Politica

Il mio messaggio da Hiroshima | Nuova Europa

Sabato 6 agosto sono stato orgoglioso di stare con il Primo Ministro giapponese, Fumio Kishida, e il
popolo di Hiroshima in ricordo di una catastrofe senza precedenti.

Settantasette anni fa, le armi nucleari furono lanciate sulla gente di
Hiroshima e Nagasaki.

Decine di migliaia di donne, bambini e uomini sono stati uccisi in un batter d’occhio,
incenerito in un incendio infernale. Gli edifici si sono ridotti in polvere. I bei fiumi delle città
correva con il sangue.

Coloro che sono sopravvissuti sono stati maledetti con un’eredità radioattiva, perseguitati dalla salute
problemi e soggetto a stigma per tutta la vita a causa del bombardamento nucleare.
Ho avuto il grande onore di incontrare un gruppo di quei sopravvissuti: il
hibakusha, il cui numero diminuisce ogni anno. Me l’hanno detto con fermezza
coraggio ciò a cui furono testimoni in quel giorno terrificante del 1945.

È tempo che i leader mondiali abbiano gli occhi lucidi come gli hibakusha e vedano il nucleare
armi per quello che sono. Le armi nucleari non hanno senso. Non possono consegnare
sicurezza, protezione o protezione. In base alla progettazione, forniscono solo morte e distruzione.

Sono passati tre quarti di secolo da quando i nubi di funghi si sono gonfiati sopra
Hiroshima e Nagasaki. Da allora, l’umanità ha sopportato una Guerra Fredda, decenni
di assurda capacità di rischio e diversi terrificanti quasi incidenti che hanno posto l’umanità
in pochi minuti dall’annientamento.

Ma anche durante gli abissi della Guerra Fredda, le potenze nucleari sono diventate significative
riduzioni dei loro arsenali nucleari. C’è stata un’ampia accettazione del
principi contro l’uso, la proliferazione e la sperimentazione delle armi nucleari.

Oggi rischiamo di dimenticare le lezioni del 1945. Una nuova corsa agli armamenti sta prendendo velocità, con i governi che spendono centinaia di miliardi di dollari per potenziare le loro scorte di armi nucleari. Quasi 13.000 armi nucleari sono ora detenute negli arsenali di tutto il mondo. Le crisi geopolitiche con gravi sfumature nucleari si stanno diffondendo rapidamente, dal Medio Oriente, alla penisola coreana, fino all’invasione russa dell’Ucraina.

Ancora una volta, l’umanità sta giocando con una pistola carica. Siamo un errore, uno
incomprensione, a un errore di calcolo da Armaghedon. I leader devono smettere di bussare alla porta del giorno del giudizio e togliere l’opzione nucleare
la tavola per sempre. È inaccettabile che gli stati in possesso di armi nucleari ammettano la possibilità di una guerra nucleare, che significherebbe la fine dell’umanità.

Allo stesso modo, i paesi con armi nucleari devono impegnarsi per il “no first
uso” di quelle armi. Devono anche assicurare gli stati che non hanno il nucleare
armi contro le quali non useranno o minacceranno di usare armi nucleari
loro, ed essere trasparenti in tutto. Il tintinnio della sciabola nucleare deve cessare.

Alla fine, c’è una sola soluzione alla minaccia nucleare: non avere il nucleare
armi a tutti. Questo significa aprire ogni via di dialogo, diplomazia e
negoziazione per allentare le tensioni ed eliminare queste micidiali armi di massa
distruzione.

Stiamo vedendo nuovi segni di speranza a New York, dove il mondo è venuto
insieme per la Decima Conferenza di Riesame del Trattato di Non Proliferazione
delle armi nucleari. Il Trattato è uno dei motivi principali per cui le armi nucleari
non sono stati utilizzati dal 1945. Contiene impegni giuridicamente vincolanti da raggiungere
disarmo nucleare e può essere un potente catalizzatore per il disarmo, l’unico
modo per eliminare queste orrende armi una volta per tutte.

A giugno si sono incontrati i membri del Trattato sulla proibizione delle armi nucleari
per la prima volta sviluppare una tabella di marcia verso un mondo libero da questi giorni del giudizio
dispositivi.

Non possiamo più accettare la presenza di armi appese a un filo sottile
sul futuro dell’umanità. È tempo di ascoltare il messaggio senza tempo dell’hibakusha: “Niente più Hiroshima! Niente più Nagasaki!”

È tempo di diffondere la pace. Insieme, passo dopo passo, cancelliamo queste armi dalla faccia della terra.

Ultime Notizie

Back to top button