Mondo

Il principale esperto cinese afferma che COVID “si sta diffondendo rapidamente” dopo l’allentamento delle regole

Pechino —

Uno dei massimi esperti di salute cinesi ha avvertito di un aumento dei casi di COVID-19, hanno detto domenica i media statali, sulla scia della decisione del governo di abbandonare la sua strategia inflessibile contro il coronavirus.

Negozi e ristoranti a Pechino sono deserti mentre il Paese attende un picco di infezioni in seguito alla decisione di ridurre la portata dei test obbligatori, consentire ad alcuni casi positivi di mettere in quarantena a casa e porre fine ai blocchi su larga scala.

Il principale epidemiologo Zhong Nanshan ha dichiarato ai media statali in un’intervista pubblicata domenica che il ceppo Omicron del virus prevalente in Cina era altamente trasmissibile e potrebbe portare a un aumento dei casi.

“Il [current] La mutazione di Omicron… è molto contagiosa… una persona può trasmettere a 22 persone”, ha detto Zhong, uno dei principali consiglieri del governo durante la pandemia.

“Attualmente, l’epidemia in Cina si sta… diffondendo rapidamente, e in tali circostanze, non importa quanto siano forti la prevenzione e il controllo, sarà difficile interrompere completamente la catena di trasmissione”.

L’allentamento della cosiddetta politica cinese “zero-COVID” ha fatto seguito alle proteste a livello nazionale contro le dure regole sui virus che avevano colpito l’economia e confinato milioni di persone nelle loro case.

Ma il paese sta ora affrontando un’ondata di casi che non è preparato a gestire, con milioni di anziani ancora non completamente vaccinati e ospedali sottofinanziati che non sono in grado di accogliere un numero enorme di pazienti.

Il paese ha un posto letto in terapia intensiva per 10.000 persone, ha avvertito venerdì Jiao Yahui, direttore del Dipartimento per gli affari medici presso la Commissione sanitaria nazionale.

Ha detto che 106.000 medici e 177.700 infermieri saranno reindirizzati alle unità di terapia intensiva per far fronte al picco di pazienti affetti da coronavirus, ma non ha fornito dettagli su come ciò influenzerebbe la capacità del sistema sanitario di curare altre malattie.

“Ho paura di uscire”

Lunghe file si sono formate domenica fuori dalle farmacie di Pechino mentre i residenti si precipitavano ad accumulare medicine per il raffreddore e la febbre e kit per il test dell’antigene.

Alcuni hanno detto ad AFP che stavano ordinando farmaci dalle farmacie nelle città vicine.

“Ho chiesto alla mia famiglia a Shijiazhuang di spedire medicine per la febbre perché le farmacie vicine non hanno scorte”, ha detto Julie Jiang, residente a Pechino.

Decine di ristoranti e piccole attività commerciali a Pechino hanno affisso cartelli dicendo che erano “temporaneamente chiusi”, senza fornire dettagli.

Diverse importanti piattaforme online di consegna di generi alimentari e alimentari, tra cui Meituan, Fresh Hippo e Ding Dong, stavano lottando per operare a Pechino senza un numero sufficiente di corrieri.

“Ho paura di uscire”, ha detto Liu Cheng, madre di due bambini piccoli che vivono nella zona centrale di Jianguomen a Pechino.

“Molti dei miei amici con sintomi COVID sono risultati positivi durante l’autotest, ma non l’hanno segnalato alle autorità né sono andati in ospedale”.

I casi ufficiali in Cina sono diminuiti drasticamente sulla scia della decisione del governo di eliminare i test di massa di routine, con solo gruppi speciali, inclusi operatori sanitari e autisti delle consegne, esentati dalle regole.

Ultime Notizie

Back to top button