Cronaca

I turisti di ritorno da Calais affrontano code di due ore, dopo sei ore di ritardo sabato

I turisti di ritorno da Calais nel Regno Unito oggi sono rimasti frustrati dall’attesa di due ore per i traghetti, dopo che ieri ci sono state sei ore di ritardo al porto.

Un aggiornamento di P&O Ferries su Twitter questa sera ha detto ai passeggeri di aspettarsi tempi di attesa compresi tra 90 e 120 minuti ai controlli di frontiera del Regno Unito e di arrivare al check-in almeno 90 minuti prima della partenza.

Ma alcuni passeggeri hanno affermato di aver perso i loro traghetti nonostante fossero arrivati ​​prima dei 90 minuti pubblicizzati.

I ritardi sembravano essere dovuti alle lunghe attese al controllo di frontiera del Regno Unito, che impiegavano fino a tre minuti per i controlli individuali.

I ritardi al porto francese di ieri hanno costretto DFDS e P&O Ferries a scusarsi con le famiglie.

Un video girato da Marianna Kozikova ha catturato la frustrazione dei conducenti mentre suonavano i clacson mentre aspettavano per diverse ore al porto dei traghetti.

Oggi sono continuati lunghi ritardi di più ore per i viaggiatori a Calais. Un video girato da Marianna Kozikova ha catturato la frustrazione dei conducenti mentre suonavano i clacson mentre erano bloccati per diverse ore al porto dei traghetti

Marianna ha detto: 'La coda era così lunga e non riuscivo a vederne la fine'.  Ha aggiunto che le attese sono avvenute con temperature di 29°C e non c'erano strutture nelle vicinanze

Marianna ha detto: ‘La coda era così lunga e non riuscivo a vederne la fine’. Ha aggiunto che le attese sono avvenute con temperature di 29°C e non c’erano strutture nelle vicinanze

Marianna, 38 anni, ha detto che stava tornando da un soggiorno di una notte in Belgio con il suo partner e ha aspettato più di tre ore per prendere la sua traversata per Dover.

Ha aggiunto che non c’erano strutture nelle vicinanze con il caldo di 29°C – aggravato dalle emissioni dei grandi camion – il che significa che quelli in coda non potevano accedere ai servizi igienici o all’acqua da bere.

Ha detto a MailOnline: “Le persone stavano diventando molto frustrate. C’era molto da fare.

“La coda era così lunga e non riuscivo a vederne la fine.”

Hamail Paracha ha anche girato un video delle code per i traghetti.  Ieri le persone hanno aspettato fino a sei ore per prendere i loro traghetti

Hamail Paracha ha anche girato un video delle code per i traghetti. Ieri le persone hanno aspettato fino a sei ore per prendere i loro traghetti

Ha detto che superare la sicurezza francese è stato “molto veloce”, ma i ritardi al controllo di frontiera del Regno Unito sono stati estesi.

Scott Wright, anche lui frustrato per le code, ha twittato: “Tira fuori il tuo dito lanciando Calais.

«Sono rimasto bloccato in coda per più di un’ora e non mi sono mosso. Caos.’

I traghetti sembravano partire in orario ma Marianna ha detto che, nonostante le tre ore di attesa, la sua traversata sembrava quasi vuota una volta pronta per la partenza

I traghetti sembravano partire in orario ma Marianna ha detto che, nonostante le tre ore di attesa, la sua traversata sembrava quasi vuota una volta pronta per la partenza

I traghetti sembravano partire in orario, ma Marianna ha detto che, nonostante le sue tre ore di attesa, la sua traversata sembrava quasi vuota una volta pronta per la partenza.

Anche il giornalista della BBC Tom Hourigan è stato catturato nella “serie di code da incubo” questa sera, che gli ha fatto perdere il traghetto di linea.

Ha twittato che credeva che il problema fosse dovuto alla chiusura di sette dei 18 stand disponibili delle forze di frontiera britanniche e ai controlli individuali che richiedevano fino a tre minuti.

Le persone costrette ad aspettare in coda hanno twittato che la situazione era un “cash”.

Coloro che aspettavano a Calais si sono rivolti a Twitter per esprimere la loro frustrazione per il “caos” al porto dei traghetti

Sabato molti passeggeri hanno perso la partenza e P&O ha indirizzato traghetti extra per i viaggiatori scontenti dopo aver fatto la fila fino a tarda sera.

Craig Price, dell’Essex, ha detto alla BBC di aver trascorso cinque ore a Calais sabato dopo aver viaggiato attraverso l’Italia e la Francia.

Ha detto: “Siamo arrivati ​​alle 15:00 e siamo arrivati ​​alle 20:00… Il design del porto non sembra in grado di far fronte alla necessità di controlli alle frontiere tra Francia e Regno Unito”, ha affermato.

Price ha aggiunto che solo due terzi delle cabine di controllo alle frontiere del Regno Unito erano presidiate.

La BBC ha detto che il passeggero Josh Williams sabato ha anche sopportato un’attesa di cinque ore per salire a bordo di un traghetto per il Regno Unito e ha condiviso una foto di innumerevoli auto con famiglie in fila per tornare con i propri figli prima del nuovo anno scolastico la prossima settimana.

Il porto di Calais ha subito gravi ritardi al controllo delle frontiere e del check-in con alcune famiglie che hanno perso la partenza

Il porto di Calais ha subito gravi ritardi al controllo delle frontiere e del check-in con alcune famiglie che hanno perso la partenza

Le famiglie possono essere viste in attesa fuori dalle loro auto sabato mentre le loro auto erano in coda per sei ore

Le famiglie possono essere viste in attesa fuori dalle loro auto sabato mentre le loro auto erano in coda per sei ore

Il passeggero scontento John Williams ha condiviso una foto della sua attesa di cinque ore a Calais sabato

Il passeggero scontento John Williams ha condiviso una foto della sua attesa di cinque ore a Calais sabato

Intorno alle 18:00 di sabato DFDS ha avvertito sui social media che c’erano code fino a sei ore da Calais e questa mattina presto ha chiesto ai viaggiatori di concedere almeno due ore per completare il controllo del confine e del check-in.

Un portavoce del DFDS ha detto alla BBC: “Calais è stata colpita dalla ‘tempesta perfetta’ dei volumi estivi in ​​combinazione con i controlli alle frontiere post-Brexit, causando sei ore di fila”.

Jo Van Herwegen, del Surrey, ha detto di essere stata fortunata ad avere l’acqua mentre aspettava cinque ore al caldo con i suoi due figli.

Ha detto al notiziario della BBC: “Era poco a che fare con la quantità di persone, ma con la disposizione scadente e nessun controllo del traffico”.

Ha detto che stavano viaggiando nel Regno Unito dal Belgio e sono arrivati ​​al porto in anticipo, tuttavia dopo un’ora avevano spostato solo due auto in avanti nell’auto.

P&O Ferries ha dichiarato ieri sui social media: “Abbiamo un’altra partenza per questa sera per aiutare tutti a raggiungere Dover. Una volta superate le code, sarai alla prossima traversata per Dover.

“Ci scusiamo sinceramente per i tempi di attesa. Questi sono dovuti alle code ai controlli di frontiera.’

Un utente di Twitter ha pubblicato un video e ha detto: “Benvenuto al porto di Calais e benvenuto alla Brexit”.

Un altro ha detto: “Se ieri, il controllo francese ha impiegato 2 minuti perché avevano un sacco di corsie aperte, poi arriviamo alla parte del Regno Unito ed è questo!”

Anche la congestione a Calais è stata pesante la scorsa settimana.

Un utente di Twitter ha detto: “I nostri ragazzi ci sono rimasti seduti per quasi 3 ore la scorsa settimana. Nessun servizio igienico in coda. Saluti, partiti. Ben fatto.’

Un altro ha twittato: “Mercoledì 2 ore di ritardo”.

Un'altra foto delle code al porto di venerdì che mostra lunghe file fermi di viaggiatori

Un’altra foto delle code al porto di venerdì che mostra lunghe file fermi di viaggiatori

Un altro utente di Twitter ha postato questa foto di tre ore di fila della scorsa settimana - hanno detto che non c'erano servizi igienici disponibili

Un altro utente di Twitter ha postato questa foto di tre ore di fila della scorsa settimana – hanno detto che non c’erano servizi igienici disponibili

Nella foto: le code a Calais mercoledì mentre i viaggiatori si sono seduti al check-in e al controllo di frontiera per due ore

Nella foto: le code a Calais mercoledì mentre i viaggiatori si sono seduti al check-in e al controllo di frontiera per due ore

Ci sono stati tempi di coda simili a Calais il 24 agosto, a causa del traffico intenso in arrivo dall’Eurotunnel dopo che i passeggeri hanno dovuto lasciare le loro auto ed uscire attraverso un tunnel di servizio di emergenza quando sono stati attivati ​​gli allarmi dei treni.

Un portavoce di Le Shuttle ha detto all’epoca: “Lo Shuttle è stato fermato e ispezionato. A scopo precauzionale, per la loro sicurezza e comodità, abbiamo trasferito i passeggeri a bordo su un’altra navetta, attraverso il tunnel di servizio [which is there for exactly that purpose].

“Li abbiamo portati all’edificio del terminal passeggeri, dove erano disponibili cibo e bevande”.

Gli utenti di Twitter si sono rivolti alla piattaforma per esprimere la loro frustrazione per i lunghi tempi di attesa al porto di Calais

Gli utenti di Twitter si sono rivolti alla piattaforma per esprimere la loro frustrazione per i lunghi tempi di attesa al porto di Calais

Ultime Notizie

Back to top button