Il fondatore di WikiLeaks, Julian Assange, sta affrontando un momento cruciale nella lunga lotta per rimanere fuori dalla corte americana

Londra—

L’ospite di una conferenza stampa sulla lotta all’estradizione del fondatore di WikiLeaks, Julian Assange, ha accolto ironicamente i giornalisti la scorsa settimana alla “milionesima” conferenza stampa sul suo caso in tribunale.

Deborah Bonetti, direttrice dell’Associazione della Stampa Estera, scherzava solo a metà. La saga legale di Assange si trascina da oltre un decennio, ma potrebbe concludersi nel Regno Unito già lunedì.

Assange dovrà affrontare un’udienza presso l’Alta Corte di Londra che potrebbe concludersi con il suo invio negli Stati Uniti per affrontare le accuse di spionaggio, o fornirgli un’altra possibilità di presentare ricorso contro la sua estradizione.

L’esito dipenderà da quanto peso i giudici daranno alle rassicurazioni fornite dai funzionari statunitensi sul fatto che i diritti di Assange non saranno calpestati se andrà sotto processo.

Ecco uno sguardo al caso:

Di cosa è accusato Assange

Assange, 52 anni, un esperto informatico australiano, è stato incriminato negli Stati Uniti con 18 accuse relative alla pubblicazione da parte di Wikileaks di centinaia di migliaia di documenti riservati nel 2010.

I pubblici ministeri affermano che ha cospirato con l’analista dell’intelligence dell’esercito americano Chelsea Manning per hackerare un computer del Pentagono e rilasciare dispacci diplomatici segreti e file militari sulle guerre in Iraq e Afghanistan.

Affronta 17 capi d’accusa di spionaggio e un’accusa di uso improprio del computer. Se condannato, i suoi avvocati affermano che potrebbe ricevere una pena detentiva fino a 175 anni, anche se le autorità americane hanno affermato che qualsiasi pena potrebbe essere molto inferiore.

Assange e i suoi sostenitori sostengono che abbia agito come giornalista per denunciare gli illeciti militari statunitensi ed è protetto dalla libertà di stampa garantita dal Primo Emendamento della Costituzione degli Stati Uniti.

Tra i file pubblicati da WikiLeaks c’era il video di un attacco con un elicottero Apache del 2007 da parte delle forze americane a Baghdad che uccise 11 persone, tra cui due giornalisti della Reuters.

“Julian è stato incriminato per aver ricevuto, posseduto e comunicato al pubblico prove di crimini di guerra commessi dal governo degli Stati Uniti”, ha detto sua moglie Stella Assange. “Denunciare un crimine non è mai un crimine.”

Gli avvocati statunitensi affermano che Assange è colpevole di aver tentato di hackerare il computer del Pentagono e che le pubblicazioni di WikiLeaks hanno creato un “rischio grave e imminente” per le fonti dell’intelligence statunitense in Afghanistan e Iraq.

Perché il caso si è trascinato così a lungo

Mentre il procedimento penale statunitense contro Assange è stato aperto solo nel 2019, la sua libertà è stata limitata per una dozzina di anni.

Assange si è rifugiato nell’ambasciata ecuadoriana a Londra nel 2012 e gli è stato concesso asilo politico dopo che i tribunali inglesi hanno stabilito che avrebbe dovuto essere estradato in Svezia come parte di un’indagine per stupro nel paese scandinavo.

È stato arrestato dalla polizia britannica dopo che il governo dell’Ecuador ha ritirato il suo status di asilo nel 2019 e poi incarcerato per aver saltato la cauzione quando si è rifugiato per la prima volta all’interno dell’ambasciata.

I manifestanti si radunano davanti all’ambasciata ecuadoriana a Londra, l’11 aprile 2024, dove il fondatore di Wikileaks Julian Assange fu arrestato cinque anni fa.

Anche se la Svezia alla fine ha abbandonato le indagini sui crimini sessuali perché era trascorso così tanto tempo, Assange è rimasto nel carcere di massima sicurezza Belmarsh di Londra mentre la battaglia per l’estradizione con gli Stati Uniti continua.

Sua moglie ha detto che la sua salute mentale e fisica è peggiorata dietro le sbarre.

“Sta lottando per sopravvivere ed è una battaglia quotidiana”, ha detto.

Un giudice di Londra ha inizialmente bloccato il trasferimento di Assange negli Stati Uniti nel 2021 sulla base della probabilità che si sarebbe suicidato se tenuto nelle dure condizioni carcerarie americane.

Ma i tribunali successivi hanno aperto la strada al trasferimento dopo che le autorità statunitensi hanno assicurato che non avrebbe subito il trattamento severo che, secondo i suoi avvocati, avrebbe messo a rischio la sua salute fisica e mentale.

Il governo britannico ha autorizzato l’estradizione di Assange nel 2022.

Di cosa parla l’ultima udienza

Gli avvocati di Assange hanno sollevato nove motivi di appello durante un’udienza a febbraio, inclusa l’accusa che la sua accusa è politica.

La corte ha accettato tre delle sue argomentazioni, emettendo una sentenza provvisoria a marzo secondo la quale Assange avrebbe potuto portare il suo caso davanti alla Corte d’appello a meno che gli Stati Uniti non avessero garantito che non sarebbe stato condannato a morte se estradato e avrebbe avuto le stesse protezioni sulla libertà di parola di un americano. cittadino.

Gli Stati Uniti hanno fornito queste rassicurazioni tre settimane dopo, anche se i suoi sostenitori sono scettici.

Stella Assange ha affermato che le “cosiddette assicurazioni” erano costituite da “parole da donnola”.

FILE – Stella Assange, la moglie del fondatore di WikiLeaks Julian Assange, cammina, il giorno in cui l’Alta Corte si pronuncerà sulla possibilità di fare appello a Julian Assange contro l’estradizione dalla Gran Bretagna negli Stati Uniti, a Londra, il 26 marzo 2024.

Kristinn Hrafnsson, redattore capo di WikiLeaks, ha detto che i giudici avevano chiesto se Assange potesse fare affidamento sulle protezioni del Primo Emendamento.

“Dovrebbe essere una domanda facile sì o no”, ha detto Hrafnsson. “La risposta è stata: ‘Può cercare di fare affidamento sulle protezioni del Primo Emendamento.’ Questo è un “no”. Quindi l’unica decisione razionale lunedì è che i giudici escano allo scoperto e dicano: “Questo non è abbastanza buono”. Tutto il resto è scandalo giudiziario”.

Il possibile esito

Se Assange prevalesse, ciò porrebbe le basi per un processo di appello che probabilmente allungherebbe ulteriormente il caso.

Se il ricorso verrà respinto, il suo team legale prevede di chiedere l’intervento della Corte europea dei diritti dell’uomo. Ma i suoi sostenitori temono che Assange possa essere trasferito prima che il tribunale di Strasburgo, in Francia, possa fermare la sua rimozione.

“Julian è solo a una decisione dall’essere estradato”, ha detto sua moglie.

Assange, che spera di essere in tribunale lunedì, è stato incoraggiato dal lavoro svolto da altri nella lotta politica per liberarlo, ha detto sua moglie.

Se perde in tribunale, potrebbe avere ancora un’altra possibilità di libertà.

Il presidente Joe Biden ha dichiarato il mese scorso che stava prendendo in considerazione una richiesta da parte dell’Australia di archiviare il caso e lasciare che Assange tornasse nel suo paese d’origine.

I funzionari non hanno altri dettagli, ma Stella Assange ha detto che è “un buon segno” e il primo ministro australiano Anthony Albanese ha detto che il commento è incoraggiante.

Ultime Notizie

Back to top button