Cronaca

Il superyacht da 500 milioni di sterline di Putin “è stato un REGALO di Natale degli oligarchi servili nel 2014”

Il superyacht da 500 milioni di sterline di Vladimir Putin è stato regalato a Natale da un gruppo di oligarchi servili nel 2014, è stato affermato.

Si ritiene che la lussuosa Scheherazade lunga 460 piedi sia stata utilizzata dall'”amante” del leader del Cremlino Alina Kabaeva, 39 anni, secondo il notiziario dell’opposizione Dossier Center.

La cifra astronomica per lo yacht – ora sequestrato in Italia a causa delle sanzioni – è stata incassata da un gruppo di oligarchi russi capitanati da Gennady Timchenko, 69 anni, amico di Putin molto vicino, secondo nuove rivelazioni.

Il superyacht da 500 milioni di sterline di Vladimir Putin è stato regalato a Natale da un gruppo di oligarchi servili nel 2014, è stato affermato

Si ritiene che la lussuosa Scheherazade lunga 460 piedi (interno nella foto) sia stata utilizzata dall ‘”amante” del leader del Cremlino Alina Kabaeva

La cifra astronomica per lo yacht - ora sequestrato in Italia a causa delle sanzioni - sarebbe stata incassata da un gruppo di oligarchi russi

La cifra astronomica per lo yacht – ora sequestrato in Italia a causa delle sanzioni – sarebbe stata incassata da un gruppo di oligarchi russi

Putin premia la sua presunta amante Alina Kabaeva con l’ordine “For Merit to the Fatherland” nel 2005 al Cremlino

La somma sarebbe stata raccolta da un gruppo di oligarchi russi guidati da Gennady Timchenko (a sinistra), 69 anni, amico di Putin molto vicino

La somma sarebbe stata raccolta da un gruppo di oligarchi russi guidati da Gennady Timchenko (a sinistra), 69 anni, amico di Putin molto vicino

L’esistenza del super yacht è stata rivelata a marzo, con il suo capitano chiamato britannico Guy Bennett-Pierce, ma l’equipaggio era composto principalmente da ufficiali dei servizi segreti russi.

Ora, nuove rivelazioni indicano che il palazzo galleggiante è nominalmente di proprietà di Eduard Khudainatov, ex presidente di Rosneft, e un vecchio alleato del KGB di Igor Sechin.

Ma Khudainatov “è un uomo di facciata per Putin e il suo entourage”, afferma un rapporto del Dossier Center.

«Poco più di 583 milioni di euro sono stati trasferiti da cinque società offshore per la costruzione della Scheherazade.

Putin premia Alina Kabaeva con l’ordine “For Merit to the Fatherland” nel 2005 al Cremlino,

L'esistenza del super yacht è stata rivelata a marzo, con il suo capitano chiamato britannico Guy Bennett-Pierce

L’esistenza del super yacht è stata rivelata a marzo, con il suo capitano chiamato britannico Guy Bennett-Pierce

Il superyacht ha navigato vicino alle residenze del Mar Nero legate a Putin (nella foto di ieri), si legge nel rapporto

Il superyacht ha navigato vicino alle residenze del Mar Nero legate a Putin (nella foto di ieri), si legge nel rapporto

“Il denaro è stato trasferito da Alera Assets, Diams Overseas, High Definition, Imperial Yachts e Onda Mare.”

Il contratto sarebbe stato firmato da Diams Overseas, una società registrata nelle Isole Vergini britanniche.

La data era il 30 dicembre 2014, rendendolo un regalo di Capodanno al leader russo da un gruppo dei suoi oligarchi più ricchi.

I russi tradizionalmente fanno regali stagionali a Capodanno piuttosto che a Natale.

Bennett-Pierce è stato citato dicendo di non aver mai visto Putin a bordo.

Eppure una fonte del Dossier afferma che Kabaeva – la presunta amante di Putin e madre di diversi bambini Putin – era a bordo.

Lo Scheherazade da 500 milioni di sterline (sopra), è uno dei superyacht più costosi al mondo

Lo Scheherazade da 500 milioni di sterline (sopra), è uno dei superyacht più costosi al mondo

Una delle società offshore - High Definition - può essere collegata a Ziyavudin Magomedov (foto a sinistra)

Una delle società offshore – High Definition – può essere collegata a Ziyavudin Magomedov (foto a sinistra)

Nuove rivelazioni indicano che il palazzo galleggiante è nominalmente di proprietà di Eduard Khudainatov, ex presidente di Rosneft (nella foto con Putin nel 2010)

Nuove rivelazioni indicano che il palazzo galleggiante è nominalmente di proprietà di Eduard Khudainatov, ex presidente di Rosneft (nella foto con Putin nel 2010)

Gli ufficiali sono saliti a bordo dello Scheherazade per servire i documenti al capitano britannico dello yacht Guy Bennett Pearce a maggio

Gli ufficiali sono saliti a bordo dello Scheherazade per servire i documenti al capitano britannico dello yacht Guy Bennett Pearce a maggio

La motovedetta della polizia finanziaria italiana è stata vista davanti al mega yacht multimilionario Scheherazade a maggio, attraccato al porto toscano di Marina di Carrara

La motovedetta della polizia finanziaria italiana è stata vista davanti al mega yacht multimilionario Scheherazade a maggio, attraccato al porto toscano di Marina di Carrara

Belle caratteristiche di uno yacht da 700 milioni di dollari

Si stima che lo yacht “Scheherezade” sia costato 75 miliardi di rubli e la sua lunghezza sia di 140 metri, il che lo rende il 13° superyacht più grande del mondo.

Ha sei piani del ponte – equivalenti a due condomini.

Lo yacht ha spazio per 18 ospiti in nove cabine di lusso oltre a un equipaggio di 40 persone, che risiedono in 20 cabine.

Altre caratteristiche includono:

  • Due eliporti
  • Una piscina
  • Un complesso termale
  • Un salone di bellezza
  • Salotti enormi
  • Cabine reali

Il superyacht ha navigato vicino alle residenze del Mar Nero legate a Putin, afferma il rapporto.

Uno è il suo ritiro ufficiale Bocharov Ruchei, a Sochi, e l’altro, un palazzo non ufficiale vicino a Gelendzhik che si dice sia costato 1 miliardo di sterline.

L’identità degli altri oligarchi dietro il dono stagionale non è stata del tutto chiarita.

Ma una delle società offshore – High Definition – può essere collegata a Ziyavudin Magomedov, un oligarca che nel 2018 è stato arrestato e accusato di “racket e appropriazione indebita di fondi statali”.

Questa compagnia ha pagato due importi di £ 25 milioni per lo yacht.

Tuttavia Magomedov e il suo ex fratello senatore Magomed Magomedov rimangono dietro le sbarre in attesa del processo.

Timchenko si è pronunciato in tribunale a sostegno del “donatore di yacht” detenuto.

A maggio, la polizia italiana ha finalmente consegnato le scartoffie al capitano dello yacht, dicendogli che non sarebbe stato in grado di salpare dal bacino di carenaggio dove sta subendo un refitting multimilionario.

Le autorità del porto italiano di Marina di Carrara, vicino a Pisa, stavano navigando a strascico tra le scartoffie nel tentativo di identificare l’armatore della nave da marzo.

Navalny ha detto che l’equipaggio è stato portato via nel cuore della notte e sostituito da un equipaggio ridotto di britannici a cui è stato detto che per il momento devono rimanere a bordo.

Lo yacht vanta sei ponti, portarotolo placcati oro, sanitari in marmo e due piattaforme per elicotteri.

La data era il 30 dicembre 2014, rendendolo un regalo di Capodanno al leader russo da un gruppo dei suoi oligarchi più ricchi

La data era il 30 dicembre 2014, rendendolo un regalo di Capodanno al leader russo da un gruppo dei suoi oligarchi più ricchi

Lo yacht a sei ponti “Scheherezade” ha uno spazio equivalente a due condomini, insieme a una spa, una piscina e un salone di bellezza

“Scheherazade”, uno dei più grandi superyacht del mondo, ancora nel distretto di Bodrum in Turchia nell’agosto 2020

Lo yacht è oggetto di indagine della Guardia di Finanza da fine marzo e da settembre è in banchina a Marina di Carrara vicino a Pisa per un refitting

Lo yacht è oggetto di indagine della Guardia di Finanza da fine marzo e da settembre è in banchina a Marina di Carrara vicino a Pisa per un refitting

I lavoratori che hanno preso parte al refitting della nave l’hanno descritta come una città galleggiante in miniatura, completa di “innumerevoli piscine, una spa, una sauna, un teatro, sale da ballo, una palestra”.

Secondo quanto riferito, la nave presenta tocchi personali per l’uomo forte russo, inclusa una palestra di judo con immagini incorniciate delle cinture nere di Putin.

La barca ospita persino il proprio ospedale, hanno detto i lavoratori, tra le voci secondo cui la salute di Putin sta peggiorando.

Il nome della nave, Scheherazade, è la protagonista femminile della raccolta di racconti mediorientale conosciuta come le Mille e una notte. È anche il titolo di una suite sinfonica del compositore russo Nikolai Rimsky-Korsakov basata sui racconti.

Lo yacht ha spazio per 18 ospiti in nove cabine di lusso oltre a un equipaggio di 40 persone, che risiedono in 20 cabine.

In un comunicato della Guardia di Finanza italiana si legge a maggio: ‘Dopo la verifica da parte delle autorità fiscali è emerso che esiste un legame economico significativo tra il proprietario di The Scheherazade e alti elementi del governo russo.

“Sulla base di questi elementi è stato raccomandato di inserire lo yacht nell’attuale elenco delle sanzioni dell’Unione europea e il ministro delle Finanze a Roma ha acconsentito”.

L ‘”altro yacht” di Putin: una nave più piccola e più vecchia chiamata GRACEFUL

Vladimir Putin afferma di essere solo moderatamente ricco, ma è sospettato di ospitare segretamente una fortuna di $ 100 miliardi.

Una nave più piccola e più antica, la Graceful, è stata a lungo sospettata di appartenere a Putin.

Unico tra i superyacht del mondo, lo scafo del Graceful è stato posato in un cantiere navale russo, prima di essere finito in Germania, ha detto una fonte del settore a DailyMail.com.

Il Graceful ha lasciato il porto in Germania circa due settimane prima dell’invasione russa dell’Ucraina ed è attualmente attraccato nell’enclave russa di Kaliningrad, nel Mar Baltico, al sicuro fuori dalla portata delle sanzioni occidentali.

La Scheherazade, invece, è bloccata in un bacino di carenaggio in Italia in riparazione, e una persona esperta ha detto che sarebbe impossibile salpare prima della fine di marzo.

Una nave più piccola e più vecchia, la Graceful (vista in partenza da Amburgo il mese scorso), è stata a lungo sospettata di appartenere a Putin

Una nave più piccola e più vecchia, la Graceful (vista in partenza da Amburgo il mese scorso), è stata a lungo sospettata di appartenere a Putin

Il Graceful ha lasciato il porto in Germania il 7 febbraio (sopra), circa due settimane prima dell'invasione russa dell'Ucraina, ed è attualmente attraccato nell'enclave russa di Kaliningrad nel Mar Baltico, al sicuro fuori dalla portata delle sanzioni occidentali

Il Graceful ha lasciato il porto in Germania il 7 febbraio (sopra), circa due settimane prima dell’invasione russa dell’Ucraina, ed è attualmente attraccato nell’enclave russa di Kaliningrad nel Mar Baltico, al sicuro fuori dalla portata delle sanzioni occidentali

Ultime Notizie

Back to top button