Mondo

Il primo ministro olandese dovrebbe scusarsi per la schiavitù

Il primo ministro olandese, Mark Rutte, terrà un discorso lunedì in cui dovrebbe scusarsi per il ruolo del paese nella tratta degli schiavi e per l’impatto duraturo della schiavitù.

L’emittente tedesca Deutsche Welle riferisce che i ministri olandesi si sono recati nelle ex colonie olandesi per l’evento.

Tuttavia, non tutte le ex colonie ei gruppi di attivisti sono contenti del modo in cui è stato organizzato l’evento, affermando che ha “un’atmosfera coloniale” e che non sono stati consultati.

Gli olandesi hanno trafficato circa 600.000 africani per lavorare come schiavi, principalmente nei Caraibi e in Sud America.

Pepijn Brandon, professore di storia economica e sociale globale presso la Libera Università di Amsterdam, ha dichiarato alla BBC: “I Paesi Bassi sono una delle società europee con i legami più diretti ed estesi con la schiavitù”.

Secondo la BBC, un recente rapporto ha rilevato che i dipendenti di colore del ministero degli Esteri erano stati oggetto di commenti razzisti e ignorati per promozioni. Il rapporto ha anche rilevato che i paesi africani erano stati definiti “paesi scimmia” nelle comunicazioni interne, ha affermato la BBC.

Ultime Notizie

Back to top button