Politica

Il Sudafrica è sul filo del rasoio per l’escalation della xenofobia

La xenofobia è una crisi globale, ma in Sud Africa assume una forma particolarmente violenta. L’accumulo quotidiano di insulti e molestie all’interno dello stato e della società si trasforma periodicamente in violenza di strada in cui le persone vengono picchiate, hackerate e bruciate a morte. Se c’è un utile punto di confronto globale, potrebbe essere con le rivolte comunali che di tanto in tanto fanno a pezzi le città indiane.

Lo stato ha avuto la tendenza a dimettersi mentre un quartiere è in preda alla violenza xenofoba. Quando si trasferisce, dopo che la distruzione, l’allontanamento delle persone dalle loro case e le uccisioni sono cessate, di solito arriva ad arrestare i migranti piuttosto che gli autori degli attacchi. Sono in modo schiacciante i migranti africani e asiatici impoveriti e della classe operaia che devono affrontare questo movimento a tenaglia della mafia e della polizia.

La gravità della situazione in Sud Africa è giunta all’attenzione mondiale per la prima volta nel maggio 2008, quando la violenza xenofoba, a volte intersecante con il sentimento etnico, ha provocato 62 vittime. All’epoca, il paese era governato da Thabo Mbeki, un uomo con profondi e genuini impegni panafricani. Ma alla fine del 2007, il percorso di Jacob Zuma alla presidenza era chiaro e lo sciovinismo etnico che aveva introdotto nella sfera pubblica era dilagante. Il limitato supporto sociale offerto dallo stato era sempre più inteso come legato a identità come etnia, nazionalità e affermazioni di far parte di comunità consolidate.

Quando Zuma ha assunto la presidenza nel maggio 2009, era normale che i funzionari del partito nella sua provincia natale di KwaZulu-Natal dicessero alle persone povere che non avevano ricevuto case, o altri diritti, a causa di un “afflusso” di “stranieri ” o persone “di altre province”: un eufemismo per l’identità etnica. Ci sono stati casi in cui le persone, cercando l’approvazione dell’autorità politica, hanno iniziato a “ripulire” le proprie comunità da sole.

Ora, a quasi 15 anni dagli attacchi del 2008, la situazione è molto peggiore. La maggior parte dei sudafricani ha vissuto in uno stato di crisi permanente dalla conquista coloniale di terra, bestiame e autonomia. Ma per la maggior parte dei giovani, quella crisi permanente non assume più la forma dello sfruttamento spietato del lavoro sotto il capitalismo razziale. L’anno scorso, la disoccupazione giovanile ha raggiunto il 77,4%, la più alta tra tutti i paesi del G20. Come ha affermato nel 2011 Achille Mbembe, il filosofo camerunese che scrive da Johannesburg, l’intersezione tra razza e capitalismo ha reso le persone “rifiuti”.

Il dolore delle giovani vite vissute in sospensione permanente è spesso rivolto verso l’interno. C’è una massiccia epidemia di eroina, depressione e ansia sono pervasivi e i tassi di violenza, in gran parte di genere, sono terrificanti.

In questa crisi di prolungato abbandono sociale, ci sono tentativi, a volte straordinariamente coraggiosi, di costruire forme di politica intorno all’affermazione della dignità umana. Hanno spesso incontrato una grave repressione, compreso l’assassinio. Ma non sorprende che ci siano anche tentativi di costruire forme di politica popolare attorno alla xenofobia, alcuni dei quali con elementi fascisti. I giovani, per lo più uomini, sono chiamati all’autorità di un leader demagogico, ricevono un’uniforme rudimentale a forma di maglietta e l’opportunità di esercitare un certo potere in nome della “pulizia” della società. La perversione è travestita da virtù.

Allo stesso tempo, tutti i principali partiti politici, compreso l’African National Congress (ANC), si sono spostati nettamente a destra e sono diventati sempre più xenofobi. Al governo, l’ANC ha sempre gestito un regime migratorio altamente escludente e ora si sta muovendo per porre fine ai permessi, stabiliti più di 10 anni fa, che davano a circa 178.000 cittadini dello Zimbabwe il diritto di vivere, lavorare e studiare in Sud Africa.

Anche la sua retorica si è spostata nettamente a destra. Il portavoce del partito, Pule Mabe, ha recentemente dichiarato “stagione aperta a tutti i cittadini stranieri illegali”, aggiungendo che “non possiamo più garantire la loro sicurezza”. La conferenza politica del partito all’inizio di agosto ha proposto “una strategia ben coordinata per rintracciare gli stranieri illegali”. Quella strategia includeva esplicitamente la raccomandazione che “le filiali dell’ANC devono assumere un ruolo guida in questo senso”.

Molti analisti ritengono che l’ANC, che ha già perso il controllo di molte delle principali città del Sud Africa, non sarà in grado di vincere le prossime elezioni nazionali nel 2024. Poiché il partito affronta la prospettiva di perdere il potere per la prima volta dal fine dell’apartheid, la tentazione di fare da capro espiatorio ai migranti per i suoi fallimenti sta aumentando. In modo allarmante, i nuovi partiti che prendono lo spazio politico aperto dal rapido declino del sostegno all’ANC sono forme più o meno uniforme di populismo autoritario organizzato centralmente attorno alla xenofobia.

L’ex magnate degli affari diventato politico, il partito ActionSA di Herman Mashaba, che sta facendo rapidi progressi elettorali, mescola il neoliberismo hardcore con la xenofobia. Nel 2018 Mashaba ha organizzato un “arresto di un cittadino” di un migrante e poi ha twittato: “Siamo [not] andremo a sederci e permetteremo a persone come te di portarci Ebolas in nome di piccole imprese. La salute della nostra gente prima di tutto. Le nostre strutture sanitarie sono già al limite”. Questa fusione di una minoranza vulnerabile con la malattia evoca gli orrori delle forme storiche di mobilitazione fascista.

I discorsi pubblici dello stato, del governo e della maggior parte dei partiti politici confondono regolarmente migranti documentati e privi di documenti come “stranieri illegali”, “stranieri illegali” con criminali e, negli ultimi giorni, a seguito di un orribile stupro di gruppo alla periferia di una città mineraria in decadenza, stupratori. Quando la polizia subisce pressioni per rispondere alla preoccupazione per la criminalità, arresta spesso i migranti, spesso comprese le persone con documenti piuttosto che gli autori di crimini reali.

Le organizzazioni di massa della sinistra, con identità politiche radicate, in misura significativa, nella fabbrica, nella miniera o nell’occupazione della terra si sono spesso opposte alla svolta verso la xenofobia, ed è comune che i migranti ricoprano posizioni di leadership in queste tipi di organizzazioni. Ma mentre possono fornire nodi di rifugio, non hanno il potere di opporsi efficacemente al rapido peggioramento della situazione a livello nazionale.

Senza una forza nazionale con la visione e il potere di offrire un’alternativa emancipatrice alla politica velenosa, a volte con elementi fascisti, che mette i vicini l’uno contro l’altro, il paese è sul filo del rasoio.

Ultime Notizie

Back to top button