Cronaca

Il superyacht affondato vicino alla Sicilia in un filmato drammatico apparteneva all’oligarca russo?

Il superyacht affondato vicino alla Sicilia in un filmato drammatico apparteneva all’oligarca russo? I media italiani affermano che il magnate del carbone possedeva una nave affondata

  • Il superyacht “Saga” stava navigando da Gallipoli, nel sud Italia, a Milazzo in Sicilia durante la notte di sabato
  • Il capitano ha inviato una chiamata di soccorso a tarda notte a metà del viaggio per dire che la nave stava imbarcando acqua a poppa
  • La guardia costiera ha portato in salvo quattro ospiti e un membro dell’equipaggio, tutti italiani, prima di tentare di salvare la nave
  • Ma la situazione è rapidamente peggiorata e la barca è affondata intorno alle 13 di domenica, con altri quattro membri dell’equipaggio salvati

Annuncio

Secondo quanto riferito, un superyacht di 130 piedi affondato al largo delle coste dell’Italia meridionale in un incidente catturato dalla guardia costiera italiana apparteneva a un oligarca russo.

Il filmato drammatico mostrava lo yacht di lusso Life Saga che affondava in mare dopo essere entrato in difficoltà durante la navigazione da Gallipoli a Milazzo, in Sicilia.

Durante la traversata del Golfo di Squillace – all’estremità dello ‘stivale’ italiano – la nave, costruita a Monaco nel 2007, ha avuto problemi, con il capitano che sabato ha inviato una chiamata di soccorso a tarda notte.

Diversi rapporti, tra cui il media italiano La Gazzetta del Mezzogiorno e il quotidiano dell’Europa orientale Nexta, da allora hanno collegato la barca all’oligarca russo Gennady Ayvazyan.

Il 54enne, del valore stimato di 500 milioni di dollari, è co-proprietario della Kuzbassrazrezugol Holding e presidente della società Krutrade, il secondo esportatore di carbone della Russia. Resta inteso che ha preso la proprietà della barca nel 2019.

I media italiani ritengono che la nave sia costata ad Ayvazyan almeno 50 milioni di dollari e che fosse uno dei più grandi yacht costruiti da Monaco Yachting and Technologies.

Il superyacht ‘Saga’ di 130 piedi stava navigando da Gallipoli nel sud Italia a Milazzo nell’isola di Sicilia tra sabato sera e domenica mattina quando ha iniziato a prendere l’acqua a poppa

Il capitano ha lanciato una chiamata di soccorso e la guardia costiera è arrivata per cercare di rimorchiare la nave in porto, prima che la sua poppa affondasse completamente domenica mattina e li costringesse ad abbandonare i loro sforzi

Il capitano ha lanciato una chiamata di soccorso e la guardia costiera è arrivata per cercare di rimorchiare la nave in porto, prima che la sua poppa affondasse completamente domenica mattina e li costringesse ad abbandonare i loro sforzi

Le navi della Guardia Costiera sono state inviate dal porto di Crotone e hanno trovato l’imbarcazione in acqua alla sua estremità di poppa a circa nove miglia nautiche al largo di Catanzaro Marina.

Quattro passeggeri e un membro dell’equipaggio – tutti italiani – sono stati immediatamente fatti scendere dallo yacht, lasciando dietro di sé altri quattro membri dell’equipaggio, compreso il capitano, mentre cercavano di salvarla.

Un rimorchiatore è stato quindi inviato da Crotone per cercare di rimorchiare la Saga in porto, e l’ha raggiunta nelle prime ore della domenica.

L’operazione di salvataggio è iniziata, ma lungo il percorso la nave ha iniziato a inclinarsi pesantemente a dritta.

Le riprese della guardia costiera italiana hanno catturato quello che è successo dopo, quando la poppa della barca è scomparsa sotto le onde e l’acqua ha raggiunto la linea del tetto.

Ciò ha costretto i soccorritori a smettere di rimorchiarla, poiché è andata a testa in su in aria e ha iniziato ad affondare rapidamente.

La Saga è finalmente affondata intorno alle 13 di domenica, con i quattro membri dell’equipaggio rimasti in salvo prima che scomparisse.

Sulle cause dell’affondamento è stata ora avviata un’indagine.

Il video drammatico ha catturato il momento in cui la Saga è andata a naso in su nell'oceano prima di scivolare sotto le onde con tutti i passeggeri e l'equipaggio - nove in totale - salvati in sicurezza

Il video drammatico ha catturato il momento in cui la Saga è andata a naso in su nell’oceano prima di scivolare sotto le onde con tutti i passeggeri e l’equipaggio – nove in totale – salvati in sicurezza

Non è chiaro esattamente cosa abbia indotto la Saga a iniziare a imbarcare acqua, con un'indagine ora in corso

Non è chiaro esattamente cosa abbia indotto la Saga a iniziare a imbarcare acqua, con un’indagine ora in corso

Ultime Notizie

Back to top button