Il Regno Unito arresta il ricco russo mentre la polizia prende di mira i sostenitori di Putin

LONDRA —

Le autorità britanniche hanno arrestato un ricco uomo d’affari russo con l’accusa di riciclaggio di denaro, tra gli sforzi per interrompere la potenziale attività criminale da parte di oligarchi e altri legati al presidente russo Vladimir Putin.

La National Crime Agency ha detto che giovedì più di 50 agenti di un’unità specializzata hanno fatto irruzione nella casa multimilionaria del sospettato a Londra, sequestrando diversi dispositivi digitali e una quantità “significativa” di denaro. L’uomo non è stato nominato.

“La Combatting Kleptocracy Cell dell’NCA, istituita solo quest’anno, sta riscuotendo un notevole successo nell’indagare su potenziali attività criminali da parte di oligarchi, i fornitori di servizi professionali che li supportano e li abilitano e quelli legati al regime russo”, ha dichiarato in una nota il direttore generale dell’agenzia Graeme Biggar. Sabato. “Continueremo a utilizzare tutti i poteri e le tattiche a nostra disposizione per interrompere questa minaccia”.

L’arresto arriva mentre la Gran Bretagna lavora con gli Stati Uniti, l’Unione Europea e altri paesi per soffocare il flusso di denaro verso il regime di Putin dopo l’invasione russa dell’Ucraina. Il Regno Unito ha imposto sanzioni a più di 1.300 individui ed entità, inclusi 120 ricchi imprenditori noti come oligarchi, con un patrimonio mondiale stimato in oltre 160 miliardi di dollari, secondo il governo britannico.

L’uomo d’affari preso di mira nel raid di giovedì è stato arrestato con l’accusa di riciclaggio di denaro, associazione a delinquere per falsa testimonianza e associazione a delinquere per frodare il Ministero dell’Interno, l’agenzia governativa responsabile dell’immigrazione e delle forze dell’ordine.

Anche un uomo di 35 anni che lavora presso la residenza del sospettato è stato arrestato dopo essere stato visto lasciare la proprietà con una borsa contenente migliaia di dollari in contanti, ha detto l’agenzia. Un terzo uomo, 39 anni, che è l’ex fidanzato dell’attuale partner dell’uomo d’affari, è stato arrestato nella sua casa nella zona di Pimlico, a ovest di Londra, con l’accusa di reati tra cui riciclaggio di denaro e cospirazione per frode.

L’NCA ha affermato che l’operazione faceva parte del suo sforzo per interrompere le attività di figure imprenditoriali internazionali corrotte e dei loro facilitatori. Circa 100 operazioni che rimuovono o riducono una minaccia criminale sono state condotte contro le élite legate a Putin, ha affermato l’agenzia.

“La cellula ha anche indagato e intrapreso azioni discrete contro un numero significativo di élite che hanno un impatto diretto sul Regno Unito, oltre a prendere di mira rotte meno convenzionali utilizzate per mascherare movimenti di ricchezza significativa, come la vendita di beni di alto valore tramite case d’asta”, ha detto l’agenzia.

A ottobre, la NCA ha dichiarato di aver arrestato un altro uomo d’affari con sede a Londra perché sospettato di aiutare un oligarca russo sanzionato a nascondere la sua proprietà di proprietà nel Regno Unito

L’agenzia ha affermato di aver collaborato con le forze dell’ordine di tutto il mondo per “prendere di mira la ricchezza illecita detenuta all’estero”, aiutandole a congelare beni tra cui numerose proprietà, otto yacht e quattro aerei.

Ultime Notizie

Back to top button