Cultura

La crescita della popolazione e l’agricoltura portano alla morte della fauna selvatica negli oceani e sulla terraferma

La fauna selvatica sta scomparendo in tutto il mondo, negli oceani e sulla terraferma. La causa principale sulla terraferma è forse la più semplice: gli esseri umani stanno conquistando una parte eccessiva del pianeta, cancellando ciò che c’era prima.

La biodiversità – o tutta la varietà della vita sul pianeta, comprese piante, invertebrati e specie oceaniche – sta diminuendo a tassi senza precedenti nella storia umana, secondo il principale gruppo scientifico intergovernativo sull’argomento. Le proiezioni del gruppo suggeriscono che 1 milione di specie sono minacciate di estinzione, molte entro decenni.

Questa settimana e la prossima, le nazioni si incontreranno a Montreal per negoziare un nuovo accordo per affrontare lo sconcertante declino della biodiversità. Il futuro di molte specie è in bilico.

“Se la foresta scompare, anche loro scompariranno”, ha affermato Walter Jetz, professore di scienze della biodiversità alla Yale University che guida Map of Life, una piattaforma che combina immagini satellitari con dati ecologici per determinare come le gamme di specie stanno cambiando in tutto il mondo. Map of Life ha condiviso i dati con il New York Times.

L’incontro di Montreal vuole tracciare un percorso diverso. Ritardato di due anni a causa della pandemia, le delegazioni stanno lavorando per ottenere un nuovo accordo decennale per affrontare la perdita di biodiversità nell’ambito di un trattato delle Nazioni Unite chiamato Convenzione sulla diversità biologica.

“Con il nostro appetito senza fine per una crescita economica incontrollata e ineguale, l’umanità è diventata un’arma di estinzione di massa”, ha detto il segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres nel suo discorso di apertura la scorsa settimana a Montreal.

L’ultimo accordo globale sulla biodiversità non è riuscito a raggiungere un singolo obiettivo a livello globale, secondo la stessa Convenzione sulla diversità biologica, e le popolazioni di fauna selvatica continuano a precipitare.

Non sarà solo la fauna selvatica a soffrirne. La perdita di biodiversità può innescare il collasso dell’ecosistema, affermano gli scienziati, minacciando le riserve di cibo e acqua dell’umanità. Cresce l’allarme che la minaccia sia paragonabile per importanza alla crisi climatica.

“Il cambiamento climatico rappresenta una minaccia a breve termine per il futuro della civiltà umana”, ha affermato Katharine Hayhoe, un’importante ricercatrice sui cambiamenti climatici che si occupa anche di biodiversità come scienziata capo presso la Nature Conservancy. “La crisi della biodiversità rappresenta una minaccia a lungo termine per la sopravvivenza della specie umana”.

Gli scienziati sottolineano che uno non può essere risolto senza l’altro perché sono interconnessi. La popolazione umana è raddoppiata dal 1970. Sebbene il tasso di crescita della popolazione stia rallentando, il numero di persone continua a crescere. I livelli di consumo in diverse parti del mondo significano che alcune persone esercitano una maggiore pressione sulla natura. Negli Stati Uniti, ad esempio, ogni persona utilizza in media l’equivalente di 8 ettari globali, secondo il Global Footprint Network, un gruppo di ricerca senza scopo di lucro. In Nigeria, è di circa 1 ettaro a persona.

Tutto ciò che è legato alle cause della perdita di biodiversità. Per avere le migliori possibilità di adattarsi ai cambiamenti climatici, le piante e gli animali hanno bisogno di popolazioni robuste e spazio per migrare. Invece, sono esauriti e circondati.

Perché le persone si stanno impossessando di così tanta terra? Principalmente per l’agricoltura. In molte parti del mondo, ciò significa esportazioni guidate dal boom del commercio globale. Negli ultimi decenni, ad esempio, il sud-est asiatico è diventato un importante fornitore di caffè, legname, riso, olio di palma, gomma e pesce per il resto del mondo.

“Tutta questa espansione economica è avvenuta a scapito dell’habitat della biodiversità”, ha affermato Pamela McElwee, antropologa ambientale della Rutgers University che studia la regione.

Si sta creando un certo slancio affinché le aziende garantiscano che i loro prodotti siano privi di deforestazione. Ridurre il consumo di carne e lo spreco di cibo sono fondamentali per liberare terra per altre specie, ha affermato McElwee.

Sta crescendo il riconoscimento che sostenere la perdita di biodiversità richiede di affrontare i bisogni delle comunità locali. “Deve esserci un modo in cui le persone che vivono vicino alle foreste beneficiano delle foreste intatte, piuttosto che disboscare la foresta per un guadagno a breve termine”, ha affermato Julia Patricia Gordon Jones, professoressa di scienze della conservazione presso la Bangor University in Galles. “Questa è l’ultima sfida della conservazione delle foreste a livello globale”.

“Puoi creare un’area protetta, ma non hai affrontato il fatto che l’intera ragione per cui hai avuto la perdita di habitat in primo luogo è a causa della domanda di terra”, ha detto McElwee. “Devi affrontare i driver sottostanti. Altrimenti, hai a che fare solo con metà del problema”.

Ultime Notizie

Back to top button