Esteri

Il capo delle Nazioni Unite paga la seconda chiamata all’Ucraina, visiterà il porto esportatore di grano del Mar Nero

“Domani, si unirà al presidente Recep Tayyip Erdoğan in un incontro ospitato dal presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy”, ha detto il vice portavoce delle Nazioni Unite Farhan Haq durante una regolare conferenza stampa a New York.

“Continuerà a visitare Odesa e poi Istanbul nei prossimi giorni”, ha aggiunto.

Controllo del grano

Durante la sua visita, il capo delle Nazioni Unite si fermerà in uno dei tre porti ucraini coinvolti nel quadro dell’Iniziativa del Mar Nero per esportare grano di grano.

Prima dell’inizio del conflitto a febbraio, l’Ucraina esportava fino a sei milioni di tonnellate di grano al mese.

Tuttavia, la guerra ha innescato la carenza di grano che ha lasciato i paesi africani tra i più colpiti.

Ieri come prima barca umanitaria nell’ambito dell’Iniziativa partita per il Corno d’Africa, il capo del Programma alimentare mondiale (WFP), David Beasley, aveva affermato che l’apertura dei porti del Mar Nero è “la cosa più importante che possiamo fare bene adesso”.

“Ci vorrà più delle navi di grano fuori dall’Ucraina per fermare la fame nel mondo, ma con il ritorno del grano ucraino sui mercati globali abbiamo la possibilità di fermare questa crisi alimentare globale da un’ulteriore spirale”, ha affermato.

Viaggia avanti

Prima di tornare a New York, Guterres si fermerà a Istanbul, in Turchia, per visitare il Centro di coordinamento congiunto, il meccanismo che sostiene l’attuazione dell’Iniziativa del Mar Nero, mediata dalle Nazioni Unite, sulle esportazioni di grano.

Questa è la seconda chiamata che Guterres rivolge all’Ucraina dopo l’invasione russa iniziata il 24 febbraio.

Il Segretario Generale è volato per la prima volta nel Paese alla fine di aprile, quando ha visitato la periferia devastata della capitale, Kiev, e ha incontrato il Presidente Zelensky e altri alti funzionari del Paese.

Ultime Notizie

Back to top button