I Verdi francesi rischiano l’estinzione. Ciò potrebbe aiutare Von der Leyen.

Ma le due delegazioni più grandi del gruppo dei Verdi hanno culture politiche diverse. IL Verde fanno parte della coalizione di governo tedesca dal 2021 e si stanno spostando verso posizioni più pragmatiche, mentre i Verdi in Francia rimangono un partito di opposizione.

Questo abisso ha già portato in passato ad attriti reciproci sugli accordi commerciali internazionali, all’estensione del mercato del carbonio dell’UE al carburante per automobili e caldaie e al conflitto in corso a Gaza.

“Nel contesto di questa nuova narrativa, che si concentra maggiormente sullo sviluppo industriale, sulla decarbonizzazione, sulla competitività, sulla sovranità… i Verdi tedeschi si sentiranno sicuramente molto più a loro agio di quelli francesi” data la loro esperienza di governo, ha affermato Antoine Oger, direttore della ricerca presso l’Università Institute for European Environmental Policy, un think tank con sede a Bruxelles.

Ma Mélanie Vogel, senatrice dei Verdi francesi e co-presidente del Partito Verde europeo, ha avvertito che anche se i Verdi francesi non vincessero alcun seggio al Parlamento europeo, il loro sostegno a von der Leyen non è ancora scontato. “Ci sarà una posizione di gruppo che sarà scelta democraticamente”, ha detto.

Anche le delegazioni più piccole, tra cui quella del peso massimo dei Verdi olandesi Bas Eickhout – che è destinato a guidare il gruppo in Parlamento insieme a Reintke nel prossimo mandato – dovrebbero svolgere un ruolo centrale in questa decisione.

In campagna elettorale

La campagna dei Verdi francesi è vista come troppo focalizzata su questioni sociali controverse che non sono riuscite a guadagnare ampio consenso e non sono riuscite a elevare il cambiamento climatico allo status di questione centrale nelle elezioni europee.

Ultime Notizie

Back to top button