La Commissione si muove verso la cessazione dell’uso di emergenza di tutti i pesticidi vietati

L’uso di emergenza di tutti i prodotti fitosanitari vietati nell’UE potrebbe presto essere un ricordo del passato, secondo la lettura iniziale della Commissione europea della recente sentenza del tribunale dell’UE che riguarda specificamente i pesticidi tossici per le api.

Con la sentenza, annunciata nel gennaio di quest’anno, la Corte di giustizia europea (CGE) ha confermato che gli Stati membri non saranno più autorizzati a concedere deroghe che consentano temporaneamente l’uso di sementi trattate con prodotti fitosanitari “espressamente vietati” dalla legislazione dell’UE.

I prodotti fitosanitari in questione – imidacloprid, clothianidin e thiamethoxam – appartengono a una classe di pesticidi noti come neonicotinoidi che prendono di mira gli insetti e sono chimicamente simili alla nicotina.

I neonicotinoidi sono stati presi di mira negli ultimi anni per aver contribuito al declino delle api interrompendo il loro senso dell’orientamento, la memoria e i sistemi riproduttivi.

Tuttavia, la sentenza ha lasciato un punto interrogativo sulla portata della sua portata. In particolare, i gruppi elettorali si sono chiesti se si estendesse per includere tutti i pesticidi vietati e l’esportazione di pesticidi vietati.

Ora, il servizio per la sicurezza alimentare della Commissione (DG SANTE) ha presentato la sua prima interpretazione della sentenza, che ha confermato che l’esecutivo dell’UE ritiene che ciò vada oltre i pesticidi neonicotinoidi in questione.

“Riteniamo infatti che gli Stati membri non possano più concedere autorizzazioni di emergenza per l’immissione sul mercato o l’uso dei prodotti fitosanitari laddove sia stata presa la decisione di vietarli a causa degli effetti dannosi”, ha affermato Clare Bury della DG SANTE durante un riunione della commissione ambiente del Parlamento europeo.

“Vorrei ricordare che la Commissione lo ha sempre fatto […] ha esaminato molto criticamente le autorizzazioni di emergenza, in particolare laddove sono state rilasciate su base ripetuta”, ha aggiunto, sottolineando che l’esecutivo Ue si è attivato anche per “aumentare la trasparenza e il controllo delle autorizzazioni di emergenza rilasciate in particolare dagli Stati membri” .

Contattato da EURACTIV, un portavoce della Commissione ha spiegato che la Commissione sta ancora analizzando la sentenza, e quindi questa interpretazione non è necessariamente quella che aderirà.

Ma l’opinione generale nei corridoi di Bruxelles è che, allo stato attuale delle cose, è molto probabile che l’attuale lettura della DG SANTE sia l’interpretazione che reggerà.

Per quanto riguarda gli Stati membri che hanno già emesso deroghe per i pesticidi vietati dall’UE per il 2023, Bury della Commissione ha affermato che gli Stati membri erano già stati invitati a riconsiderare queste domande.

“Per tutte le autorizzazioni che sono già state concesse, devono rivedere tali autorizzazioni e vedere come possono revocarle alla luce di ciò che dice la loro legislazione nazionale”, ha spiegato.

Pertanto, la Commissione ritiene che gli Stati membri “dovrebbero agire immediatamente per garantire il rispetto della sentenza e che non possano più concedere autorizzazioni di emergenza”, ha affermato Bury.

Gruppo di campagna Pesticide Action Network Europe (PAN) ha celebrato la notizia su Twitter e ha ribadito l’invito agli Stati membri che avevano già approvato le deroghe per il 2023, inclusi Belgio e Finlandia, a ritirare i loro permessi.

Tuttavia, CropLife Europe, che rappresenta l’industria della protezione delle colture dell’UE, ha ribadito in una dichiarazione che la sentenza della Corte “chiarisce quando le autorizzazioni di emergenza possono essere concesse dagli Stati membri”.

“La Corte di giustizia dell’UE ha basato la sua sentenza relativa a due neonic, clothianidin e thiamethoxam, sul fatto che l’uso dei semi trattati con questi semi è stato espressamente limitato da un regolamento di attuazione della Commissione”, ha affermato un rappresentante.

[A cura di Gerardo Fortuna/Alice Taylor]

Ultime Notizie

Back to top button