I veterani americani ricevono il benvenuto da eroi in Francia prima dell’anniversario del D-Day

DEAUVILLE/PARIGI —

La folla ha applaudito e applaudito l’arrivo dei veterani americani negli aeroporti francesi prima delle cerimonie che celebravano l’ottantesimo anniversario del D-Day, quando più di 150.000 soldati alleati sbarcarono in Normandia per scacciare le forze della Germania nazista.

Molti di coloro che sono arrivati ​​in aereo dal fine settimana fino a lunedì avevano più di 100 anni, spinti su sedie a rotelle da parenti e assistenti.

“È irreale. È irreale. Wow”, ha detto Reynolds Tomter, 107 anni, all’aeroporto Charles-de-Gaulle di Parigi mentre gli studenti sventolavano bandiere americane e francesi e mostravano le foto dei veterani.

“È fantastico… e sono così grato di aver avuto l’opportunità di essere di nuovo qui, con mio figlio con me”, ha detto Bill Wall, 101 anni, mentre suo figlio Ray lo spingeva agli arrivi.

“Ho perso alcuni grandi amici. Tutte queste persone che sono là fuori sulle loro croci e sulle tombe senza targa sono i veri eroi. Mi dà la possibilità di rendere loro omaggio di cui hanno così tanto bisogno. Riporterà alcuni ricordi di alcuni grandi gente”, ha aggiunto.

Dopo aver stretto la mano agli studenti, Dave Yoho, 95 anni, ha detto: “Il mio cuore è pieno. Il mio cuore è pieno”.

A Deauville, in Normandia, lunedì è atterrato un volo appositamente noleggiato.

In tutta la Normandia, dove spiagge e campi portano ancora le cicatrici dei combattimenti scoppiati il ​​6 giugno 1944 e nelle settimane che seguirono, fervevano i preparativi per le cerimonie ufficiali. Parteciperanno i leader mondiali, dal presidente degli Stati Uniti Joe Biden al cancelliere tedesco Olaf Scholz.

Già nel fine settimana, a Vierville-sur-Mer, una cittadina appena sopra Omaha Beach – uno dei settori in cui sbarcarono i soldati statunitensi – è stato allestito un campo di rievocazione, offrendo ai visitatori la possibilità di vedere quale equipaggiamento utilizzavano i soldati. .

La gente faceva giri su jeep e veicoli blindati della Seconda Guerra Mondiale.

“È sempre molto intenso quando incontriamo i veterani, perché hanno sempre molte storie da raccontare e si prova ancora l’emozione”, ha detto Julie Boisard, che vive in Normandia e ha preso parte alla rievocazione.

Una manciata di membri in servizio della 29a divisione di fanteria della Guardia nazionale della Virginia osservavano la spiaggia presa d’assalto dai loro anziani 80 anni prima.

“È storico, è memorabile… ed è anche molto emozionante”, ha detto il militare americano Esaw Lee. “Quei ragazzi erano così coraggiosi e così mitici. Erano leggendari.”

Con la guerra che infuria ai confini dell’Europa nel 2024, la cerimonia del D-Day di questo anniversario avrà una risonanza speciale.

Tra gli ospiti ci sarà anche il presidente ucraino Volodymyr Zelenskiy. La Russia, che ha lanciato un’invasione su vasta scala dell’Ucraina nel 2022, dando inizio al più grande conflitto armato europeo dalla Seconda Guerra Mondiale, non è stata invitata agli eventi del D-Day.

Le commemorazioni “ci ricordano che siamo stati occupati per quattro anni e che siamo stati liberati dagli americani”, ha detto Marie-Therese Legallois, che aveva sette anni al momento del D-Day, e lo ricorda vividamente.

“Ma provo sempre un po’ di tristezza nel vedere che la guerra continua, in Ucraina o altrove.”

Ultime Notizie

Back to top button