Il capo dell’Interpol della Moldavia accusato di corruzione

L’alto funzionario della Moldavia per l’Interpol è stato arrestato e incriminato con l’accusa di corruzione, ha detto il suo avvocato venerdì (7 giugno), dopo diversi arresti questa settimana in una vasta operazione sugli “avvisi rossi” sabotati per sospetti ricercati.

Secondo le autorità francesi, quattro dipendenti del Ministero degli Interni sono stati arrestati martedì in alcune incursioni in decine di luoghi della Moldavia in relazione ad un programma di corruzione.

Secondo il procuratore francese per i crimini finanziari Jean-Francois Bohnert, secondo il programma, le persone ricercate potrebbero bloccare o cancellare gli avvisi rossi che li prendono di mira pagando tangenti ad agenti pubblici, soprattutto in Moldavia.

Fonti vicine all’operazione hanno affermato che le persone prese di mira avevano legami con la criminalità organizzata.

L’Interpol, la cui sede è nella città francese di Lione, afferma che la sospetta frode riguardava solo “un piccolo numero” delle 70.000 segnalazioni rosse dell’organizzazione.

I quattro funzionari moldavi sono stati rilasciati dalla custodia mentre le indagini continuano.

Ma giovedì, il funzionario del ministero degli Interni Viorel Tentiu, che dirige il centro di cooperazione internazionale di polizia della Moldavia ed è l’alto funzionario del paese che collabora con l’Interpol, è stato incriminato e ordinato di detenzione, ha detto all’AFP il suo avvocato Sergiu Bularu.

“Il signor Viorel Tentiu si dichiara non colpevole dell’accusa di corruzione”, ha detto, aggiungendo che il suo cliente stava facendo appello contro i suoi 30 giorni di detenzione.

Il procuratore capo anticorruzione della Moldavia, Veronica Dragalin, ha affermato che l’operazione per catturare tutte le persone coinvolte nel piano è ancora in corso e che potrebbero essere effettuati ulteriori arresti.

Il primo ministro della Moldavia Dorin Recean ha affermato che la repressione sottolinea gli sforzi anti-corruzione del governo.

“Abbiamo avuto così tanta corruzione negli ultimi 30 anni. Qui finalmente abbiamo alcuni risultati nell’identificazione e nella punizione di queste persone corrotte”, ha detto giovedì Recean.

Il governo filo-UE della Moldavia sta spingendo affinché l’ex repubblica sovietica di 2,5 milioni di abitanti aderisca all’UE.

Il paese, incastrato tra l’Ucraina dilaniata dalla guerra e la Romania, membro dell’UE, è un candidato ufficiale ad aderire all’Unione Europea dal giugno 2022.

Scopri di più con Euractiv

L’aiutante di Biden solleva possibili maggiori dispiegamenti di armi nucleari strategiche statunitensi

Ultime Notizie

Back to top button