Il boss egiziano di una banda internazionale di trafficanti di esseri umani rischia anni di carcere dopo essere stato arrestato a Londra per aver organizzato traversate in barca dalla Libia all’Italia come “trappole mortali”

  • LEGGI DI PIÙ: Uomo egiziano arrestato con l’accusa di traffico di migranti
  • Ahmed Ebid, 40 anni, ha organizzato traversate in barca come “trappole mortali”.
  • La sentenza dovrebbe essere pronunciata più tardi oggi

Il boss egiziano di una rete internazionale di trafficanti di esseri umani ha ammesso di aver aiutato migliaia di migranti a passare dal Nord Africa all’Europa.

Ahmed Ebid, 40 anni, l’anno scorso ha organizzato traversate in barca come “trappole mortali” con le reti di trafficanti di esseri umani nel Nord Africa, trasferendo centinaia di migranti alla volta attraverso il Mediterraneo, dalla Libia all’Italia.

Ebid è stato arrestato dagli agenti della National Crime Agency a Hounslow, nella zona ovest di Londra, il 21 giugno, a seguito di un’operazione che ha coinvolto la guardia costiera italiana e la Guardia di Finanza.

Ebid, di Church Road, Isleworth, ha ammesso di aver cospirato per favorire l’immigrazione illegale in uno stato membro dell’Unione Europea, fornendo imbarcazioni per traghettare migranti dalla Libia e dall’Italia tra il 3 ottobre 2022 e il 21 luglio 2023.

In precedenza aveva negato il reato, ma il 31 ottobre aveva cambiato la sua dichiarazione in colpevole.

Ahmed Ebid, 40 anni, l’anno scorso ha organizzato traversate in barca come “trappole mortali” con le reti di trafficanti di persone in Nord Africa, trasferendo centinaia di persone alla volta attraverso il Mediterraneo, dalla Libia all’Italia

Una traversata organizzata da Ebid lo scorso ottobre ha visto più di 640 migranti salvati dalle autorità italiane dopo aver tentato la traversata su una barca di legno dalla Libia. È stato portato in porto in Sicilia.

In un altro, 265 migranti sono stati salvati dalla guardia costiera italiana da un peschereccio di 20 metri trovato alla deriva nel Mediterraneo all’inizio di dicembre. La barca aveva lasciato Bengasi in Libia.

Nell’aprile di quest’anno sono state organizzate altre due operazioni di ricerca e salvataggio a seguito di chiamate di soccorso alla guardia costiera.

In ogni caso a bordo di ogni imbarcazione c’erano più di 600 migranti.

Gli investigatori della NCA ritengono che Ebid stesse mantenendo la comunicazione con i suoi associati in tutta Europa e Nord Africa durante le traversate.

Ebid è stato arrestato da agenti della National Crime Agency a Hounslow, nella zona ovest di Londra, il 21 giugno, a seguito di un'operazione che ha coinvolto la guardia costiera italiana e la Guardia di Finanza.

Ebid è stato arrestato da agenti della National Crime Agency a Hounslow, nella zona ovest di Londra, il 21 giugno, a seguito di un’operazione che ha coinvolto la guardia costiera italiana e la Guardia di Finanza.

Darren Barr, funzionario investigativo senior presso la NCA, ha dichiarato: “Il traffico di esseri umani è un problema internazionale e affrontarlo in ogni fase del percorso è una priorità per la NCA.

“Sospettiamo che quest’uomo abbia condotto le sue operazioni dal Regno Unito e abbia ideato il traffico di migliaia di migranti.

“Il tipo di imbarcazioni utilizzate dai gruppi criminali organizzati per le traversate sono trappole mortali e purtroppo molte persone sono morte in seguito agli incidenti nel Mediterraneo, il che dimostra il livello di pericolo.

“Continueremo a condividere informazioni e ad agire con i partner per prevenire gli attraversamenti e arrestare i trafficanti di esseri umani qui e all’estero.”

Ebid dovrebbe essere condannato più tardi oggi.

Ultime Notizie

Back to top button