Ultime notizie

Il reddito di base è stato un “fallimento totale”, afferma Meloni –

(COLORnews) – ROMA, 17 AGO – Giorgia Meloni, leader del partito Fratelli d’Italia (FdI), che si appresta a diventare la prima premier postfascista e prima donna d’Italia dopo le elezioni politiche del 25 settembre, ha detto mercoledì che una delle sue prime le mosse sarebbero quelle di abrogare il beneficio del reddito di base del “salario di cittadinanza” che, secondo lei, era stato un “fallimento totale”.

Il reddito di cittadinanza era una politica di punta del movimento populista 5 stelle (M5S), il cui allora leader, il ministro degli Esteri Luigi Di Maio, con il provvedimento disse “abbiamo abolito la povertà”.

FdI è stato l’unico partito a votare contro, ha osservato con orgoglio Meloni.

Mercoledì Meloni in un video su Facebook: “Il reddito di cittadinanza è stato un totale fallimento, nonostante abbia per lo Stato un costo esorbitante di circa nove miliardi di euro l’anno.

«Tendendo un velo misericordioso sulle migliaia e migliaia di truffe che ha generato – favorendo anche criminali, mafiosi e spacciatori di droga – ha fallito come strumento di lotta alla povertà che doveva essere abolita e invece ha raggiunto il massimo storico , e ha fallito come misura di politica attiva del lavoro, visto che pochissimi dei suoi beneficiari sono stati assunti alla fine e hanno trovato un lavoro dignitoso”. Se ha detto che lo “Stato giusto” che lei e i suoi alleati avrebbero inaugurato “creerebbe posti di lavoro per tutti”.

Meloni è in corsa a capo di un’alleanza con il leader nazionalista leghista Matteo Salvini e il leader di centrodestra di Forza Italia (FI) e tre volte ex premier e magnate dei media Silviio Berlusconi.

Si prevede che la coalizione otterrà una netta maggioranza in entrambe le camere del parlamento dopo il 25 settembre e Meloni, come il più grande elettore di voti, diventerebbe premier. (COLORnews).

TUTTI I DIRITTI RISERVATI © Copyright COLORnews

Ultime Notizie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button