Politica

La dipendenza dal petrolio e dal gas russi ha un impatto sull’economia slovacca

Oltre ai confini, la Slovacchia condivide una storia lunga e talvolta complicata con i paesi vicini. Molti di questi problemi sono stati risolti o resi irrilevanti quando i paesi della regione hanno aderito all’Unione Europea (UE) e alla NATO. Costruire partenariati regionali, come Visegrad 4, per garantire che le voci della regione fossero ascoltate è diventato uno sforzo importante. Tuttavia, anche i buoni vicini non sempre sono d’accordo su tutto. Dall’inizio della guerra russa in Ucraina, la Slovacchia, insieme a Cechia e Polonia, ha assunto una posizione ferma nel sostenere l’Ucraina e nell’opporsi all’aggressione russa. Tuttavia, il sesto round di sanzioni contro la Russia rappresenta un duplice problema per il governo slovacco: economico oltre che reputazionale.

Dal punto di vista economico resta il fatto che il gas e il petrolio per il consumo interno provengono dalle importazioni via oleodotto dalla Russia. Questa è un’eredità della passata era comunista che ha creato un intero ecosistema di posti di lavoro, ma anche una dipendenza energetica quasi completa dalla Russia. La vulnerabilità di questa dipendenza è stata dimostrata in diverse occasioni nel 2006 e nel 2009. Ciò ha portato all’attuazione di un miglioramento tecnico che ha consentito il flusso inverso di gas naturale in caso di interruzione della fornitura, che si è rivelato utile per Ucraina e Slovacchia nel 2014. Il più recente Il ciclo di sanzioni scrupolosamente negoziate alla Russia, che mirano a tagliare i profitti della Russia dalla vendita di idrocarburi ai paesi europei, ha colpito maggiormente paesi senza sbocco sul mare come Slovacchia, Cechia e Ungheria. Secondo l’annuncio più recente del ministro dell’Economia slovacco, il governo stima che l’intervallo di aumento dei prezzi del gas per le famiglie consumatrici sia compreso tra il 34 e il 59%.

La diversificazione è una via d’uscita per la Slovacchia. Il gas e il petrolio sono vitali per il settore energetico slovacco. Un piano per costruire un gasdotto che consentirebbe alla Slovacchia di attingere alle forniture polacche di GNL via mare si avvicina al traguardo. Si stima che il riutilizzo dell’unica raffineria slovacca – Slovnaft, che fa parte del gruppo ungherese MOL – per lavorare con petrolio greggio più leggero anziché di tipo russo più pesante costerà circa 250 milioni di euro e richiederà diversi anni per svilupparsi. Il governo slovacco chiede anche garanzie che questo tipo di investimento sarà sostenuto da fondi dell’UE. L’estate significa che mentre la domanda di gas per riscaldamento è attualmente bassa, la domanda di petrolio greggio rimane la stessa. Secondo alcune ricerche, le importazioni di greggio stanno effettivamente aumentando.

Tuttavia, i negoziati per la sesta serie di sanzioni hanno messo in pericolo la reputazione della Slovacchia come un fedele paese filo-ucraino. La posizione della Slovacchia come negoziatore, simile al ruolo dell’Ungheria, ha visto i leader slovacchi chiedere le stesse esenzioni che comportano l’esenzione dall’embargo per due anni delle forniture di petrolio che fluiscono attraverso gli oleodotti. A differenza della Slovacchia, l’Ungheria ha bloccato l’intero sesto pacchetto fino a quando le sue richieste non sono state soddisfatte. È vero che questa posizione ostinata ha reso la negoziazione un po’ più facile anche per Bratislava.

Allo stesso tempo, il possibile costo di una “no-sanzioni” è uno senza un ampio sostegno all’Ucraina e pressioni sulla Russia. Quello scenario è inaccettabile per qualsiasi governo slovacco sano di mente –– la prospettiva di avere l’esercito russo come suo vicino dopo più di 30 anni è brutta, anche con l’appartenenza alla NATO e un gruppo di battaglia sul suolo slovacco. Avere uno stato ucraino pacifico, che sia idealmente nell’UE, è il risultato più preferito e quello che sostituisce la necessità di gas e petrolio a basso costo. Paradossalmente, questo conflitto può avere una conseguenza non intenzionale nell’aiutare la Slovacchia a raggiungere i suoi impegni in materia di emissioni, rispettare le quote verdi e liberarsi degli idrocarburi russi.

Da lontano, è facile trascurare la necessità economica e optare per una narrativa polarizzante più facile, anche se più pigra, di filo-ucraino o filo-russo. Va notato che la posizione del governo slovacco sull’adesione dell’Ucraina all’UE o sulla sua fornitura di armi e materiali per sostenere lo sforzo bellico non è cambiata, anzi, ci sono stati notevoli trasferimenti di missili terra-aria S-300 sistemi, artiglieria semovente e, più recentemente, elicotteri.

Finora, le sanzioni non sono riuscite a costringere la Russia a fermare la guerra. Stanno colpendo l’economia russa e il sesto pacchetto di sanzioni rappresenterà un passo significativo per l’intera UE. Questo è un motivo sufficiente per continuare con questi passaggi, in particolare quando ogni barile di petrolio russo si traduce in munizioni sparate contro gli ucraini. Tuttavia, il benessere economico degli alleati ucraini è altrettanto importante se si vuole che il loro sostegno continui. Il contributo della Slovacchia allo sforzo bellico dell’Ucraina è direttamente proporzionale alla sua capacità di riscaldare le sue case e alimentare le sue auto nel prossimo inverno. Pertanto, dovrebbe essere mantenuta una distinzione tra esso ei suoi vicini meridionali.

Ultime Notizie

Back to top button