Cronaca

Joe Rogan critica il Vaticano come un “paese pieno di pedofili e arte rubata”

Joe Rogan ha criticato la chiesa cattolica in un episodio del podcast del mercoledì in cui definisce il Vaticano un “paese pieno di pedofili e arte rubata”.

Rogan si è seduto accanto ad altri podcaster – Francis Foster e Konstantin Kisin – durante un episodio di The Joe Rogan Experience per discutere del Papa Francesco cattolico e dei vari scandali nascosti.

‘Anche l’indignazione per cose per cui dovresti essere indignato, come Jeffery Epstein, quell’indignazione era equilibrata. Destra? Una specie di. Destra? Ma che dire della Chiesa cattolica?’ chiese Rogan.

“Ad esempio, perché non tutti vanno davvero fuori di testa – ero solo in Italia e una delle cose che è pazza è che il Vaticano è un paese. È un paese pieno di pedofili. È un paese pieno di pedofili e arte rubata. È un piccolo, tipo cento iarde – tipo cos’è? Cento acri, credo. Sì. È piuttosto un centinaio di acri, una campagna all’interno di una città piena di pedofili».

“Perché non tutti stanno davvero impazzendo”, ha detto Rogan riferendosi alla città che si trova vicino alla costa italiana.

Francis Foster si è unito a Joe Rogan nel suo podcast Konstantin Kisin si è unito a Joe Rogan insieme a Francis Foster nel podcast di Joe Rogan

Francis Foster (a sinistra) e Konstantin Kisin (a destra) si sono uniti a Joe Rogan nel suo podcast, The Joe Rogan experience, nell’episodio andato in onda mercoledì. Il trio ha discusso degli scandali sugli abusi sessuali coperti dalla chiesa che sono stati portati alla luce negli ultimi anni

Rogan ha detto che la Città del Vaticano era un

Rogan ha detto che la Città del Vaticano era un “paese pieno di pedofili e arte rubata”. Il podcaster ha fatto riferimento ai vari papi che hanno permesso al clero di farla franca con gli abusi sessuali

La Città del Vaticano si trova nel centro di Roma.  La città è indipendente ed è governata da Papa Francesco con l'autorità della Chiesa cattolica romana.  Francesco ha assunto la carica di papa nel 2013.

La Città del Vaticano si trova nel centro di Roma. La città è indipendente ed è governata da Papa Francesco con l’autorità della Chiesa cattolica romana. Francesco ha assunto la carica di papa nel 2013.

“Sì, assolutamente”, disse Foster

Kisin lo interruppe: ‘Questo è il motivo per cui amo l’americano, amico. Perché nel Regno Unito abbiamo leggi sulla diffamazione. Quindi se dici una cosa del genere e poi devi essere in grado di dimostrarlo, altrimenti puoi essere citato in giudizio.’

“Puoi provarlo in qualche modo”, ha risposto Rogan.

Foster ha aggiunto: “L’altro giorno ho letto che, penso che fossero cinque, sei anni fa, l’età del consenso nella Città del Vaticano era di 12 anni”.

“Spero che non sia vero”, ha detto Kisin mentre il produttore Jamie Vernon era in coda per verificare le affermazioni di Foster.

‘Dio mio. È vero”, ha detto Rogan mentre leggeva un risultato di ricerca di Google. Dio mio. La pari età per il consenso della Città del Vaticano è stata innalzata da 12 a 18 anni, a seguito dell’annuncio di un codice penale generale della Chiesa cattolica da parte di papa Francesco’

Rogan ha aggiunto: ‘Francis è come il ragazzo più progressista, giusto? In termini di papi.’

Forster ha risposto: ‘Voglio dire, non dice molto. Sai cosa intendo?

I tre facevano riferimento a Papa Francesco che regna in Vaticano dal 2013. Il papa ha abrogato la precedente legge della Città del Vaticano, scritta nel 1889, che diceva che l’età del consenso era di 12 anni prima di passare a 18 anni. circa un decennio fa, secondo l’Atlantico.

Papa Francesco (sopra) è stato un argomento caldo di contesa nel podcast di Rogan poiché il trio ha convenuto che è uno dei papi più progressisti di sempre

Papa Francesco (sopra) è stato un argomento caldo di contesa nel podcast di Rogan poiché il trio ha convenuto che è uno dei papi più progressisti di sempre

Il trio ha discusso nel podcast di come l'età del consenso nella Città del Vaticano sia passata da 12 anni a 18 anni circa un decennio fa

Il trio ha discusso nel podcast di come l’età del consenso nella Città del Vaticano sia passata da 12 anni a 18 anni circa un decennio fa

Rogan ha continuato: ‘Il ragazzo Benedict, era ricercato in altri paesi per crimini contro l’umanità. Voglio dire, come se quello che stava facendo fosse davvero malvagio. Stava spostando i criminali in altri posti e uno di loro ha spostato un tizio che ha continuato a molestare un centinaio di bambini sordi!’

‘È follia. Voglio dire, questo ragazzo stava già molestando e poi dicono bene, facciamo solo – invece di provarlo e rimuoverlo dalla chiesa – lo sposteremo in un posto dove la gente non può sentire.’

“È incredibile come le persone riescano a nascondere queste cose”, ha aggiunto Kisin.

I commenti di Rogan sulla Chiesa cattolica arrivano mentre la chiesa continua a combattere gli abusi sessuali e gli scandali di insabbiamento che sono andati in onda in tutto il mondo.

All’inizio di quest’anno, l’ex papa Benedetto XVI, 95 anni, ha espresso ‘shock e vergogna’ per gli abusi sui minori perpetrati nella sua diocesi negli anni ’80 dopo che un rapporto aveva scoperto che consapevolmente non aveva preso provvedimenti contro i sacerdoti coinvolti.

Benedetto ha servito nelle diocesi di Monaco e Frisinga in Germania dal 1977 al 1982 e ha negato la responsabilità nei casi di abuso.

Alcuni dei casi affermano che Benedetto avrebbe mancato di agire e rimuovere i sacerdoti che hanno commesso atti di abuso sessuale.

Benedetto – il cui nome civile è Josef Ratzinger – è diventato il primo papa a dimettersi dall’incarico in 600 anni nel 2013. Ora vive una vita appartata in un ex convento all’interno dei terreni del Vaticano.

Un rapporto ha accusato l'ex papa Benedetto (nella foto) di cattiva condotta per aver gestito quattro casi di abusi sessuali da parte di sacerdoti mentre era arcivescovo in Germania

Un rapporto ha accusato l’ex papa Benedetto (nella foto) di cattiva condotta per aver gestito quattro casi di abusi sessuali da parte di sacerdoti mentre era arcivescovo in Germania

Benedetto, (nella foto nel 1980) arcivescovo di Monaco di Baviera dal 1977 al 1982, approvò anche il trasferimento in arcidiocesi di un presunto prete pedofilo

Benedetto, (nella foto nel 1980) arcivescovo di Monaco di Baviera dal 1977 al 1982, approvò anche il trasferimento in arcidiocesi di un presunto prete pedofilo

Gli scandali sugli abusi continuano a venire alla luce, poiché uno studio commissionato dalla Conferenza episcopale tedesca nel 2018 ha concluso che 1.670 sacerdoti nel Paese avevano commesso una qualche forma di attacco sessuale contro 3.677 minori tra il 1946 e il 2014.

Nel 2019, è stato rivelato che un gruppo cattolico segreto che operava in una piccola città del Michigan avrebbe servito come una squadra di “risposta rapida” per proteggere centinaia di sacerdoti accusati di abusi sessuali.

Secondo quanto riferito, l’Opus Bono Sacerdotii, un’organizzazione senza scopo di lucro, funzionerebbe da una serie di edifici non contrassegnati nel Michigan rurale. L’organizzazione senza scopo di lucro fornirebbe denaro, alloggio, trasporti, assistenza legale e altro supporto a molti sacerdoti cattolici accusati di abusi sessuali in tutto il paese.

Secondo quanto riferito, l'Opus Bono Sacerdotii funzionerebbe in una serie di edifici non contrassegnati a Dryden, nel Michigan, fornendo denaro, alloggio, trasporti, assistenza legale e altro supporto a centinaia di sacerdoti cattolici accusati di abusi sessuali in tutto il paese

Secondo quanto riferito, l’Opus Bono Sacerdotii funzionerebbe in una serie di edifici non contrassegnati a Dryden, nel Michigan, fornendo denaro, alloggio, trasporti, assistenza legale e altro supporto a centinaia di sacerdoti cattolici accusati di abusi sessuali in tutto il paese

Spogliati dei colletti e delle tonache, sono passati inosservati nella piccola città di Dryden mentre venivano scortati in uno squallido magazzino di fronte al cortile di una scuola elementare, riferì all’epoca l’Associated Press.

Il gruppo cattolico segreto, Opus Bono, che opera fuori dal Michigan, ha servito come una squadra di

Il gruppo cattolico segreto, Opus Bono, che opera fuori dal Michigan, ha servito come una squadra di “risposta rapida” per i sacerdoti che sono stati accusati di abusi sessuali

Quando un pedofilo seriale è stato mandato in prigione per aver abusato di dozzine di minori, Opus Bono era lì per lui, con visite regolari e contanti.

Quando un prete ha ammesso di aver aggredito sessualmente ragazzi sotto i 14 anni, l’Opus Bono ha raccolto fondi per la sua difesa.

Quando un altro sacerdote è stato accusato penalmente di aver abusato di un adolescente, Opus Bono in seguito lo ha nominato consulente legale.

A quel tempo, i leader della chiesa negarono di avere alcun rapporto ufficiale con il gruppo.

A maggio, una chiesa del New Mexico è stata sottoposta al pagamento di un accordo transattivo di 121,5 milioni di dollari per risolvere un caso di fallimento causato da scandali di abusi sessuali. Gli scandali hanno coinvolto 375 vittime contro 74 sacerdoti nello Stato.

Ultime Notizie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button