessimo garantire la giustizia per le vittime e i loro cari”.

Estendere l’affare del grano

Complessivamente, la guerra ha provocato finora circa 14.844 vittime civili verificate, con quasi 6.000 morti, secondo l’OHCHR, anche se è probabile che i numeri effettivi siano considerevolmente più alti.

I suoi effetti a catena continuano a farsi sentire da milioni di persone in tutto il mondo, colpiti dall’aumento dei costi del carburante e dell’energia. La signora DiCarlo ha evidenziato la necessità vitale di rinnovare l’Iniziativa sui cereali del Mar Nero, che scadrà a novembre.

Più di cinque milioni di tonnellate di generi alimentari sono state spedite dai porti ucraini da quando l’accordo è stato firmato a luglio, secondo il portavoce delle Nazioni Unite che ha informato i giornalisti a New York martedì, annunciando la cifra di 5.250.578 tonnellate finora, come “una buona notizia”.

L’iniziativa continua a prendere ritmo, ha detto la signora DiCarlo agli ambasciatori, mentre continuano gli sforzi per rimuovere gli ostacoli rimanenti alle esportazioni alimentari russe.

Foto delle Nazioni Unite/Laura Jarriel

Il presidente dell’Ucraina Volodymyr Zelenskyy (sullo schermo) si rivolge alla riunione del Consiglio di sicurezza sul mantenimento della pace e della sicurezza in Ucraina.

Tentativo di rubare territorio: Zelenskyy

Facendo appello all’azione internazionale, il presidente Zelenskyy ha chiesto l’isolamento della Russia nella comunità internazionale.

“Davanti agli occhi del mondo intero, la Russia sta conducendo questo cosiddetto referendum fasullo sul territorio occupato dell’Ucraina”, ha detto, parlando attraverso un interprete.

I presunti risultati sono stati preparati con largo anticipo, “così come questo rilascio obbligatorio di passaporti per la popolazione dei territori occupati”, ha proseguito, aggiungendo che la Russia vuole annettere queste aree.

“Questa è la violazione più brutale della Carta delle Nazioni Unite”, ha detto.

“Questo è un tentativo di rubare il territorio di un altro stato. Questo è un tentativo di cancellare le norme del diritto internazionale. Questo è un tentativo molto cinico di costringere la popolazione maschile nel territorio occupato dell’Ucraina a mobilitarsi nell’esercito russo per mandarli a combattere contro la propria patria”.

Referendum a norma: Russia

Il signor Nebenzia, l’ambasciatore russo, ha difeso il controverso referendum, che secondo lui è stato monitorato da più di 100 osservatori internazionali indipendenti provenienti da 40 paesi.

Ha detto al presidente del Consiglio Zelenskyy aveva dichiarato in un’intervista che le persone che si consideravano russe, oa cui piaceva la Russia, dovrebbero lasciare l’Ucraina.

“Ora gli abitanti degli oblast di Donbass, Kherson e Zaporizhzhia stanno attuando la sua cinica raccomandazione. Stanno tornando in patria e stanno portando con sé la loro terra su cui i loro antenati hanno vissuto per secoli”, ha detto, parlando attraverso un interprete.

“Il referendum si è svolto esclusivamente in modo trasparente, rispettando tutte le norme elettorali. Questo è un fatto indiscusso. Tuttavia, il regime di Kiev e i suoi sostenitori vogliono dire tutto il contrario”.

Ultime Notizie

Back to top button