Cultura

In che modo New York City ha ottenuto il suo soprannome, la “Grande Mela”?

New York, New York, la città più popolosa degli Stati Uniti e una calamita affascinante per i turisti, ha molti soprannomi, tra cui The City That Never Sleeps, Empire City e Gotham, ma forse il più famoso di tutti è il Big Mela. Dove ha avuto origine e quando?

Anche se è diventato popolare negli anni ’70, il soprannome “La Grande Mela” è nato negli anni ’20 in riferimento ai premi (o “grandi mele”) premiati nei numerosi ippodromi di New York e dintorni. Tuttavia, non è stato ufficialmente adottato come soprannome della città fino al 1971 a seguito di una campagna pubblicitaria di successo destinata ad attirare i turisti.

Nel corso della sua storia, il termine “grande mela” è sempre venuto a significare semplicemente il posto migliore e più grande in cui essere, e New York City è stata a lungo all’altezza del suo soprannome. Milioni di persone la visitano ogni anno e molti altri milioni sognano di vederne i grattacieli, i parchi e i teatri. Chi la visiterà, sia che provenga dall’Arizona o dall’Australia, capirà davvero perché è chiamata la Capitale del Mondo e la Grande Mela.

Il termine iniziò a prendere piede solo quando lo scrittore sportivo John J. Fitz Gerald iniziò a scrivere delle corse di cavalli della città per il Telegrafo mattutino di New York. Nella sua colonna, ha scritto che queste erano “le grandi mele” delle corse competitive negli Stati Uniti.

Fitz Gerald ha ottenuto il termine da mani stabili afroamericane a New Orleans; fantini e allenatori che aspiravano a correre sulle piste di New York City chiamavano i premi in denaro la “Grande Mela”. Una volta ha spiegato il termine in un articolo per il Telegrafo mattutino:

“La grande Mela. Il sogno di ogni ragazzo che abbia mai gettato una gamba su un purosangue e l’obiettivo di tutti i cavalieri. C’è solo una Grande Mela. Questa è New York”.

Alla fine degli anni ’20 e all’inizio degli anni ’30, il soprannome iniziò a diventare famoso al di fuori del nord-est, poiché i musicisti jazz di New York iniziarono a riferirsi a New York City come alla “Grande Mela” nelle loro canzoni. Un vecchio detto nel mondo dello spettacolo era “Ci sono molte mele sull’albero, ma solo una Grande Mela”. New York City era (ed è) il luogo principale in cui i musicisti jazz si esibivano, il che rendeva più comune riferirsi a New York City come alla Grande Mela.

Alla fine degli anni ’60 e all’inizio degli anni ’70, New York City si stava rapidamente guadagnando la reputazione nazionale di città oscura e pericolosa. Per aumentare il turismo a New York City nel 1971, la città ha lanciato una campagna pubblicitaria con Charles Gillett, presidente del New York Convention and Visitors Bureau, al timone. Appassionato di jazz, ha voluto riportare la città al suo antico splendore adottando la Grande Mela come riferimento ufficialmente riconosciuto a New York City.

La campagna prevedeva mele rosse nel tentativo di attirare visitatori a New York City. Le mele rosse, destinate a fungere da immagine luminosa e allegra della città, sarebbero in contrasto con la credenza comune che New York fosse crivellata di criminalità e povertà. Magliette, spille e adesivi che promuovono la “Grande Mela” sono diventati rapidamente popolari, in parte grazie all’aiuto di celebrità come la leggenda dei New York Knicks Dave DeBusschere, e la città ha accolto i turisti per “prendere un boccone dalla Grande Mela”. “

Dalla conclusione della campagna e dal successivo “rebranding” della città, New York City è stata ufficialmente soprannominata La Grande Mela. In riconoscimento di Fitz Gerald, l’angolo tra la 54a e Broadway (dove Fitz Gerald ha vissuto per 30 anni) è stato ribattezzato “Big Apple Corner” nel 1997.

E il resto, come si suol dire, “è storia”.

Ultime Notizie

Back to top button