Cultura

Il personale della campagna Trump 2016 è stato rilasciato dagli accordi di non divulgazione –

Ai lavoratori della campagna elettorale viene chiesto di firmare accordi di non divulgazione. Un giudice federale a Manhattan lo scorso anno ha dichiarato “non valide e inapplicabili” le clausole di riservatezza e non denigrazione che fanno parte di tali NDA. La campagna presidenziale di Donald Trump del 2016 ha quindi liberato gli ex membri dello staff dalle sezioni chiave di un accordo di non divulgazione, consentendo loro di parlare della loro esperienza, buona o cattiva.

Martedì, l’avvocato della campagna di Trump Jared Blumetti ha presentato una lettera con una dichiarazione firmata a giugno da un funzionario del comitato della campagna in cui affermava che non avrebbero “mai applicato o tentato di far rispettare alcuna disposizione di riservatezza o non denigrazione contenuta negli accordi scritti firmati da qualsiasi dipendente , appaltatori indipendenti o volontari che hanno lavorato per la campagna per le elezioni presidenziali del 2016”.

Blumetti ha anche scritto che la campagna ha inviato un avviso agli ex membri dello staff avvertendoli che non erano più vincolati da quelle parti dell’accordo.

Un ex membro dello staff, Jessica Denson, aveva intentato una causa contro i funzionari della campagna. Dopo aver appreso della sentenza, Denson ha dichiarato: “In un’altra clamorosa vittoria per la mia squadra, la campagna di Trump sta sventolando bandiera bianca nella mia lunga battaglia per la verità e la responsabilità”, quindi aggiungendo: “Ma non permetteremo alla campagna di Trump di aggirare il misure legali necessarie per garantire che questi accordi di non divulgazione siano del tutto inapplicabili sia dalla campagna stessa che dalla moltitudine di terze parti che pretende di conferire potere, incluso l’ex presidente stesso”.

Il giudice distrettuale degli Stati Uniti Paul Gardephe ha stabilito l’anno scorso che il linguaggio nelle clausole di riservatezza e non denigrazione – che limitavano ciò che lo staff poteva dire non solo sulla campagna, ma anche su Trump, la sua famiglia e i suoi affari – era troppo vago e ampio per essere esecutiva.

Gli arbitri che presiedono le lotte dell’NDA che coinvolgono altri ex membri dello staff della campagna sono giunti a conclusioni simili; all’inizio di quest’anno un arbitro ha ordinato alla campagna di pagare $ 350.000 all’ex membro dello staff Alva Johnson per aver tentato di premere l’accordo “inapplicabile”.

Ultime Notizie

Back to top button