Il Cremlino cerca di coprire le tracce dell'attentato all'ospedale pediatrico di Kiev

Mentre l'attentato all'ospedale pediatrico di Kiev veniva condannato in tutto il mondo, i funzionari russi negavano la responsabilità del loro Paese nell'attacco e cercavano addirittura di addossare la colpa all'Ucraina e ai suoi sostenitori occidentali.

L'attacco di lunedì all'ospedale di Okhmatdyt è avvenuto nel contesto di una serie di attacchi in tutta l'Ucraina, nei quali sono morte 43 persone, tra cui bambini, e ne sono rimaste ferite circa 200.

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha condannato fermamente i bombardamenti e ha affermato che la Russia deve essere ritenuta responsabile.

In relazione agli attacchi, su richiesta degli alleati di Kiev, il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite ha tenuto martedì una riunione di emergenza.

Joyce Msuya, sottosegretario ad interim delle Nazioni Unite per gli affari umanitari, ha dichiarato al consiglio: “Dirigere intenzionalmente attacchi contro un ospedale protetto è un crimine di guerra e i responsabili devono essere ritenuti responsabili. … Questi incidenti fanno parte di un modello profondamente preoccupante di attacchi sistemici che danneggiano l'assistenza sanitaria e altre infrastrutture civili in tutta l'Ucraina”.

“State con l'Ucraina”

In una dichiarazione rilasciata lunedì, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha definito gli attacchi “un orribile promemoria della brutalità della Russia”.

“È fondamentale che il mondo continui a sostenere l'Ucraina in questo momento importante e che non ignoriamo l'aggressione russa”, ha affermato.

Il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha negato la responsabilità russa per l'attacco, dicendo ai giornalisti nel suo briefing quotidiano di martedì di “farsi guidare” dalle informazioni del Ministero della Difesa russo, che, ha detto, “escludono assolutamente che ci siano stati attacchi contro obiettivi civili e affermano che stiamo parlando di un sistema antimissile in caduta”.

“Continuiamo a insistere sul fatto che non attacchiamo obiettivi civili”, ha detto Peskov, citato dalla Reuters. “Gli attacchi vengono condotti contro infrastrutture critiche, contro obiettivi militari che sono in un modo o nell'altro correlati al potenziale militare del regime”.

Oksana Femeniuk, a sinistra, e sua figlia Solomiia ricevono regali dai volontari, un giorno dopo essere sopravvissute a un attacco missilistico russo sull'ospedale pediatrico Okhmatdyt, a Kiev, Ucraina, 9 luglio 2024.

Da parte sua, la portavoce del Ministero degli Esteri russo Maria Zakharova ha affermato che l'ospedale pediatrico è stato colpito da un missile terra-aria lanciato dall'Ucraina.

Il Security Service of Ukraine, o SBU, ha pubblicato delle fotografie scattate sul sito dell'attacco missilistico, che mostrano quello che sembravano essere frammenti di un missile da crociera Kh-101 di fabbricazione russa. L'SBU ha affermato che i suoi investigatori avevano stabilito che la Russia era responsabile dell'attacco, che ha definito un “crimine di guerra”.

La versione dei fatti fornita dall'SBU è stata rafforzata da Danielle Bell, capo della missione delle Nazioni Unite per il monitoraggio dei diritti umani in Ucraina.

“L'analisi del filmato e una valutazione effettuata sul luogo dell'incidente indicano un'alta probabilità che l'ospedale pediatrico abbia subito un colpo diretto piuttosto che subire danni a causa di un sistema d'arma intercettato”, ha affermato la donna, citata dalla Reuters.

Tuttavia, l'ambasciatore russo negli Stati Uniti, Anatoly Antonov, ha ribadito le affermazioni di Peskov e Zakharova secondo cui l'Ucraina sarebbe responsabile dell'attacco all'ospedale, e ha anche attaccato gli alleati dell'Ucraina in Occidente.

Antonov ha affermato che “un missile di difesa aerea ucraino” ha colpito l’ospedale, definendo i rapporti statunitensi secondo cui un missile da crociera russo era da attribuire a “isteria” e “rabbiosa propaganda anti-russa”.

“Non è la prima volta” che Kiev attribuisce “i propri crimini barbari alla Federazione Russa”, ha scritto Antonov su Telegram. Ha aggiunto che l'attacco, avvenuto alla vigilia del vertice NATO a Washington, è stato visto dall'Occidente “come un 'regalo eccellente' per giustificare un'ulteriore escalation del conflitto e la continuazione della guerra fino all'ultimo ucraino”.

Antonov ha affermato che gli Stati Uniti dovrebbero smettere di fornire armi all'Ucraina.

Richiamato l'aereo abbattuto

Volodymyr Fesenko, direttore del think tank Center for Political Studies di Kiev, ha affermato che i tentativi dei funzionari russi di deviare la colpa dell'attacco all'ospedale pediatrico sono stati sorprendentemente simili alla reazione dei funzionari russi all'abbattimento di un Boeing 777 della Malaysia Airlines da parte delle forze controllate dalla Russia nel luglio 2014, in cui morirono tutti i 283 passeggeri e 15 membri dell'equipaggio.

“A quel tempo, la Russia ha elaborato circa una dozzina e mezza di versioni di quanto accaduto, che erano estremamente lontane dall'essere plausibili”, ha detto Fesenko al Russian Service di ColorNews. “Hanno tirato fuori strani testimoni da qualche parte che hanno cercato di dimostrare che il Boeing era stato abbattuto da missili o caccia ucraini. La cosa principale era distogliere l'attenzione dalla versione principale, che indicava il coinvolgimento della Russia nel crimine. Alla fine, il team investigativo internazionale ha stabilito che l'aereo passeggeri era stato abbattuto da un sistema di difesa aerea russo Buk”.

Gli attacchi missilistici russi di lunedì contro l'Ucraina, che hanno ucciso anche sette persone in un ospedale per la maternità e colpito un edificio residenziale a Kiev, sono stati un tentativo deliberato del presidente Vladimir Putin di “demoralizzare gli ucraini in modo che desiderino la pace a tutti i costi” e di “fare pressione sui partner occidentali dell'Ucraina”, ha affermato Fesenko.

“Putin sta inviando un segnale che è necessario negoziare la pace con lui alle sue condizioni, per fermare le forniture militari all'Ucraina, per limitare la capacità di colpire la Russia con queste armi. Ciò è stato fatto specificamente prima del vertice NATO, e questo è un tentativo di esercitare una pressione psicologica sui partecipanti all'evento. Quindi, Putin sa cosa sta facendo”, ha detto Fesenko.

Ultime Notizie

Back to top button