Mondo

La Cina spinge i vaccini mentre la ritirata da “Zero-COVID” diventa disordinata

PECHINO/SHANGHAI —

Giovedì la Cina ha corso per vaccinare le sue persone più vulnerabili in previsione di ondate di infezioni da COVID-19, con alcuni analisti che si aspettano che il bilancio delle vittime aumenti dopo che ha allentato i severi controlli che avevano tenuto a bada la pandemia per tre anni.

La spinta arriva quando anche l’Organizzazione mondiale della sanità ha sollevato preoccupazioni sul fatto che la popolazione cinese di 1,4 miliardi non fosse adeguatamente vaccinata e gli Stati Uniti hanno offerto aiuto per far fronte a un’ondata di infezioni.

Pechino lo scorso mercoledì ha iniziato a smantellare i suoi severi controlli “zero-COVID”, eliminando i requisiti per i test e allentando le regole di quarantena che avevano causato stress mentale a decine di milioni e colpito la seconda economia più grande del mondo.

L’allontanamento dalla politica “zero-COVID” del presidente Xi Jinping ha fatto seguito a proteste diffuse senza precedenti contro di essa. Ma il direttore delle emergenze dell’OMS Mike Ryan ha affermato che le infezioni stavano esplodendo in Cina ben prima della decisione del governo di eliminare gradualmente il suo regime rigoroso.

“Al momento c’è una narrazione secondo cui la Cina ha revocato le restrizioni e all’improvviso la malattia è fuori controllo”, ha detto Ryan durante un briefing a Ginevra.

“La malattia si stava diffondendo in modo intensivo perché credo che le misure di controllo in sé non stessero fermando la malattia”.

Il portavoce del ministero degli Esteri cinese Wang Wenbin ha detto giovedì che la Cina ha “vantaggi istituzionali” per combattere il COVID.

“Saremo certamente in grado di superare senza problemi il picco dell’epidemia”, ha detto in una regolare conferenza stampa in risposta al portavoce della sicurezza nazionale della Casa Bianca, John Kirby, affermando che gli Stati Uniti erano pronti ad aiutare se la Cina lo avesse richiesto.

Ci sono crescenti segni di caos durante il cambio di rotta della Cina, con lunghe code fuori dalle cliniche della febbre, corse di medicinali e acquisti dettati dal panico in tutto il paese.

I residenti si mettono in fila fuori da una farmacia per acquistare kit di test dell’antigene per COVID-19 a Nanchino, provincia di Jiangsu, Cina, 15 dicembre 2022.

Un video pubblicato online mercoledì mostrava diverse persone in pesanti abiti invernali attaccate a fleboclisi mentre sedevano su sgabelli per strada fuori da una clinica nella provincia centrale di Hubei. Reuters ha verificato la posizione del video.

La paura del COVID in Cina ha anche portato le persone a Hong Kong, Macao e in alcuni quartieri dell’Australia a cercare medicinali per la febbre e kit di test per la famiglia e gli amici sulla terraferma.

Nonostante tutti i suoi sforzi per reprimere il virus da quando è esploso nella città centrale di Wuhan alla fine del 2019, la Cina potrebbe ora pagare un prezzo per proteggere una popolazione priva di “immunità di gregge” e con bassi tassi di vaccinazione tra gli anziani, hanno affermato gli analisti.

“Le autorità hanno lasciato che i casi a Pechino e in altre città si diffondessero al punto in cui la ripresa delle restrizioni, dei test e del tracciamento sarebbe in gran parte inefficace nel tenere sotto controllo i focolai”, hanno affermato giovedì gli analisti di Eurasia Group in una nota.

“Più di 1 milione di persone potrebbero morire di COVID nei prossimi mesi”.

Altri esperti hanno stimato il potenziale tributo a oltre 2 milioni. Finora la Cina ha riportato solo 5.235 decessi correlati a COVID, estremamente bassi rispetto agli standard globali.

I mercati azionari cinesi e la sua valuta sono scesi giovedì a causa delle preoccupazioni per la diffusione del virus.

La Cina ha riportato 2.000 nuove infezioni sintomatiche da COVID-19 per il 14 dicembre rispetto alle 2.291 al giorno. Le cifre ufficiali, tuttavia, sono diventate meno affidabili man mano che i test sono diminuiti. Mercoledì ha anche smesso di segnalare dati asintomatici.

Il personale medico trasferisce un paziente in una clinica per la febbre presso l’ospedale Chaoyang di Pechino, Cina, 13 dicembre 2022, in questa schermata presa da un video di Reuters TV.

Preoccupazione per gli anziani

La Cina, che ha affermato che circa il 90% della sua popolazione è vaccinata contro il COVID, ha ora deciso di lanciare la seconda dose di richiamo per i gruppi ad alto rischio e gli anziani di età superiore ai 60 anni.

Il portavoce della National Health Commission Mi Feng ha affermato mercoledì che è necessario accelerare la promozione delle vaccinazioni, secondo i commenti riportati dai media statali.

Gli ultimi dati ufficiali mostrano che la Cina ha somministrato martedì 1,43 milioni di iniezioni di COVID, ben al di sopra dei tassi di novembre di circa 100.000-200.000 dosi al giorno. In totale, ha somministrato 3,45 miliardi di iniezioni.

Ma una casa di cura di Shanghai ha detto mercoledì che alcuni dei suoi residenti non sono ancora stati vaccinati e, considerando le loro condizioni mediche di base, ha vietato ai visitatori e alle consegne non essenziali mentre accumulava medicinali, kit di test e dispositivi di protezione.

“Ci stiamo scervellando su come garantire la sicurezza dei tuoi nonni”, ha scritto la Yuepu Tianyi Nursing Home in una lettera pubblicata sulla sua pagina ufficiale dell’account WeChat.

Pechino è stata ampiamente resistente ai vaccini e ai trattamenti occidentali, avendo fatto affidamento su iniezioni di produzione locale. Il trattamento orale COVID-19 di Pfizer Paxlovid è uno dei pochi stranieri che ha approvato.

Il trattamento, tuttavia, è stato disponibile solo negli ospedali per i pazienti ad alto rischio, ma negli ultimi giorni sono emersi segnali che potrebbe presto essere reso più ampiamente disponibile.

Le azioni di China Meheco Group Co Ltd sono aumentate dopo che mercoledì ha annunciato un accordo per importare il trattamento del produttore di farmaci statunitense.

Convegno economico

Mentre il virus si diffonde, il presidente Xi, il suo Politburo al potere e gli alti funzionari del governo hanno iniziato un incontro di due giorni per tracciare una ripresa per l’economia martoriata della Cina, secondo fonti a conoscenza della questione.

L’economia cinese ha perso più vigore a novembre, poiché la crescita della produzione industriale è rallentata e le vendite al dettaglio hanno esteso il calo, sia mancando le previsioni sia registrando le letture peggiori da maggio, come hanno mostrato i dati di giovedì.

Gli economisti stimano che quest’anno la crescita della Cina sia rallentata a circa il 3%, segnando una delle peggiori performance della Cina in quasi mezzo secolo.

Ultime Notizie

Back to top button