La comunità di Kips Bay esplode di indignazione quando viene catturato un presunto assassino

Il quartiere di Kips Bay a Manhattan è alle prese con l'omicidio della trentunenne Yazmeen Williams. La scoperta del suo corpo in decomposizione, avvolto in un sacco a pelo e gettato fuori da un condominio, aveva inizialmente lasciato perplessi gli investigatori. Ora, il recente arresto di un potenziale sospettato ha scatenato un'ondata di rabbia e dolore tra familiari e vicini.

La tragedia ha iniziato a svolgersi venerdì sera scorso, quando la polizia è intervenuta in seguito alle denunce di un cattivo odore proveniente da un pacco sospetto su E. 27th St. vicino a Third Ave. Dopo le indagini, gli ufficiali hanno trovato il corpo di Williams, che il medico legale ha poi stabilito essere stato colpito alla testa. L'incidente è stato rapidamente classificato come omicidio.

Le riprese di sorveglianza hanno rivelato un uomo su una sedia a rotelle motorizzata come principale sospettato, visto trascinare il corpo lungo la strada. Lunedì, la polizia ha preso in custodia Chad Irish, 55 anni. Sebbene Irish sia stato accusato di occultamento di cadavere, le accuse direttamente collegate alla morte di Williams sono ancora in sospeso. I suoi precedenti penali includono 21 arresti precedenti e una recente libertà vigilata per una rapina nel Bronx.

L'arresto di Irish ha scatenato un'intensa reazione da parte della comunità locale. Una folla di oltre 50 persone, tra cui la famiglia di Williams, ha affrontato la polizia mentre scortava Irish fuori da un condominio. Nicole Williams, la madre di Yazmeen, ha espresso il dolore e la rabbia collettivi, gridando: “Avete ucciso mia figlia! Per favore, uccidetelo!”

Williams, laureata alla Buffalo State University con una laurea in giustizia penale, aveva da poco iniziato a lavorare presso la New York City Housing Authority. La sua famiglia e i suoi amici la descrivono come un'appassionata sostenitrice che si proponeva di aiutare gli altri e di lottare per la giustizia. “Era bella, era dolce, aveva studiato all'università, era semplicemente una brava persona”, ha detto sua zia, Nisha Ramirez.

(Instagram, @Yasmeenxwilliams)

Le conseguenze emotive della tragedia erano palpabili mentre vicini e persone care si riunivano per onorare la memoria di Williams. “Era un angelo. Era una luce”, ha detto Nicole Williams. “Vivrà con me per sempre”.

Mentre le indagini proseguono, la comunità resta unita nella richiesta di giustizia. “Questa non è la fine”, ha giurato Zque Ramirez, un'altra delle zie di Yazmeen. “Giustizia sarà fatta”.

Ultime Notizie

Back to top button