Cronaca

Il leggendario allenatore dei Socceroos Guus Hiddink torna per aiutare l’allenatore dell’Australia in vista della Coppa del Mondo

L’artefice del ritorno dell’Australia dall’esilio della Coppa del Mondo FIFA nel 2006 è tornato.

Guus Hiddink ha notoriamente allenato i Socceroos alle finali della Coppa del Mondo dopo 32 assenze in un emozionante periodo di qualificazione culminato nella vittoria ai calci di rigore contro l’Uruguay all’MCG.

Il tecnico olandese ha anche guidato l’Australia agli ottavi di finale di Coppa del Mondo e se non fosse stato per un controverso rigore emesso contro Lucas Neil nella partita contro l’Italia, i Socceroos avrebbero potuto raggiungere i quarti di finale.

Hiddink applaude i fan dopo la sua ultima partita in carica al Chelsea nella Premier League inglese

È stata un’epoca d’oro per i Socceroos, ora l’attuale allenatore Graham Arnold spera che l’influenza di Hiddink possa influenzare la squadra attuale.

I Socceroos si sono qualificati per la Coppa del Mondo 2022 nello stesso modo drammatico del 2006, questa volta contro il Perù e in terra straniera a Doha.

Mentre i giocatori si preparano per l’espulsione finale contro la Nuova Zelanda prima della Coppa del Mondo in Qatar, Arnold ha invitato Hiddink in pensione a entrare in campo e aiutare a ispirare l’attuale raccolto di Socceroos.

Hiddink è stato un allenatore influente e ispiratore che ha resuscitato il calcio australiano

Hiddink è stato un allenatore influente e ispiratore che ha resuscitato il calcio australiano

E Hiddink si sta godendo l’esperienza, dicendo che alcuni dei suoi ricordi più belli sono stati del suo tempo al comando dei Socceroos.

“Sono molto felice di andarci”, ha detto Hiddink in un video pubblicato da Football Australia.

‘Ogni tanto quando parlo della mia carriera con le persone, metto sempre in risalto la mia esperienza con i Socceroos.

`Questo è un capitolo della mia carriera che mi ha dato molta energia. Ho conosciuto persone molto gentili e persone molto aperte, che mi sono piaciute molto.

‘Tutti i giocatori all’inizio – per quanto riguarda la qualificazione ai Mondiali – non erano molto fiduciosi, perché in passato c’è stato un fallimento. Mi è piaciuto molto l’impegno dei nostri giocatori… [but] Ho dovuto cercare un equilibrio nella squadra, non solo puntare al 100 o al 110 per cento nello spirito combattivo.

‘Ho dovuto cercare e cercare più equilibrio tra l’impegno e anche le esecuzioni tattiche di ciò che voglio giocare strategicamente… la creazione tattica per quei giocatori. È stato bello, perché quando i giocatori si impegnano, puoi lavorare con loro.’

Hiddink ha anche affermato che Arnold ha giocato un ruolo chiave nel successo dell’Australia nel 2006 e ha salutato la sua progressione al ruolo di capo allenatore dei Socceroos.

‘Ho avuto molte brave persone nel mio staff. Il protagonista era ovviamente Arnie, che mi ha dato molte informazioni sui giocatori, e io avevo bisogno delle sue informazioni e del suo contributo. Abbiamo lavorato molto bene insieme’, ha detto.

“Penso che Graham Arnold abbia ottenuto un risultato straordinario, un enorme sviluppo nella sua carriera di allenatore. Lo conoscevo, ovviamente, da giocatore agli inizi del campionato olandese, che era anche molto impegnato.

John Aloisi dell'Australia festeggia il gol della vittoria ai calci di rigore durante la gara di ritorno della partita di qualificazione alla Coppa del Mondo FIFA 2006 tra Australia e Uruguay

John Aloisi dell’Australia festeggia il gol della vittoria ai calci di rigore durante la gara di ritorno della partita di qualificazione alla Coppa del Mondo FIFA 2006 tra Australia e Uruguay

E poi si è trasferito a fare l’allenatore. All’inizio, a dire il vero, c’era un po’, secondo me, una mancanza di fiducia: ‘Posso farlo? Posso farlo?’ – sì, certo che puoi.

“Se vedi cosa ha ottenuto dal punto di vista del club… ma anche ora con questo successo della squadra olimpica e anche con la nazionale, ha fatto un ottimo lavoro”.

Arnold ha detto che non è stata solo un’opportunità per Hiddink di ispirare gli attuali Socceroos, ma anche una preziosa opportunità per gli australiani di dire addio e ringraziare l’allenatore olandese per tutto ciò che ha contribuito al calcio australiano.

Arnold e il giocatore Ajdin Hrustic festeggiano dopo aver vinto la partita degli spareggi intercontinentali della Coppa del Mondo FIFA 2022 tra Australia e Perù

Arnold e il giocatore Ajdin Hrustic festeggiano dopo aver vinto la partita degli spareggi intercontinentali della Coppa del Mondo FIFA 2022 tra Australia e Perù

“Non solo è importante cercare di riconoscere le persone che hanno dato un enorme contributo allo sport nella nostra nazione, ma credo che avere Guus in campo ispirerà i giocatori scelti per la nostra serie di due partite contro gli All Whites, tutti gareggerà per un posto nella nostra squadra finale della Coppa del Mondo FIFA che sarà annunciata a novembre”, ha detto Arnold.

“Guus è un grande narratore, quindi non vedo l’ora di vedere l’effetto che ha su questa attuale generazione di giocatori australiani. Molti dei nostri ragazzi conoscono le sue imprese e i suoi successi a livello internazionale ma non hanno mai avuto l’opportunità di incontrarlo.

“Questa sarà anche una grande opportunità per gli appassionati di calcio di dire ‘grazie’ a Guus per il suo lavoro per il football australiano nel 2005 e nel 2006”.

Ultime Notizie

Back to top button