Il clima estremo nell’Europa meridionale e a Maiorca vede un “meteo-tsunami”

Annuncio

Il clima estremo continua a devastare parti dell’Europa meridionale, con un “allarme di caldo eccessivo in atto in Italia, ondate di “meteo-tsunami” anomale che colpiscono le Isole Baleari e incendi mortali che devastano i villaggi turchi. Si prevede che oggi la colonnina di mercurio salirà fino a 42°C nella città di Foggia, nel sud dell’Italia, mentre gli hotel in Sicilia avrebbero allontanato i turisti a causa della siccità sull’isola.

In Spagna, un video drammatico ha mostrato il momento in cui un’enorme onda si è sollevata sulla strada nella località turistica di Puerto Alcudia, nelle Baleari, una zona popolare tra i turisti.  Un video simile è emerso oggi di un'onda anomala che spazza via i lettini a Minorca all'inizio di questa settimana.  Nel frattempo, nel sud-est della Turchia, cinque persone hanno perso la vita e decine sono rimaste ferite in un enorme incendio che ha devastato diversi villaggi durante la notte, ha detto venerdì il ministro della Sanità del paese.

In Spagna, un video drammatico ha mostrato il momento in cui un’enorme onda si è sollevata sulla strada nella località turistica di Puerto Alcudia, nelle Baleari, una zona popolare tra i turisti. Un video simile è emerso oggi di un’onda anomala che spazza via i lettini a Minorca all’inizio di questa settimana. Nel frattempo, nel sud-est della Turchia, cinque persone hanno perso la vita e decine sono rimaste ferite in un enorme incendio che ha devastato diversi villaggi durante la notte, ha detto venerdì il ministro della Sanità del paese.

Le immagini pubblicate sui social media mostrano che le fiamme infuriano su una vasta area, consumando intere aree boschive e illuminando il cielo notturno mentre vaste nuvole di fumo si alzano nell’aria.  Anche l’Italia si sta ora preparando agli incendi, con avvertimenti che l’ondata di caldo combinata con condizioni di siccità potrebbe produrre le circostanze ideali per incendi in aree come la Sardegna e la Sicilia.  L’isola è stata in prima linea nell’affrontare le estati più calde a causa dei cambiamenti climatici, registrando la temperatura più alta registrata in Europa di 48,8°C nel 2021.

Le immagini pubblicate sui social media mostrano che le fiamme infuriano su una vasta area, consumando intere aree boschive e illuminando il cielo notturno mentre vaste nuvole di fumo si alzano nell’aria. Anche l’Italia si sta ora preparando agli incendi, con avvertimenti che l’ondata di caldo combinata con condizioni di siccità potrebbe produrre le circostanze ideali per incendi in aree come la Sardegna e la Sicilia. L’isola è stata in prima linea nell’affrontare le estati più calde a causa dei cambiamenti climatici, registrando la temperatura più alta registrata in Europa di 48,8°C nel 2021.

Anche le estati stanno diventando più lunghe e più calde, con la preoccupazione che il caldo estremo stia già attanagliando la zona all’inizio della stagione.  Ad Agrigento, una destinazione nota per i suoi incredibili templi greci, i turisti vengono allontanati dai bed and breakfast perché le scorte d'acqua si stanno esaurendo.  Francesco Picarella, responsabile locale dell'associazione degli albergatori Federalberghi, ha dichiarato questa settimana al Times: 'La fornitura d'acqua è attiva due o tre volte alla settimana.  Tutte le case hanno cisterne per immagazzinare l'acqua, ma per alcune non basta.  I luoghi senza acqua dirottano i turisti verso altri B&B.  Ed è solo giugno.

Anche le estati stanno diventando più lunghe e più calde, con la preoccupazione che il caldo estremo stia già attanagliando la zona all’inizio della stagione. Ad Agrigento, una destinazione nota per i suoi incredibili templi greci, i turisti vengono allontanati dai bed and breakfast perché le scorte d’acqua si stanno esaurendo. Francesco Picarella, responsabile locale dell’associazione degli albergatori Federalberghi, ha dichiarato questa settimana al Times: ‘La fornitura d’acqua è attiva due o tre volte alla settimana. Tutte le case hanno cisterne per immagazzinare l’acqua, ma per alcune non basta. I luoghi senza acqua dirottano i turisti verso altri B&B. Ed è solo giugno.” Anche la capitale Roma ha sperimentato un forte caldo, con immagini di turisti in fila per prendere l’acqua fuori dal Colosseo.

Il picco dell’ondata di caldo è previsto oggi, prima che un sistema meteorologico si sposti nelle regioni settentrionali che dovrebbe portare acquazzoni, con avvisi di temporali in atto e forti piogge che dovrebbero causare inondazioni. Nel frattempo una massa d’aria calda ha provocato a Maiorca uno strano fenomeno meteorologico: il cosiddetto “meteo-tsunami”. Nel video del momento in cui l’acqua cade sulla strada, si possono vedere persone che camminano davanti all’allarmante alluvione a Puerto Alcudia, sulla costa nord-orientale dell’isola.

Chiamato localmente “rissaga”, il fenomeno è causato da temporali sopra la massa d’aria, dicono i meteorologi. Eventi meteorologici in rapido movimento, come i temporali, fanno sì che l’acqua si alzi o scenda in modo “notevole” in pochi minuti e con pochissimo preavviso. Il portavoce del Met Office spagnolo, Miquel Gili, ha spiegato: ‘Le variazioni di pressione influenzano il livello del mare. «Se la pressione aumenta, il mare diminuisce; se la pressione diminuisce, il mare si alza. La caratteristica principale di questi innalzamenti e abbassamenti è che “In soli 15 minuti il ​​livello del mare può alzarsi o abbassarsi in modo molto evidente e poi ritornare al suo stato normale”.

Ciò arriva dopo che martedì è stata emessa un’allerta meteo color ambra per l’isola spagnola. L’agenzia meteorologica nazionale spagnola AEMET ha avvertito che c’è una probabilità del 40-70% che si verifichi un meteo-tsunami tra mercoledì alle 18:00 e giovedì alle 8:00. Nel frattempo sono le condizioni di siccità che stanno affliggendo la Turchia, consentendo agli incendi simili a fornaci di prendere piede nella regione sudorientale curda che hanno provocato vittime. “Cinque persone sono morte e 44 sono rimaste ferite, 10 in modo grave”, quando l’incendio ha devastato due aree tra le province di Diyarbakir e Mardin, ha scritto su X, ex Twitter, il ministro della Sanità Fahrettin Koca.

Il ministro dell’Interno Ali Yerlikaya ha detto che l’incendio è scoppiato giovedì tardi, quando un “incendio di stoppie” a circa 30 chilometri a sud di Diyabakir si è diffuso rapidamente a causa dei forti venti, colpendo cinque villaggi. Il ministro della Sanità ha detto che sul posto sono state inviate sette squadre di emergenza e 35 ambulanze. Il partito filo-curdo turco DEM in un post su X ha esortato le autorità a “intervenire rapidamente” per affrontare l’incendio dall’alto mentre infuriava venerdì mattina presto. «Finora l’intervento dal campo non è stato sufficiente. Le autorità devono intervenire in modo più completo e dal cielo, senza perdere tempo”, ha affermato.

Secondo gli ultimi dati del Sistema europeo di informazione sugli incendi boschivi (EFFIS), quest’anno la Turchia è stata colpita da 74 incendi boschivi, che hanno devastato 12.910 ettari di territorio.  Nell’estate del 2021, la Turchia ha subito i peggiori incendi di sempre, che hanno causato la morte di nove persone e la distruzione di enormi aree boschive lungo le coste del Mediterraneo e dell’Egeo.  Il disastro ha provocato una crisi politica dopo che è emerso che la Turchia non disponeva di aerei antincendio funzionanti, aumentando la pressione sul presidente Recep Tayyip Erdogan che è stato costretto ad accettare l’aiuto internazionale.

Secondo gli ultimi dati del Sistema europeo di informazione sugli incendi boschivi (EFFIS), quest’anno la Turchia è stata colpita da 74 incendi boschivi, che hanno devastato 12.910 ettari di territorio. Nell’estate del 2021, la Turchia ha subito i peggiori incendi di sempre, che hanno causato la morte di nove persone e la distruzione di enormi aree boschive lungo le coste del Mediterraneo e dell’Egeo. Il disastro ha provocato una crisi politica dopo che è emerso che la Turchia non disponeva di aerei antincendio funzionanti, aumentando la pressione sul presidente Recep Tayyip Erdogan che è stato costretto ad accettare l’aiuto internazionale.

Ciò ha anche spinto Ankara a far approvare la ritardata ratifica da parte della Turchia dell’Accordo sul clima di Parigi, diventando l’ultima delle 20 principali economie del Gruppo a farlo.  Gli esperti affermano che il cambiamento climatico è destinato ad alimentare ulteriori incendi e altri disastri in Turchia, a meno che non vengano adottate misure per affrontare il problema.

Ciò ha anche spinto Ankara a far approvare la ritardata ratifica da parte della Turchia dell’Accordo sul clima di Parigi, diventando l’ultima delle 20 principali economie del Gruppo a farlo. Gli esperti affermano che il cambiamento climatico è destinato ad alimentare ulteriori incendi e altri disastri in Turchia, a meno che non vengano adottate misure per affrontare il problema.

Vuoi altre storie come questa dal Daily Mail?  Premi il pulsante Segui in alto per ulteriori notizie di cui hai bisogno.

Vuoi altre storie come questa dal Daily Mail? Premi il pulsante Segui in alto per ulteriori notizie di cui hai bisogno.

Ultime Notizie

Back to top button