Il Consiglio di sicurezza ha esortato a intensificare i finanziamenti per le operazioni di pace dell’UA

Nel briefing degli ambasciatori sulla Giornata dell’Africa, il sottosegretario generale Rosemary DiCarlo ha presentato l’ultimo rapporto delle Nazioni Unite sulla garanzia di risorse prevedibili, sostenibili e flessibili per le operazioni di sostegno alla pace guidate dall’UA e commissionate dal Consiglio.

La natura mutevole del conflitto in Africa ha costretto i partner ad adattare le loro operazioni in risposta a sfide nuove e in continua evoluzione.

Flusso di finanziamento sicuro

“Il caso per finanziare adeguatamente le operazioni di sostegno alla pace guidate dall’UA lo è oltre il solido. Siamo quindi fiduciosi che il Consiglio di sicurezza accetterà di fornire il proprio sostegno, compreso il permesso accesso ai contributi valutati dall’ONU,” lei disse.

Il rapporto elenca il modello di missione congiunta e i pacchetti di supporto forniti dalle Nazioni Unite come le due opzioni di finanziamento più pratiche, che sarebbero autorizzate caso per caso.

Delinea inoltre una pianificazione consultiva standardizzata e un processo di mandato, attraverso il quale l’ONU, l’UA e le configurazioni subregionali possono valutare la risposta richiesta a una crisi emergente.

“Questo processo rassicurerebbe il Consiglio che una determinata situazione è stata rivisto sistematicamente da tutte le entità interessate. Aiuterebbe quindi il Consiglio a decidere se i contributi valutati possono essere imposti”, ha affermato.

Crescente insicurezza, carenza di finanziamenti

La signora DiCarlo ha fornito una panoramica della cooperazione tra UA e ONU, osservando che è così cresciuto in modo significativo dalla firma del quadro congiunto del 2017 sul partenariato rafforzato per la pace e la sicurezza.

Ha affermato che negli ultimi 20 anni l’Unione africana si è dimostrata pronta a dispiegare rapidamente operazioni di sostegno alla pace in risposta ai conflitti, anche in Burundi, Repubblica Centrafricana, Comore, Mali, Somalia e Sudan.

Queste missioni hanno affrontato problemi ricorrenti come la carenza di finanziamenti e, sebbene il supporto fornito dall’ONU e dai partner sia stato utile, è stato anche imprevedibile.

“Osservando le diverse parti del continente, è ovvio che la necessità di porre le operazioni di pace dell’UA su basi solide è sempre più pressante”, ha affermato, riferendosi a situazioni in luoghi come il Sahel, Somalia, Mozambico e Repubblica Democratica del Congo orientale.

“In Africa e altrove, la crescente insicurezza è caratterizzata da un uso crescente di tattiche asimmetriche e la raffinatezza dei gruppi estremisti armati e l’espansione dell’influenza della criminalità organizzata transnazionale”, ha continuato. “Questi fenomeni connessi richiedono approcci e risposte globali proporzionati”.

Progressi sulla conformità

Il finanziamento delle operazioni guidate dall’UA è stato a problema di lunga data nel Consiglio di sicurezza, in particolare sulla creazione di un meccanismo per consentire finanziamenti parziali attraverso contributi valutati dall’ONU.

La signora DiCarlo ha riferito che, in linea con due risoluzioni del Consiglio, l’UA ha compiuto progressi significativi per affrontare la sfida finanziaria delle sue operazioni di pace e per garantire il rispetto dei diritti umani internazionali e del diritto umanitario, nonché degli standard disciplinari e di condotta delle Nazioni Unite.

Rilevando che le operazioni di pace dell’UA dovrebbero essere considerate come parte della gamma di risposte alle crisi in Africa, insieme ai meccanismi stabiliti dalle Nazioni Unite, ha chiesto il sostegno del Consiglio.

“Come ha affermato il Segretario generale, un’azione concreta su questa questione di lunga data affronterà a divario critico nell’architettura internazionale di pace e sicurezza e rafforzare gli sforzi dell’Unione africana per affrontare le sfide della pace e della sicurezza nel continente”.

Stand with Africa: Guterres

Nel frattempo, il capo delle Nazioni Unite António Guterres ha osservato che la cooperazione e la solidarietà per far avanzare il futuro del continente sono più necessarie che mai.

“Non vedo l’ora che arrivino i governi africani continuando a cogliere le opportunità che si presentano dalla ricchezza naturale, umana e imprenditoriale del continente, lavorando per aumentare gli investimenti privati ​​e raccogliere risorse interne”, ha affermato nel suo messaggio per la Giornata dell’Africa.

La commemorazione annuale di maggio celebra la fondazione dell’Organizzazione dell’Unione Africana, il precursore dell’Unione Africana, il 25 maggio 1963.

Il Segretario generale ha esortato la comunità internazionale a schierarsi con l’Africa poiché i molteplici aumenti – dal COVID-19 al clima e ai conflitti – continuano a causare grandi sofferenze lì.

Ha inoltre affermato che i paesi africani lo sono sottorappresentati nella governance globale istituzioni, come il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, e hanno negato la riduzione del debito e il finanziamento agevolato di cui hanno bisogno.

“L’Africa merita la pace, la giustizia e la solidarietà internazionale”, ha affermato. “Con la cooperazione e la solidarietà internazionale, questo può essere il secolo dell’Africa.”

Ultime Notizie

Back to top button