Esteri

Il Taoiseach irlandese si scaglia contro la “mancata azione del Consiglio di sicurezza” all’Assemblea generale delle Nazioni Unite

Notando che il 2022 è l’anno del centenario dell’Irlanda come paese sovrano, e Martin ha sottolineato che uno dei primi atti del governo è stato l’adesione alla Società delle Nazioni, il predecessore delle Nazioni Unite.

Un continuo impegno per il multilateralismo

Il Taoiseach ha delineato il continuo impegno dell’Irlanda per il multilateralismo, citando le iniziative intraprese dal paese come membro eletto del Consiglio di sicurezza, il contributo di centinaia di forze di pace irlandesi delle Nazioni Unite e il lavoro sulla risoluzione 2594, la prima risoluzione in assoluto del Consiglio sulle transizioni di mantenimento della pace.

L’Irlanda, ha affermato Martin, ha condotto i negoziati per concordare una dichiarazione politica sull’uso delle armi esplosive nelle aree popolate all’inizio di quest’anno. La Dichiarazione, ha dichiarato, “è una pietra miliare significativa”, che include una serie di azioni ambiziose per affrontare l’impatto di queste armi.

Tuttavia, Martin ha anche riferito della profonda frustrazione dell’Irlanda per molti aspetti del Consiglio. Ha menzionato la mancata adozione di una risoluzione sul clima e la sicurezza, dopo che è stato posto il veto dalla Russia, e ha affermato che il Consiglio non ha agito in modo deciso per affrontare la situazione nel Tigray, nel nord dell’Etiopia.

Ha proseguito rilevando il fermo impegno dell’Irlanda per una soluzione a due Stati in Israele e Palestina, ma ha affermato che “oggi non siamo più vicini a questo obiettivo di quanto lo fossimo quando siamo entrati nel Consiglio 18 mesi fa; e, a dire il vero, molto prima”, citando la continua costruzione di insediamenti israeliani che, ha affermato, “continuano a minare la fattibilità e la contiguità territoriale di un futuro Stato palestinese ea mettere a repentaglio la soluzione dei due Stati”.

Per quanto riguarda l’Afghanistan, Martin ha sottolineato la difesa dell’Irlanda dei diritti umani del popolo afgano, in particolare donne e ragazze, e abbiamo aumentato i nostri aiuti umanitari. “Il mandato per la missione dell’Onu in Afghanistan, adottato a marzo, è stato direttamente informato dal coraggioso attivismo delle donne afgane”, ha affermato, “e abbiamo spinto per la responsabilità delle azioni dei talebani”.

Aumento degli aiuti umanitari

Passando alla questione dell’insicurezza alimentare globale, Martin ha affermato che l’Irlanda ha risposto alla crisi aumentando gli aiuti umanitari, contribuendo con 78 milioni di euro al Corno d’Africa e finanziando altri paesi e regioni gravemente colpiti, tra cui Yemen, Afghanistan e Sahel.

Altre iniziative includono ulteriori 50 milioni di euro in tre anni specificamente per affrontare la malnutrizione infantile acuta, un aumento dei finanziamenti di base al Fondo centrale di risposta alle emergenze delle Nazioni Unite (CERF) e finanziamenti e programmi per le emergenze umanitarie adattati per sostenere il clima, lo sviluppo e interventi di pacificazione.

L’Irlanda darà un nuovo contributo di 65 milioni di euro in tre anni al Fondo globale per la lotta contro l’AIDS, la tubercolosi e la malaria, un aumento del 30% rispetto ai contributi precedenti, per sostenere l’importante lavoro del Fondo contro queste malattie e il relativo rafforzamento della salute sistemi, ha continuato.

Martin ha affermato che la fame e il conflitto sono una priorità per il mandato del Consiglio di sicurezza irlandese: “il conflitto è ora il principale motore della fame, invertendo le conquiste ottenute negli ultimi decenni. Stiamo fallendo nella sfida per raggiungere la fame zero”.

Ha aggiunto che l’Irlanda si è impegnata ad aiutare i paesi partner nel loro viaggio verso sistemi alimentari sostenibili, resilienti e nutrienti e ha dichiarato che, alla conferenza COP27 delle Nazioni Unite sul clima a novembre, l’Irlanda sarà in prima linea negli sforzi per combattere l’emergenza climatica.

Ultime Notizie

Back to top button