Mondo

Il Parlamento europeo sospende i lavori con il Qatar in risposta a un’indagine penale

Il Parlamento europeo ha votato giovedì per sospendere tutti i lavori sulla legislazione legata al Qatar dopo che le accuse di corruzione che coinvolgono un vicepresidente del parlamento hanno scosso l’assemblea.

I pubblici ministeri sospettano che il vicepresidente, Eva Kaili, e altre tre persone abbiano preso tangenti dal Qatar, che ospita la Coppa del mondo, nel suo presunto tentativo di influenzare il processo decisionale dell’Unione europea.

In una conferenza stampa dopo il voto, il presidente del Parlamento Roberta Metsola ha detto ai giornalisti che il procedimento penale di un’indagine della polizia belga è stato dannoso per la democrazia, per l’Europa, “e per tutto ciò che rappresentiamo… una fiducia che ha richiesto anni per essere costruita. “

Ha annunciato la prevista attuazione di un pacchetto di riforme, pronto entro il primo dell’anno, che includerebbe “il rafforzamento dei sistemi parlamentari di protezione degli informatori, il divieto di tutti i gruppi di amicizia non ufficiali, una revisione del controllo del nostro codice di regole di condotta e uno sguardo completo e approfondito su come interagiamo con i paesi terzi”.

Il Parlamento europeo, uno degli organi legislativi dell’Unione europea, ha dichiarato che sospenderà tutti i lavori sui fascicoli legislativi relativi al Qatar, in particolare sulla liberalizzazione dei visti, un accordo sull’aviazione tra l’Unione europea e il Qatar e le visite programmate, fino a quando le accuse non saranno confermate o respinte.

I legislatori dell’UE hanno sostenuto la risoluzione 541-2 e si sono detti “sconvolti” dalla presunta corruzione, uno dei più grandi scandali del sindacato fino ad oggi.

Gli investigatori belgi hanno perquisito 19 case e gli uffici del Parlamento europeo, esaminando le accuse secondo cui il Qatar avrebbe pagato grosse tangenti per influenzare i dibattiti politici del parlamento.

Una fonte vicina alle indagini ha detto all’agenzia di stampa Reuters che nei raid sono stati sequestrati 1,6 milioni di dollari e che le persone sono state arrestate con l’accusa di corruzione, tra cui il vicepresidente del parlamento Eva Kaili della Grecia.

Lunedì le autorità di Atene hanno congelato i beni di Kaili e anche il suo partito politico in Grecia ha sospeso l’ex presentatore televisivo. Sia i funzionari di Kaili che quelli del Qatar hanno negato qualsiasi illecito.

Alcune informazioni per questo rapporto sono arrivate da The Associated Press e Reuters.

Ultime Notizie

Back to top button