Il cantante italiano Jovanotti sotto tiro per i concerti del Jova Beach Party

I concerti in spiaggia di Jovanotti ampiamente criticati dagli ecologisti.

Il cantante italiano Lorenzo Cherubini, meglio conosciuto come Jovanotti, affronta le accuse degli ambientalisti secondo cui il suo tour di concerti del Jova Beach Party sta danneggiando il fragile ecosistema delle spiagge in tutta Italia.

In vista del doppio concerto di Jovanotti sulla spiaggia del Muraglione a Viareggio il 2-3 settembre, la Procura di Lucca ha aperto un’inchiesta per danni ambientali, secondo il Corriere della Sera.

L’indagine riguarda la “distruzione o deterioramento di habitat all’interno di un sito protetto”, riporta il quotidiano, e fa seguito a una denuncia presentata alla procura della Toscana.

Il caso è contro “ignoti” e nessun nome – almeno per ora – è iscritto nel registro degli indagati, secondo il Corriere.

Il 2-3 luglio 2022 è iniziato a Lignano Sabbiadoro, nel nord-est dell’Italia, il tour di concerti del Jova Beach Party.

La mossa arriva tra i ripetuti avvertimenti degli ambientalisti che i concerti su larga scala hanno un impatto devastante sui già fragili ecosistemi delle spiagge italiane.

Gli ecologisti affermano che l’appiattimento delle aree costiere intorno alle spiagge e alle dune di sabbia aumenta i rischi di erosione e danneggia l’habitat dei trampolieri che nidificano a terra come il fratino o il piviere rosso.

La Stampa ha pubblicato di recente una lettera aperta dal titolo “Caro Jovanotti, questa volta ti sbagli”, del noto ecologista Mario Tozzi che ha scritto: “I concerti con 50.000 persone non sono sostenibili da nessun sistema naturale, soprattutto dalle nostre spiagge già compromesse”.

Gli ecologisti in Italia affermano che i concerti su larga scala sulle spiagge mettono a rischio il fragile habitat di uccelli come il fratino.

Jovanotti, 55 anni, ha difeso la sua serie di 21 concerti, iniziata il 2 luglio e che si concluderà il 10 settembre, rispondendo alla critica che ha definito “eco-nazisti” e “pericolosi mitomani”.

L’artista, che ha 3,7 milioni di follower su Twitter, afferma che tutti i suoi concerti “JBP” hanno ricevuto la necessaria approvazione dalle autorità locali, regionali e nazionali.

Jovanotti ha anche sottolineato che la serie di concerti a livello nazionale è sostenuta dal World Wildlife Fund (WWF), che a sua volta è stato attaccato dagli ambientalisti.

Mentre il tour continua e le polemiche incalzano, diversi politici si sono espressi a sostegno di Jovanotti, tra cui Matteo Salvini, leader della Lega di destra, che su Twitter ha scritto: “Lasciate che gli artisti si esprimano e lasciate che i giovani abbiano il loro divertimento”.

Il sindaco di centrosinistra di Bergamo Giorgio Gori su Twitter ha detto che attaccare il Jova Beach Party è diventato “lo sport dell’estate”, dicendo che era “tipico da noi: se qualcuno fa qualcosa di bello, di festoso, che funziona, bisogna trovare un modo rovinare la festa”.

Ultime Notizie

Back to top button