Cultura

Il panel medico approva il suicidio assistito per l’uomo tetraplegico nelle Marche –

Una commissione medica dell’Autorità sanitaria regionale italiana nelle Marche ha approvato mercoledì la richiesta di somministrare un farmaco a un uomo tetraplegico di 44 anni chiamato Antonio che desiderava porre fine alla sua vita con il suicidio assistito.

L’uomo si batte per il diritto alla morte da quando ha perso l’uso degli arti in un incidente d’auto nel 2014. È aiutato dall’Associazione per il diritto alla morte Luca Coscioni. “Sono felice, potrò stare a casa con i miei cari fino alla fine”, ha detto Antonio, il cui cognome è stato nascosto.

Questo non è l’unico caso di suicidio assistito che ha fatto notizia di recente. Il 3 agosto il capofila dell’associazione, Marco Cappato, si è denunciato ai Carabinieri di Milano dopo aver accompagnato un malato terminale di cancro in una clinica svizzera per suicidarsi. Il caso della donna, una 69enne di nome Elena, aveva commosso la nazione dopo aver registrato un videomessaggio in cui spiegava la sua decisione prima di morire. “Avrei preferito finire la mia vita nel mio letto”, ha detto. Cappato rischia una pena detentiva fino a 12 anni per aver assistito al suicidio.

L’attivista, che ha aiutato anche altre persone in situazioni simili, ha rimproverato i politici italiani per non aver approvato la legislazione sui problemi di fine vita. “Non c’è stata risposta dal parlamento, dal mondo politico, dai leader dei grandi partiti”, ha detto. «Il disegno di legge di iniziativa popolare che abbiamo presentato nove anni fa non è stato discusso, nemmeno per un minuto, nelle ultime due legislature.

“Siamo arrivati ​​a questo”, ha aggiunto. “Di fronte alla richiesta di Elena, avremmo potuto guardare dall’altra parte o darle l’aiuto che cercava, sotto gli occhi di tutti e assumendoci la totale responsabilità”. Cappato ha contribuito a creare un precedente legale quando ha aiutato DJ Fabo, un disc jockey romano tetraplegico, a suicidarsi in una clinica svizzera nel 2017. La Corte costituzionale ha successivamente autorizzato Cappato in relazione a questo caso, affermando che il suicidio assistito potrebbe essere legittimo in alcuni casi se il persona che voleva morire era in una sofferenza intollerabile.

La corte ha anche chiesto al parlamento di approvare una legislazione che si occupasse di questioni di fine vita, cosa che finora non è riuscita a fare. A giugno Antonio è stato il primo a commettere legalmente il suicidio assistito in Italia sulla base della sentenza della Corte Costituzionale. Elena non era idonea al suicidio assistito in Italia a causa delle specificità del suo caso.

Ultime Notizie

Back to top button