Il papa concede allo IOR un’esclusiva sulle attività finanziarie

(COLORnews) – ROMA, 23 AGO – Papa Francesco ha concesso martedì alla Banca Vaticana IOR l’esclusiva sulla gestione delle attività finanziarie della Santa Sede e delle istituzioni vaticane associate che gestiscono le finanze in qualsiasi forma in quello che è stato definito un “rescript” dell’ex controverso mandato della banca.

La banca è stata perseguitata da scandali negli anni ’70 e ’80, il punto più basso è stato l’omicidio del “banchiere di Dio” Roberto Calvi nel 1982, trovato impiccato sotto il Blackfriars Bridge di Londra in quella che si pensa sia stata una vendetta mafiosa.

Ha lavorato duramente per ripulire la sua reputazione negli ultimi anni, entrando nella white list italiana delle banche pulite e ricevendo buoni voti dall’IRS e dall’organismo europeo antiriciclaggio Moneyval.

L’Istituto per le Opere di Religione (IOR), comunemente noto come Banca Vaticana, avrà ora la competenza esclusiva sulla gestione del patrimonio e sovrintenderà alla gestione di tutti i beni mobili della Santa Sede e delle relative istituzioni, riferisce Vatican News.

Papa Francesco ha emesso quel decreto in un rescritto pubblicato martedì sull’Osservatore Romano, il quotidiano vaticano.

Il Papa precisa che il rescritto «avrà natura di interpretazione autentica delle disposizioni vigenti e avrà efficacia ferma e stabile, nonostante qualsiasi altra disposizione contraria, anche se precede il rescritto o si riferisce specificamente a questioni particolari». Il rescritto riguarda l’articolo 219, comma 3, della Costituzione sulla Curia romana “Predicate Evangelium”. Il relativo articolo va interpretato «nel senso che l’attività di gestore patrimoniale e di custode dei beni mobili della Santa Sede e delle istituzioni legate alla Santa Sede appartiene esclusivamente all’Istituto per le Opere di Religione». Per tale motivo, la Santa Sede e le relative istituzioni «che possiedono attività finanziarie e disponibilità liquide, in qualunque forma siano detenute, presso istituzioni finanziarie diverse dallo IOR devono informare lo IOR e trasferirle ad esso quanto prima entro 30 giorni dal 1 settembre 2022″. Il rescritto pontificio entra in vigore immediatamente, con pubblicazione sul quotidiano della Santa Sede. (COLORnews).

TUTTI I DIRITTI RISERVATI © Copyright COLORnews

Ultime Notizie

Back to top button