Cultura

Kaffeehaus riapre nel Fantastico Giardino di Boboli di Firenze, parte del Masterplan 2030 –

Grandi cose stanno accadendo per il magnifico Giardino di Boboli di Firenze, che è stato riportato a tutta la bellezza originale del loro glorioso passato mediceo.

La prima è che è stata riaperta al pubblico la Kaffeehaus all’interno del Giardino di Boboli. Si tratta di uno degli edifici più interessanti all’interno dei Giardini, uno dei lavori eseguiti per volere del Granduca Pietro Leopoldo di Lorena, tra il 1774 e il 1785.

La Kaffeehaus nel Giardino di Boboli, con una magnifica vista su Firenze. Foto: Youtube

Il nuovo edificio era un luogo perfetto per la corte per fare una pausa rinfrescante e un posto dove gustare una bevanda di cioccolata calda o il caffè appena popolare, durante le sue passeggiate nei giardini del palazzo. L’edificio è un arioso padiglione, di forma circolare e con una cupola a cipolla, e un raro esempio di architettura rococò in Toscana. Il parco di 33 ettari dietro Palazzo Pitti comprende fontane monumentali, grotte affrescate e circa 300 statue classiche, rinascimentali e barocche. A distanza di circa 20 anni dalla sua chiusura, il padiglione ospita ora una caffetteria granducale con tavoli dentro e fuori, servizi igienici, un ampio giardino e una terrazza panoramica con vista sullo skyline di Firenze. Sebbene il restauro non sarà completamente completato fino a ottobre, è stato riaperto a luglio ed è completamente accessibile.

Ma questo non è tutto. Il restauro di questo piccolo gioiello fa parte di un mega-progetto molto più grande da 50 milioni di euro per restaurare il Giardino di Boboli. È stato annunciato durante il 5 agostoth inaugurazione della Kaffeehaus a cura del Direttore delle Gallerie degli Uffizi, Eike Schmidt.

Il “Boboli Masterplan 2030” è un ambizioso piano di otto anni per riportare i giardini formali al loro splendore dell’era medicea. I lavori di ristrutturazione dell’ampio parco di 33 ettari – situato su un pendio dietro Palazzo Pitti, nel quartiere Oltrarno di Firenze – dovrebbero essere completati nel 2030.

Firenze vista dal Giardino di Boboli. Foto: Flickr

La famiglia Medici iniziò l’impianto e la costruzione del Giardino di Boboli nel 1549, affidandone il progetto a Niccolò Pericoli (detto anche Tribolo). Dopo la prematura scomparsa del Tribolo, il progetto passò a Bartolomeo Ammannati e Bernardo Buontalenti. Seguì un corteo di rinomati architetti, che contribuirono tutti a inaugurare l’iconico stile del giardino rinascimentale italiano che avrebbe poi definito i palazzi di corte di tutta Europa. Nella seconda metà del 1700 il Giardino di Boboli fu finalmente aperto al pubblico.

“Il cuore del progetto ‘Boboli 2030’ è la valorizzazione del vasto patrimonio architettonico del Giardino, il restauro e il recupero di sculture e fontane, il miglioramento della sua fruizione per i visitatori, la creazione di nuovi servizi, l’apertura di nuovi spazi, l’ottimizzazione delle risorse idriche, un nuovo sistema di illuminazione e videosorveglianza”, si legge nel sito ufficiale degli Uffizi

In più, Schmidt ha anche annunciato che gli ingressi al Giardino di Boboli da Porta Romana e Forte Belvedere riapriranno dal 5 luglio, essendo chiusi dal 2020. Mentre i turisti dovranno ancora pagare una quota d’ingresso, sarà ad accesso gratuito per i residenti di Firenze. Schmidt ha dichiarato: “La possibilità di ingresso gratuito a Boboli anche dal Forte Belvedere è una novità che siamo felici di poter garantire a tutti i fiorentini. Presto si rivelerà ancora più interessante e utile, perché i lavori di restauro della vicina Kaffeehaus all’interno del giardino sono ormai quasi completati e questi splendidi spazi riapriranno con nuovi servizi e una nuova caffetteria”.

L’ingresso sarà possibile dai tre ingressi di Forte Belvedere, Annalena e Porta Romana, come avveniva dagli anni ’90.

Ultime Notizie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button