Politica

La crisi energetica del Sud Africa si intensifica

La mattina del 27 giugno 2022, il rappresentante del negozio della National Union of Mineworkers (NUM) David Fankomo si è unito ai suoi colleghi membri al picchetto fuori dall’ufficio Emalahleni di Eskom, nel cuore della cintura del carbone del Sud Africa. Dall’aprile 2022 i lavoratori di Eskom, l’azienda elettrica di proprietà statale della nazione, sono stati coinvolti in quattro round di negoziati salariali con i dirigenti. Il Sudafrica è ricco di energia ma è nel mezzo di una grave carenza di energia. Il sindacato di Fankomo è al centro di questa crisi: i lavoratori tirano fuori il carbone dalla terra ma vivono con appena sufficiente energia.

Il 28 giugno, Eskom ha annunciato che avrebbe implementato la “Stage 6 load shedding” a causa di “azioni sindacali illegali”. Il “load shedding” è definito come una misura di razionamento per ridurre la domanda di energia elettrica imponendo interruzioni di corrente rotazionale quando l’alimentazione dalle centrali elettriche è gravemente limitata. Il programma di eliminazione del carico del Sud Africa varia dalla fase 1 alla fase 8. La fase 8 rappresenta un crollo su vasta scala della griglia. La fase 6 ha lasciato parti del paese senza elettricità, in pieno inverno, per un massimo di otto ore al giorno. La riduzione del carico è diventata parte del vocabolario quotidiano e uno dei sintomi distintivi del decadimento dello stato post-apartheid e della disfunzione politica.

Prepararsi per un crollo

La crisi di Eskom offre informazioni sui fallimenti e sulla traiettoria della Rivoluzione Democratica Nazionale dell’African National Congress al governo. L’attuazione nel 1996 di GEAR (Crescita, occupazione e ridistribuzione), un quadro macroeconomico adottato dall’ex presidente Thabo Mbeki, ha gettato le basi per l’espansione dei partenariati pubblico-privato come modello per l’erogazione dei servizi. Questa politica ha stimolato le riforme che hanno avviato un’introduzione di massa di contatori elettrici prepagati come mezzo più aggressivo per riscuotere i pagamenti dell’elettricità residenziale. Questi cambiamenti sono stati forzati anche con i costi dell’elettricità in costante aumento, che si sono aggiunti all’introduzione di nuove barriere all’accesso per gli utenti della classe operaia. In risposta, la resistenza è venuta dal lavoro e dalla società civile, che hanno entrambi chiesto la fine delle privatizzazioni.

Da GEAR, c’è stata una cronica mancanza di investimenti nella nuova capacità di generazione pubblica, lasciando Eskom dipendente da centrali elettriche a carbone vecchie e mal mantenute.

Il portavoce della National Union of Metalworkers of South Africa (NUMSA) Phakamile Hlubi-Majola mi ha detto che il suo sindacato ritiene “Eskom responsabile per lo spreco dilagante dei soldi dei contribuenti spesi per ingenti costi di carbone, diesel e produttori di energia indipendenti, mentre tentava di tagliare benefici per i lavoratori”. Hlubi-Majola ha insistito sul fatto che i lavoratori di Eskom non hanno ancora ricevuto un aumento salariale significativo in quattro anni, ma nello stesso periodo i costi dell’energia primaria sono aumentati notevolmente. Quando i negoziati hanno raggiunto un punto morto alla fine di giugno 2022, un certo numero di lavoratori ha intrapreso un’azione di protesta, indipendente da una sanzione sindacale, per comunicare la propria rabbia e insoddisfazione.

Nessuna luce a casa

Il governo sudafricano riferisce che più di un lavoratore su tre è ora disoccupato. Questo avviene in un momento in cui i prezzi del carburante e dell’energia salgono alle stelle. “L’elettricità si interrompe quando i lavoratori tornano a casa”, afferma Kashiefa Achmat, presidente dell’Housing Assembly, un’organizzazione locale della società civile che guida una campagna per “alloggi dignitosi per tutti”. Aggiunge: “Anche il cibo che abbiamo comprato va via molto rapidamente. Dove viviamo, quando i tagli sono di notte, è molto buio e pericoloso andare in giro, soprattutto per le donne. I gangster stanno aspettando queste opportunità; anche i cavi vengono rubati. Anche le nostre reti telefoniche diventano lente quando si verifica la riduzione del carico”.

L’uso del legno e della paraffina nelle abitazioni urbane è comune a causa degli alti costi dell’elettricità o della mancanza totale di connessione elettrica. Ciò è particolarmente diffuso nelle township a causa della mancanza di un possesso sicuro della terra degli insediamenti informali recentemente ampliati.

Dall’inizio della pandemia di COVID-19 e dal blocco dell’aprile 2020, il Sudafrica è stato caratterizzato da centinaia di occupazioni di terreni e scioperi per la fornitura di servizi. Le comunità della classe operaia sono scese in piazza in continui sforzi per costringere il governo a mantenere il suo mandato di base, solo per affrontare la repressione della polizia e l’uso opportunistico di regolamenti speciali relativi alla pandemia per eludere il coinvolgimento.

Rubare Peter per pagare Paul

In base al modello di finanziamento esistente per il governo locale, i comuni sono costretti a generare profitti dalla fornitura di servizi di base per finanziare le loro operazioni, investire in nuove infrastrutture e ripagare il debito esistente. Nel 2021, il debito comunale in sospeso dovuto a Eskom ammontava a oltre 35 miliardi di Rand, con almeno 20 comuni inadempienti nei pagamenti. Questa tendenza è in gran parte un sottoprodotto del sistema difettoso di finanziamento comunale e non il risultato di casi individuali di comportamento scorretto da parte degli utenti.

I livelli di debito di Eskom sono saliti alle stelle a circa R400 miliardi. In uno studio prodotto a sostegno del movimento sindacale, Eskom Transformed, le radici del debito provenivano da tre aree chiave. I prestiti predatori concessi dalla Banca mondiale e dal FMI per i mega progetti sul carbone Medupi e Kusile hanno entrambi sostenuto spese irregolari e sforamenti. L’aumento del costo dell’energia primaria è dovuto principalmente ai cambiamenti nell’acquisto di costosa energia da generatori privati. I livelli di indebitamento derivavano anche da aumenti drammatici dovuti al costo del carbone dei fornitori locali.

Solo transizione

Sullo sfondo di questa crisi, i piani di transizione energetica del Sud Africa hanno conquistato i titoli dei giornali internazionali sulla scia del vertice delle Nazioni Unite sul clima del 2021 a Glasgow. Il Regno Unito, la Francia, la Germania e gli Stati Uniti hanno proposto un accordo di partenariato per una transizione energetica giusta con il Sudafrica del valore di 8,5 miliardi di dollari, costituito da una combinazione di sovvenzioni e prestiti ancora da negoziare. Il piano di finanziamento, sostenuto dalla Banca Mondiale e dall’FMI, mira ad accelerare la chiusura della flotta carboniera del Sud Africa ea sviluppare infrastrutture abilitanti per un rapido dispiegamento di sistemi di energia rinnovabile. Il piano è stato strettamente legato a un altro ciclo di riforme aggressive volte a ristrutturare il sistema energetico nazionale consentendo un maggiore utilizzo delle centrali elettriche private. Questi progetti sono già dominati da società di servizi energetici multinazionali, insieme a partecipazioni di partecipazioni di private equity, entrambe in gran parte ubicate in Europa.

La centrale elettrica di Komati, una centrale a carbone degli anni ’60 con sede a Mpumalanga, è il primo generatore previsto per la disattivazione nell’ambito dei piani proposti. La stazione è stata progettata per essere riattivata per utilizzare pannelli solari fotovoltaici, turbine a gas e accumulatori di batterie. Fankomo di NUM, basato proprio su questo sito, ha espresso preoccupazione ai media per la mancanza di consultazione dei lavoratori e l’incertezza sulla futura proprietà dell’impianto nonostante l’imminente data di chiusura di settembre 2022.

Ci aspettano due strade. Uno è che i tecnocrati liberali forniranno una soluzione guidata dal mercato, i cui sforzi sono falliti nell’ultimo quarto di secolo. L’altro è che i sindacati possono incanalare il malcontento edilizio per forzare un nuovo patto sociale. I sindacati hanno chiesto la costruzione di una campagna di massa per uno sciopero generale che chiede la fine delle privatizzazioni insieme a un ampio elenco di richieste storiche per portare l’economia sotto la proprietà e il controllo condivisi.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button