Cronaca

La dinamo tascabile è destinata a diventare la prima donna Primo Ministro d’Italia

Rimbalza nella stanza, una donna minuta con una voce grossa e lunghi capelli biondi. Questo campo di forza di energia mi dice immediatamente: “Vendiamo il 30 per cento di mascara nel mondo e più della metà del trucco”.

Sono un po’ sorpreso, ma incuriosito. Ci si potrebbe aspettare un tale passo di vendita dalla delegazione italiana a una fiera internazionale.

Ma non da Giorgia Meloni, la dinamo tascabile prevista per diventare la prima donna Presidente del Consiglio italiana dopo le elezioni di ieri.

Certo, indossa il mascara, ma non così tanto. In effetti, ciò che colpisce è il suo aspetto casual: scarpe da ginnastica con plateau dorate, leggings grigi semplici, un poncho abbinato.

Ma poi, durante la mia intervista con lei in un hotel di Udine, nel nord-est d’Italia, diventa chiaro. Sta sostenendo l’industria della bellezza del suo paese come una storia di successo italiana poco conosciuta. E mi dice che è determinata a far conoscere al mondo tali trionfi, con il “Made in Italy” impresso su tutte le esportazioni del suo Paese.

Giorgia Meloni non è altro che una patriota.

Mette in discussione il potere dell’Unione Europea, la saggezza dell’immigrazione di massa e delle “lobbies LGBT” e ha costruito un potente marchio personale con la sua immagine accuratamente realizzata di madre single di 45 anni con i piedi per terra che capisce l’ordinario italiani.

La sua posizione populista è detestata da gran parte della sinistra e il suo successo ha già suscitato reazioni da parte degli estremisti

Ai raduni politici, fa i suoi discorsi appassionati di un’ora vestita con pantaloni neri che sembrano usciti da uno scaffale di un supermercato. Non per lei il power-dressing, i tacchi Prada e le costose acconciature da salone predilette dall’élite politica romana.

Con voce gutturale, racconta agli italiani la sua infanzia “umile”, di come è stata cresciuta da una madre single in un quartiere grintoso di Roma dopo che suo padre li ha abbandonati, lasciandola ad arrampicarsi sui poli sdrucciolevoli della politica italiana. . E questo, dice, ha plasmato le sue convinzioni fondamentali.

“Voglio un paese in cui tu vada avanti, non grazie ai tuoi amici in alto, o alla famiglia in cui sei nato, ma per quello che fai di te stesso”, dice durante la nostra intervista.

‘Agli elettori piaccio perché si fidano di me. Sanno che non ci sono trucchi, non ci sono bugie. Ho il coraggio di dire in cosa credo. Farò esattamente quello che prometto loro. È stata una lunga camminata per me arrivare così lontano. Ma non ho mai cambiato i miei ideali. Altri politici dicono una cosa un giorno, e due giorni dopo dicono qualcosa di diverso con la stessa faccia.’

Che sia vero o no, il fatto è che la sua attuale traiettoria politica è straordinaria. I sondaggisti prevedono che domani catturerà fino a un quarto dei voti del paese per diventare l’ape regina di un nuovo governo di destra.

Questi sondaggi rispecchiano un’oscillazione a destra in altri paesi europei. All’inizio di questo mese, ad esempio, ho riferito del risultato elettorale in Svezia, di come una nazione governata per decenni da socialdemocratici di sinistra abbia voltato le spalle al liberalismo a seguito di un aumento dei livelli di immigrazione e di uno scioccante aumento della violenza delle bande.

Ieri, il nuovo blocco di destra svedese ha concordato una politica di immigrazione più rigorosa e, come vedremo, è probabile che Meloni seguirà lo stesso percorso.

Durante la sua vorticosa campagna estiva, si è attenuta al suo copione di “politica del popolo” mentre proclamava i meriti del suo partito di destra, Fratelli d’Italia, nonostante i suoi legami storici con i fascisti di Benito Mussolini.

Mette in discussione il potere dell’Unione Europea, la saggezza dell’immigrazione di massa e delle “lobbies LGBT” e ha costruito un potente marchio personale con la sua immagine accuratamente realizzata di madre single di 45 anni con i piedi per terra che capisce l’ordinario italiani

La sua posizione populista è detestata da gran parte della sinistra e il suo successo ha già suscitato reazioni da parte degli estremisti.

La sera prima del nostro incontro, mi dice, è stato consegnato un messaggio che minacciava la sua vita al quartier generale del suo partito nel nord Italia. Ha promesso una “sorpresa” e un tempo “caldo e infuocato” per Meloni se vincerà il potere.

Scritta in parte a mano e in parte a macchina da scrivere, secondo i media, la missiva era firmata dalle Nuove Brigate Rosse, marxista-leninista successore delle Brigate Rosse, il gruppo terroristico di sinistra italiana degli anni ’70 e ’80 che ha guadagnato una spaventosa notorietà per rapimenti, omicidi e sabotaggi.

“So di avere molti nemici, ma non mi sento in pericolo”, dice scuotendo la testa verso di me.

‘Se qualcuno pensa di poterci intimidire o fermarci, si sbaglia di grosso. Sono una donna e le donne sono spesso sottovalutate.

“Sono trattata come una nemica dalla sinistra perché il mio partito ha idee che sono di buon senso”, continua.

‘Se non credo in qualcosa, non dirò mai che ci credo. Non puoi imbrogliare le persone. La verità verrà fuori alla fine.’

La sua campagna è iniziata alla fine di luglio in seguito alle dimissioni del primo ministro (ora custode) Mario Draghi, devoto di lunga data dell’UE e socialista liberale confessato.

Draghi, ex capo della Banca centrale europea, era stato chiamato dal presidente italiano con il sostegno dell’UE per risolvere i problemi finanziari della nazione: un debito nazionale vertiginoso, una crisi energetica e una dipendenza dai soldi di Bruxelles.

Gli sforzi di Draghi sono stati vani ed è caduto sulla sua spada dopo che i partiti di destra nella sua coalizione si sono ribellati contro di lui.

In cima all'agenda anche il ritorno ai valori della famiglia, il proseguimento dei controlli sull'aborto e un cambiamento nel rapporto con l'UE

In cima all’agenda anche il ritorno ai valori della famiglia, il proseguimento dei controlli sull’aborto e un cambiamento nel rapporto con l’UE

Fondamentalmente, tra questi c’erano Forza Italia di Silvio Berlusconi e la Lega anti-immigrati, entrambi alleati di Meloni che, con il suo partito Fratelli d’Italia, era dietro le quinte in attesa della sua occasione.

Il risultato è che Meloni dovrebbe essere unto capo di un blocco di partiti di destra che attualmente vota al 50 per cento dei voti. Il sostegno al suo partito è cresciuto rapidamente dal quattro per cento nel 2018.

La sera in cui l’ho incontrata, le ultime previsioni dei sondaggi sul suo cellulare hanno mostrato che il sostegno di Brothers of Italy aveva raggiunto il 27%.

A questo, Meloni mi ha sussurrato, in modo da ragazzina: ‘La verità è che non voglio che troppe persone pensino che vincerò. Non so se mi credi, ma cerco di non continuare a parlare del risultato. Sono preoccupato che gli elettori vadano in spiaggia e non si presentino quel giorno’.

È stata una rivelazione che rivela un altro lato di questa politica che mi dice di essere stata soprannominata “un mostro” dai suoi oppositori di sinistra: “Non sanno cosa fare. Non solo sono arrabbiati per il mio successo, ma hanno anche paura.’

Meloni insiste sul fatto che non è di estrema destra, ma sta costruendo un partito simile ai Tory britannici e ai repubblicani statunitensi. Tra le sue principali politiche ci sono grandi tagli all’imposta sul reddito, all’IVA e alle tasse sulle imprese; più una linea dura sull’immigrazione clandestina, che prende di mira in particolare le barche dei trafficanti provenienti dalla Libia verso l’Italia e la concessione della cittadinanza automatica ai bambini nati da genitori stranieri.

In cima all’agenda anche il ritorno ai valori della famiglia, il proseguimento dei controlli sull’aborto e un cambiamento nei rapporti con l’UE. Brothers of Italy, con lo slogan Less Europe, Better Europe, non vuole ritirarsi dall’Eurozona ma insiste sul fatto che le leggi nazionali dovrebbero avere il primato sulle regole dell’UE.

I sondaggisti prevedono che domani catturerà fino a un quarto dei voti del Paese per diventare l'ape regina di un nuovo governo di destra

I sondaggisti prevedono che domani catturerà fino a un quarto dei voti del Paese per diventare l’ape regina di un nuovo governo di destra

Meloni dice che sta mettendo l’Italia al primo posto – e che la sua idea di mettere il marchio Made In Italy sulle esportazioni del paese, dai formaggi alle scarpe firmate e, sì, al mascara, mira a rafforzare la fiducia della sua nazione.

Spiega in un inglese americano intriso di italiano: ‘Voglio tasse basse e un rapporto diverso tra cittadino e stato. Ora abbiamo uno stato che soffoca gli imprenditori (con la burocrazia). Voglio lasciare che le persone lavorino e producano cose. Lo stato dovrebbe essere al loro fianco aiutandoli, senza interferire.’

La voce forte di Meloni si alza di uno o due decibel sul tema della migrazione. ‘L’immigrazione incontrollata è ciò di cui la gente comune si preoccupa. Ha un impatto su quelli nel livello più basso della società. Coloro che difendono le frontiere aperte, vivono al livello più alto. Un paese deve essere in grado di decidere chi entra.’

Non le importa se la stampa di sinistra italiana la diffama per le sue opinioni. Questi sono stati evidenziati in un discorso che ha fatto in Spagna al partito di destra Vox di quel paese alcune settimane fa.

Secondo quanto riferito, ha detto alla manifestazione, con un certo vigore: “Sì alle famiglie naturali, no alla lobby LGBT, sì all’identità sessuale, no all’ideologia di genere”, prima di aggiungere, con la sua voce in crescendo: “No alla violenza dell’Islam , sì a frontiere più sicure, no all’immigrazione di massa, sì a lavorare per la nostra gente.’

Non c’è da stupirsi, visti questi punti di vista, che sia circondata da un anello di guardie di sicurezza dall’aspetto d’acciaio mentre si prepara a partire per la sua passeggiata serale a Udine. Uno è un corpulento ex poliziotto italiano che mi stringe la mano con una presa che quasi mi stacca le dita.

Quando commento a uno dei suoi aiutanti, un giovane dai capelli scuri con un vestito italiano curato, che le possibilità di vittoria di Meloni sembrano buone, unisce le mani e alza gli occhi al cielo come in preghiera.

Dice che non legge più ciò che è scritto su di lei sui giornali. Segue alcuni consigli del suo ex mentore Berlusconi, il controverso magnate dei media di 85 anni. È un famoso donnaiolo che è stato accusato di imbrogli finanziari quando era il Primo ministro italiano a intermittenza

Ministro dal 1994 al 2011, eppure la Meloni confida di seguire ancora i suoi consigli.

«Berlusconi mi ha detto che quando ha conosciuto Margaret Thatcher, lei gli ha detto che non aveva nemmeno letto gli articoli che parlavano bene di lei. Sono lo stesso. Ignoro semplicemente tutte le notizie su di me, buone o cattive. Penso tra me e me che cosa è corretto, poi vai avanti.’

Probabilmente non ha visto la copertina di Stern, il settimanale di attualità tedesco di stampo liberale. “La donna più pericolosa d’Europa”, dichiara sotto una foto di lei con un viso particolarmente selce, occhi duri e labbra increspate.

Stern continua descrivendo Meloni come un “protofascista”. E non senza ragione, perché c’è ancora la spinosa questione dei legami del suo partito con il passato fascista italiano.

Di recente la stampa di sinistra ha portato alla luce un video di lei come giovane attivista di destra che elogia Mussolini – dice che ora ha “ovviamente” cambiato le sue opinioni. Spiega di aver affinato le sue antenne politiche parlando con la gente comune mentre affiggeva manifesti di destra per le strade del sobborgo di Roma, nel centro della città, dove è cresciuta.

Nella sua autobiografia, pubblicata lo scorso anno, ricorda che a 15 anni — dopo la partenza del padre — ha trovato una “nuova famiglia” quando è entrata a far parte della locale sezione giovanile del Movimento Sociale Italiano (MSI), creata dagli scagnozzi di Mussolini e, in seguito, venendo sotto l’ala di Berlusconi.

È stato nel 2012 che si è staccata dall’ovile di Berlusconi per co-fondare Brothers of Italy, dal nome dei versi di apertura dell’inno nazionale italiano. Controverso, il suo partito usa il logo della fiamma tricolore dell’originale MSI legato a Mussolini con il suo motto: “Dio, famiglia e patria”.

Il mese scorso, ha pubblicato un video in cui dichiarava che i legami del suo partito con il fascismo erano “consegnati alla storia”.

Quando le chiedo della parola-f e perché tiene ostinatamente il logo della fiamma, mi lancia un’improvvisa occhiata d’acciaio. ‘Non mi guardo mai indietro. Questo è il mio partito politico. Non voglio essere paragonato a qualcuno che lo è stato prima. Sono Giorgia Meloni», afferma con enfasi.

La verità è che quando abbiamo parlato nel salotto dell’hotel, usato quella sera dai Fratelli d’Italia, è stato difficile ignorare il logo polemico incollato più volte su una parete.

Per quanto popolare sia, o qualunque cosa accada in Italia nei prossimi giorni, invia un messaggio profondamente sfortunato.

Ultime Notizie

Back to top button