Mondo

I socialisti francesi litigano per la corsa alla leadership del partito

Giovedì (19 gennaio) il Partito socialista francese ha tenuto il secondo turno della sua corsa alla leadership. I due candidati, Olivier Faure e Nicolas Mayer-Rossignol, rivendicano entrambi la vittoria tra le reciproche accuse di irregolarità nel processo di voto.

Venerdì mattina la leadership uscente ha decretato il trionfo di Faure, con il 50,8% dei voti favorevoli. Questa cifra è contestata dal suo avversario Mayer-Rossignol, che in un comunicato ha affermato di aver vinto con il 50,5% dei voti.

Il divario tra i due candidati è estremamente ridotto e rappresenta meno di 400 voti.

Le irregolarità sono state osservate e condannate da entrambe le parti, che si sono incolpate a vicenda. Durante il primo turno di scrutinio, i membri del Partito socialista residenti all’estero – che sono poche centinaia – che hanno votato online hanno segnalato malfunzionamenti.

Sono seguite segnalazioni nazionali di altre irregolarità: funzionari elettorali espulsi dai seggi elettorali o urne elettorali spostate in aule chiuse e non visibili.

Mayer-Rossignol ha chiesto di convocare la commissione competente per la risoluzione di tali controversie. Giovedì il comitato ha ribaltato alcuni risultati del primo turno che erano stati inizialmente proclamati.

Corinne Narassiguin, dirigente del partito che sostiene Faure, ha detto che la commissione nazionale per l’organizzazione della corsa alla leadership è stata convocata alle 4:45 e che i membri della lista di Mayer-Rossignol “si sono rifiutati di esaminare i risultati e hanno preferito chiedere un’ora e mezza per la riprogrammazione del la commissione, prima di andarsene”, sottintendendo che i risultati sono stati proclamati unilateralmente dalla dirigenza uscente.

In un messaggio inviato ai sostenitori poco prima dell’annuncio dei risultati, il campo di Faure ha accusato i suoi oppositori di un “tentativo di distruggere la nostra casa comune” e ha affermato di aver raccolto circa il 54% dei voti.

Anne Hidalgo, sindaco di Parigi ed ex candidata alla presidenza, ha condannato la leadership di Faure in una conferenza stampa venerdì pomeriggio. Secondo lei, “se lo facessimo quando teniamo le elezioni nelle nostre città, saremmo in prigione”.

Altri funzionari di partito hanno chiesto chiarezza.

L’unità del Partito socialista, così spesso celebrata da entrambi i candidati, potrebbe essere più complicata del previsto.

Quando la leadership uscente ha dichiarato la vittoria di Faure, uno dei due deve riconoscere la sconfitta e accettare il risultato.

In caso contrario, la commissione di conciliazione deve raggiungere una soluzione comunemente accettata, come l’annullamento delle votazioni in alcuni dei seggi elettorali più contestati. Se nessuna delle due campagne accetta una soluzione, il caso potrebbe finire in tribunale.

La sinistra radicale mette in ombra la corsa alla leadership del partito socialista francese

I socialisti francesi eleggeranno il loro primo segretario il 12 e 19 gennaio, con le differenze tra i tre candidati alla guida del partito che si concentrano più su come affrontare l’ampia coalizione di sinistra recentemente formata che su questioni fondamentali.

[A cura di Nathalie Weatherald]

Ultime Notizie

Back to top button