Il boom della criminalità legata alla droga minaccia le democrazie dell’UE

Lo stato di diritto nelle democrazie europee rischia di essere minato a meno che i leader dell’UE non intensifichino in modo significativo la loro risposta a un boom della criminalità legata alla droga, ha detto a POLITICO il capo dell’agenzia di polizia del blocco.

Il capo di Europol, Catherine De Bolle, ha affermato che l’Europa ha sostituito gli Stati Uniti come principale mercato di riferimento per i trafficanti internazionali di droga e che si prevede che gli arrivi di droga aumenteranno nei prossimi due anni a causa di un eccesso di produzione.

Il risultato è un aumento della violenza e della corruzione strisciante in diversi punti caldi del traffico di droga, tra cui il porto di Anversa in Belgio, poiché le bande criminali cercano sempre più di infiltrarsi nelle società di logistica, nel governo locale e persino nel sistema giudiziario, ha avvertito De Bolle.

“Vediamo che l’Unione Europea è diventata più importante [for the criminals] rispetto agli Stati Uniti. I paesi europei sono predominanti per il momento”, ha detto. “Vediamo che per i prossimi due anni avremo un aumento delle droghe verso l’Unione Europea perché c’è più produzione”.

L’avvertimento di De Bolle, ex capo della polizia federale belga, arriva mentre l’UE deve affrontare molteplici sfide allo stato di diritto nel blocco, anche in paesi come la Bulgaria, che si trova lungo una rotta chiave per l’importazione di droga dal Medio Oriente e dove la criminalità organizzata è ampiamente vista come intrecciata con il governo.

Tuttavia, De Bolle ha affermato che il problema dell’aggravarsi dell’Europa con la criminalità organizzata legata alla droga non riguarda solo l’Europa centrale e orientale. Sta affliggendo anche gli hub ricchi nell’Europa occidentale e settentrionale, da Anversa in Belgio a Rotterdam e Amsterdam nei Paesi Bassi, ad Amburgo in Germania e piccoli porti in Spagna e le città costiere della Svezia.

“Rotterdam e Anversa sono molto importanti per i gruppi criminali. Ma vediamo che più lavoriamo nei grandi porti, ci sono anche porti più piccoli, come Amburgo, o porti in Spagna, che sono molto redditizi e interessanti per i narcotrafficanti”. lei disse.

Un effetto collaterale immediato dei cartelli esportatori di droga dal Sud America che uniscono le armi ai gruppi mafiosi in Europa è un aumento della criminalità violenta. “Ciò che ci preoccupa davvero è l’aumento della violenza. Non solo la violenza regolare: omicidi a contratto, torture, esplosioni, violenza davvero dura e dura con un sacco di morti”, ha detto.

In effetti, diversi paesi europei sono rimasti scioccati negli ultimi anni da omicidi di droga di alto profilo. Nei Paesi Bassi, il cui porto di Rotterdam è una via d’ingresso chiave per la droga in Europa, lo sfacciato omicidio nel 2021 di un importante giornalista di cronaca nera, Peter R. de Vries, e dell’avvocato Derk Wiersum nel 2019 ha spinto la nazione a interrogarsi e a impegnarsi a rompere giù sulle bande di droga.

“Situazione molto difficile”

In Belgio, sede delle istituzioni dell’UE, l’uccisione di una ragazzina di 11 anni per violenza legata alla droga all’inizio di quest’anno ad Anversa ha suscitato una protesta simile, mentre l’anno scorso la polizia ha scoperto un complotto per rapire il ministro della giustizia del paese, Vincent Van Quickenborne, portando a una sicurezza rafforzata per lui. “Molto preoccupante ma prevedibile”, ha reagito all’epoca Bart De Wever, sindaco di destra di Anversa.

I campanelli d’allarme suonano anche in Svezia, Spagna e Germania, dove De Bolle ha affermato che il porto di Amburgo è diventato una destinazione chiave per i trafficanti. Il problema per i leader dell’UE è che in ciascuno di questi punti caldi, i trafficanti stanno gradualmente intaccando lo stato di diritto corrompendo i lavoratori della logistica, rilevando i sistemi informatici, infiltrandosi nel governo locale e persino nei tribunali e nella polizia, ha affermato.

“Abbiamo scoperto un porto in cui tutti erano corrotti. Se abbandoniamo determinate aree, puoi avere situazioni davvero difficili in cui i criminali prendono il sopravvento”, disse De Bolle, rifiutandosi di nominare il porto.

Diversi paesi europei sono rimasti scioccati negli ultimi anni da omicidi di droga di alto profilo | Nicolas Maeterlinck/BELGA MAG/AFP tramite Getty Images

Ha aggiunto: “Loro [the drug gangs] si stanno infiltrando nelle nostre società … Vogliono decidere su grandi questioni nella nostra società. Abbiamo bisogno che questa sia una priorità nei prossimi anni se vogliamo salvare e proteggere i gruppi vulnerabili”.

Sebbene l’Europa non sia così piena di fentanil, un oppioide sintetico ultra potente dietro un numero enorme di morti per overdose, come negli Stati Uniti, il suo uso sta crescendo in Estonia, Svezia, Finlandia e Germania, secondo l’Osservatorio europeo delle droghe e tossicodipendenza (OEDT).

Di fronte a una situazione in peggioramento, i leader dell’UE e i capi delle forze dell’ordine stanno intensificando i loro sforzi per combattere l’assalto delle bande. Nel 2021, una massiccia operazione di puntura coordinata in più paesi e incentrata su telefoni crittografati ha portato a circa 800 arresti, molti dei quali in Europa. E i leader di sei governi europei – Belgio, Germania, Francia, Italia, Spagna e Paesi Bassi – hanno formato una coalizione anticrimine per condividere informazioni e lavorare insieme contro la criminalità organizzata.

Ma i leader devono fare della lotta alla criminalità organizzata una priorità ancora maggiore se vogliono evitare che i cittadini perdano la fiducia nel sistema, ha avvertito De Bolle.

“Siamo in una situazione molto difficile”, ha detto. “Siamo indietro”.

Ultime Notizie

Back to top button