Il leader francese di estrema destra Bardella sostiene l’Ucraina, ma non invierà missili a lungo raggio

Parigi—

Il leader francese di estrema destra Jordan Bardella ha dichiarato mercoledì di sostenere il diritto dell’Ucraina di difendersi dalla Russia, ma che se eletto primo ministro non fornirebbe a Kiev missili che le permetterebbero di colpire il territorio russo.

Ha anche detto che manterrà gli impegni della Francia nei confronti dell’alleanza militare NATO se diventasse primo ministro.

Il partito di Bardella Rally Nazionale (RN) guida i sondaggi d’opinione in vista delle elezioni parlamentari anticipate del 30 giugno e del 7 luglio, il che ha portato a interrogarsi sulle implicazioni di politica estera se otterranno abbastanza seggi per formare un governo.

“Desidero che l’Ucraina abbia a disposizione le munizioni e le attrezzature necessarie per tenere il fronte, ma la mia linea rossa non cambierà, cioè inviare attrezzature che potrebbero avere conseguenze di un’escalation nell’Europa orientale”, ha detto Bardella ai giornalisti all’Eurosatory Arms. fiera vicino a Parigi.

“E quindi non ho intenzione di inviare, soprattutto, missili a lungo raggio o altre armi che permetteranno all’Ucraina di colpire il territorio russo. La mia posizione non è cambiata e non cambierà: si tratta di sostenere l’Ucraina ed evitare ogni rischio di escalation nella regione. E penso che il rischio di un’escalation sia ovviamente reale”.

Anche se la RN dovesse guidare il governo francese, Emmanuel Macron rimarrebbe presidente e capo dell’esercito francese.

Ma la costituzione attribuisce al primo ministro anche un ruolo in termini di difesa, con una divisione del potere non ben definita.

Macron perderebbe il controllo sull’agenda interna, compresa la politica economica, la sicurezza, l’immigrazione e le finanze, che a sua volta avrebbe un impatto su altre politiche, come gli aiuti all’Ucraina, poiché avrebbe bisogno del sostegno del parlamento per finanziare qualsiasi sostegno come parte del bilancio annuale della Francia.

Bardella ha inoltre affermato che manterrà gli impegni assunti dalla Francia nei confronti dei suoi partner, compreso l’aumento delle spese per la difesa.

“Non intendo mettere in discussione gli impegni presi dalla Francia a livello internazionale, perché è in gioco la credibilità nei confronti dei nostri partner europei così come nei confronti dei nostri alleati della NATO”, ha affermato.

“Pertanto ho intenzione di proseguire gli sforzi di riarmo del paese, sia in termini di capacità di difesa, sia di aumentare il bilancio militare attraverso gli sforzi di bilancio messi in atto negli ultimi anni, che abbiamo sostenuto”, ha aggiunto.

Ultime Notizie

Back to top button