Cultura

La mamma dice che deve essere processata in Italia –

Durante il fine settimana un’aeronautica degli Stati Uniti ha travolto e ucciso un ragazzo di 15 anni nel nord Italia. Il 20enne militare Usaf era di base presso la base aerea di Aviano vicino a Pordenone.

Come è la politica del governo degli Stati Uniti, gli Stati Uniti di solito processano i propri cittadini negli Stati Uniti anche quando hanno commesso crimini all’estero. Martedì, temendo che la giustizia non prevalga, la madre del ragazzo insiste sul fatto che debba essere processata in Italia e non negli Stati Uniti.

«Quella donna deve essere processata in Italia e sconta la sua piena pena», ha detto domenica mattina Barbara Scandella, madre di Giovanni Zanier, vittima dell’incidente vicino a Pordenone. La donna dell’aereo, Julia Bravo, 20 anni, è risultata avere un livello di alcol nel sangue quattro volte il limite legale in Italia. La donna dovrà affrontare un’udienza per confermare il suo mandato di arresto più tardi martedì. La donna, che stava tornando da una serata fuori, avrebbe perso il controllo della sua auto dopo una rotonda e avrebbe investito Giovanni Zanier su una pista ciclabile intorno alle due e mezza del mattino. La madre di Zanier gli aveva detto di tornare a piedi dal bar che aveva frequentato con due amici anche se la sua casa era a diversi chilometri di distanza. I due amici sono rimasti illesi nell’incidente. Bravo è stato arrestato e posto agli arresti domiciliari, con l’accusa di omicidio stradale.

Il consiglio comunale di Porcia ha recentemente ordinato di spegnere i lampioni sul posto alle due del mattino, ma la polizia ha detto che l’incidente probabilmente non sarebbe stato evitato anche con le luci accese. Secondo quanto riferito, martedì un testimone oculare uscito dalla stessa discoteca di Bravo ha detto alla polizia che “quella donna era completamente ubriaca quando ha preso il volante. Non riusciva nemmeno ad accendere il quadro”,” ha riportato il quotidiano Gazzettino. Nonostante il suo stato di ebbrezza, Bravo si è allontanata in una direzione diametralmente opposta alla base di Aviano, ha detto il testimone.

L’insistenza di Scandella affinché Bravo venga processato in Italia ricorda la polemica sul caso del disastro della funivia del Cermis nei pressi di Aviano nel 1998 in cui i piloti statunitensi che volarono troppo bassi e tagliarono un cavo facendo precipitare 20 persone verso la morte furono assolti dall’accusa di omicidio colposo negli Stati Uniti , tese le relazioni con l’Italia.

Ultime Notizie

Back to top button