Il Breve – In guerra per la natura

La scuola è quasi finita per l’estate. Dopo la sessione plenaria di Strasburgo della prossima settimana, i legislatori dell’UE non dovranno recarsi mensilmente in Alsazia per quasi due mesi. La sessione di luglio a Strasburgo è in genere un affare rilassato, l’ordine del giorno ridotto al minimo mentre i deputati si rilassano. Ma non quest’anno.

Invece, questa volta assisteremo alla prima battaglia ideologica campale che potrebbe preparare il terreno per la campagna elettorale europea del prossimo anno.

Abbondano le voci che il leader del Partito popolare europeo (PPE) Manfred Weber stia virando a destra su una serie di leggi chiave, una mossa che sembra essere motivata dal desiderio di pubblicizzare le credenziali di bassa regolamentazione del partito di centrodestra per gli affari e creare nuove alleanze con i nazionalisti del gruppo dei conservatori e riformisti europei (ECR) che potrebbero plasmare il prossimo mandato.

Una di queste leggi è la Nature Restoration Law, che potrebbe finire per essere strangolata alla nascita in un voto decisivo la prossima settimana.

Il destino della legge sul ripristino della natura potrebbe essere deciso in meno di un minuto: il voto sull’opportunità di respingere la proposta della Commissione si svolgerà per primo. Se dovesse sopravvivere, i funzionari affermano che il voto sugli emendamenti al testo potrebbe richiedere diverse ore.

L’NRL ha già avuto un brutto giro da parte di eurodeputati e governi nazionali e la commissione per l’ambiente del Parlamento ha votato per respingerlo con il minimo dei margini a giugno, fissando il giorno del giudizio mercoledì prossimo (12 luglio).

Gli esperti di politica sottolineano che la proposta è una specie di pasticcio, con i legislatori che mettono in dubbio l’impatto della legge su altre politiche come la produzione di energia rinnovabile, la produzione alimentare sostenibile, l’edilizia abitativa e le catene di approvvigionamento europee per materie prime critiche e altre industrie verdi.

Se sopravviverà o meno dipenderà probabilmente dai legislatori centristi di Renew Europe e dai dissidenti del PPE. Un blocco di destra composto dal PPE, dall’ECR e dall’estrema destra Identità e Democrazia (ID) ha dichiarato che voterà per respingerlo.

Un portavoce del PPE ha dichiarato ieri a EURACTIV che il gruppo di centrodestra è “unito” nella sua determinazione a sopprimere il disegno di legge.

D’altra parte, i funzionari del gruppo socialista affermano di ritenere che i numeri siano dalla loro parte, aggiungendo che la difesa del Green Deal, di cui l’NRL fa parte, sarà al centro della loro campagna elettorale.

Per il centrosinistra, anche l’NRL è personale: Frans Timmermans, il commissario europeo per il Green Deal che ha presentato la proposta, è stato lo Spitzenkandidat dei socialisti europei alle ultime elezioni europee, anche se ha lasciato intendere che potrebbe non essere un contendente anche questa volta .

Anche Pascal Canfin, l’eurodeputato francese Renew che presiede la commissione per l’ambiente del Parlamento, ha criticato apertamente le tattiche del PPE, e Manfred Weber personalmente, e sembra determinato a fare del destino dell’NRL un punto di incontro.

Un disegno di legge che mira a ripristinare gli habitat europei potrebbe sembrare un’improbabile fonte di divisione ideologica. Ma la guerra del Parlamento contro la natura non è uno scherzo.

L’edizione di oggi è fornita da Amazon

Stipendi superiori di almeno il 6% rispetto al salario minimo in tutta l’UE

In tutta l’Unione Europea, offriamo uno stipendio competitivo per aiutare con il costo della vita.
È solo uno dei vantaggi di Amazon.

Scopri di più →

La carrellata

Austria e Svizzera hanno ufficialmente aderito al programma di difesa aerea European Sky Shield (ESSI) a guida tedesca firmando una dichiarazione di intenti venerdì.

Il Lussemburgo sarà esonerato dal raggiungimento dell’obiettivo di spesa per la difesa del 2% del PIL della NATO per tenere conto delle specificità nazionali nella valutazione dei suoi impegni, ha appreso EURACTIV.

Secondo una bozza di posizione che il Consiglio sta per adottare, ottenuta da Statewatch ed EURACTIV, i governi dell’UE sono pronti ad abbattere i piani volti a rendere più facile per i cittadini extracomunitari vivere e lavorare in tutto il blocco.

La Commissione europea ha avviato un’indagine approfondita sulla proposta di acquisizione da parte di Amazon del produttore di aspirapolvere intelligenti iRobot, per timore che possa limitare la concorrenza nel mercato del prodotto.

Le istituzioni europee hanno concordato giovedì sulle modalità per istituire il fondo per incrementare la produzione di munizioni e missili nel blocco, ma hanno rinviato a una fase successiva i negoziati su alcune deroghe normative.

La revisione della Corte dei conti europea (ECA) sulla digitalizzazione dei fondi dell’UE, pubblicata giovedì, ha descritto l’attuale panorama dei sistemi utilizzati dalla Commissione europea per gestire i fondi e gli sviluppi previsti.

Secondo uno studio del Parlamento europeo, i piani strategici nazionali della maggior parte degli Stati membri dell’UE per la politica agricola comune riformata (PAC) danno la priorità al sostegno economico delle aziende agricole a scapito di ambiziose misure ambientali.

La valutazione d’impatto e l’aggiornamento della Commissione europea sul piano di tagli ai pesticidi dell’UE ha suscitato reazioni contrastanti tra le parti interessate e i legislatori, suscitando appelli a smettere di bloccare la riforma e avvertimenti sulle conseguenze per l’agricoltura europea.

Non perdere l’ultimo Tech Brief e l’Agrifood Brief per un riepilogo settimanale delle notizie sulle politiche.

Fai attenzione a…

  • La presidente della Commissione Ursula von der Leyen incontra domenica il primo ministro neozelandese Chris Hipkins, testimone della firma dell’accordo di libero scambio UE-Nuova Zelanda.
  • Lunedì il commissario Paolo Gentiloni incontra il vicesegretario al Tesoro statunitense Wally Adeyemo.
  • Consiglio “Affari generali” di lunedì.
  • Riunione informale dei ministri dell’Ambiente dal lunedì al martedì.

Le visualizzazioni sono dell’autore

[A cura di Zoran Radosavljevic/Nathalie Weatherald]

Ultime Notizie

Back to top button