Cronaca

La marina italiana dovrebbe bloccare la Libia per fermare i migranti, afferma il PM speranzoso

Il fondatore di un partito italiano di estrema destra e capofila per essere il prossimo leader del Paese ha chiesto un blocco della Libia per fermare i migranti che attraversano il Mediterraneo.

Giorgia Meloni, leader del partito Fratelli d’Italia, vuole che la marina italiana blocchi le coste nordafricane in modo che tutti i migranti possano essere controllati prima di partire per accertare se si tratta di veri rifugiati.

Chi può dimostrare il proprio status di rifugiato dovrebbe avere il permesso di passare, ha detto Meloni, mentre chi non può dovrebbe essere rimandato a casa.

Il 45enne è attualmente il favorito per sostituire Mario Draghi alle elezioni generali che si terranno a settembre dopo il crollo del governo Draghi.

Giorgia Meloni, attuale favorita per diventare il prossimo primo ministro italiano, ha proposto di bloccare le coste della Libia per fermare i migranti che attraversano il Mediterraneo

Giorgia Meloni, attuale favorita per diventare il prossimo primo ministro italiano, ha proposto di bloccare le coste della Libia per fermare i migranti che attraversano il Mediterraneo

La signora Meloni vuole che tutti i nuovi arrivati ​​- sia migranti che rifugiati - siano detenuti in Africa in modo che la loro idoneità a viaggiare possa essere valutata prima che qualcuno di loro possa venire in Italia (fascicolo)

La signora Meloni vuole che tutti i nuovi arrivati ​​- sia migranti che rifugiati – siano detenuti in Africa in modo che la loro idoneità a viaggiare possa essere valutata prima che qualcuno di loro possa venire in Italia (fascicolo)

Meloni, che conta come suoi alleati artisti del calibro dell’ex ministro dell’Interno italiano Matteo Salvini e dell’ex leader Silvio Berlusconi, ha fatto i commenti nel fine settimana.

Parlando a un canale televisivo di proprietà della famiglia Berlusconi, ha detto: “Il problema degli arrivi di migranti sulle nostre coste va affrontato alla radice, con un “blocco navale”.

Paragonando il piano alle proposte dell’UE per diventare severi sulla sicurezza delle frontiere, ha aggiunto: ‘[This] non è diverso da una missione europea per negoziare, insieme alla Libia, la possibilità di bloccare i gommoni durante la loro partenza’.

Ma i piani di Meloni sono stati attaccati dagli oppositori politici, che hanno affermato che qualsiasi tentativo di bloccare le coste di una nazione straniera sarebbe una dichiarazione di guerra de facto.

“Meloni, lo sai che secondo il diritto internazionale è considerato un atto di guerra”, ha twittato l’ex speaker della Camera Laura Boldrini.

«Sai che sarebbero necessarie più navi di quante ne ha la marina? Sai che il numero dei morti supererebbe quelli respinti?’

Anche Salvini – che ha condotto una campagna contro gli arrivi di migranti ai suoi tempi come ministro dell’Interno – ha preso le distanze, avendo già proposto riforme legali come soluzione.

Ma Meloni è rimasta imperterrita, scrivendo su Facebook che: ‘Chi oggi blatera che il blocco navale non si può fare perché è ‘un atto di guerra’ dimostra la sua totale ignoranza sul tema dell’immigrazione.’

I piani di Meloni sono stati presentati in precedenza dal suo partito Fratello d'Italia, ma ora sono stati attaccati come una dichiarazione di guerra de facto alla Libia (immagine d'archivio, battello della polizia italiana)

I piani di Meloni sono stati presentati in precedenza dal suo partito Fratello d’Italia, ma ora sono stati attaccati come una dichiarazione di guerra de facto alla Libia (immagine d’archivio, battello della polizia italiana)

Decine di migliaia di migranti disperati arrivano in Italia ogni anno, molti dei quali attraverso la minuscola isola di Lampedusa vicino alle coste italiane e tunisine (nella foto)

Decine di migliaia di migranti disperati arrivano in Italia ogni anno, molti dei quali attraverso la minuscola isola di Lampedusa vicino alle coste italiane e tunisine (nella foto)

L'Italia è diventata uno dei principali punti di arrivo in Europa per i migranti che attraversano il Mediterraneo, con la questione che ha dominato la politica negli ultimi cicli elettorali

L’Italia è diventata uno dei principali punti di arrivo in Europa per i migranti che attraversano il Mediterraneo, con la questione che ha dominato la politica negli ultimi cicli elettorali

Meloni è sulla buona strada per diventare la prima leader donna in Italia dopo le elezioni del 25 settembre innescate dalle dimissioni di Draghi da Primo Ministro italiano.

Il suo partito – Fratelli d’Italia – è visto come il successore del vecchio movimento fascista italiano, e ha iniziato la sua carriera politica nel Movimento Sociale Italiano fondato da ex fascisti dopo la seconda guerra mondiale.

Da lì, si è fatta strada nel partito del Popolo della Libertà di Berlusconi prima di dimettersi nel 2013 per formare la propria organizzazione: i Fratelli d’Italia.

Nonostante mantengano il vecchio simbolo della fiamma del Movimento Sociale come parte del loro logo, i Fratelli negano il sostegno al fascismo.

La Meloni ha detto l’anno scorso che “non c’era spazio per i nostalgici del fascismo” nel suo partito e si è opposta ai leader tecnocrati non eletti in Italia.

Ma alcuni nel partito sono stati trovati per avere legami con i fascisti.

L’anno scorso un eurodeputato di Brothers è stato sospeso dopo che un documentario sotto copertura lo mostrava mentre discuteva di finanziamenti illegali con estremisti che eseguivano saluti fascisti e facevano battute razziste.

Oltre al blocco navale, Maloni ha proposto sanzioni anche per le navi delle Ong che soccorrono i migranti dal mare e li portano nei centri di accoglienza italiani.

La repressione delle ONG era uno degli obiettivi di Salvini mentre era in carica.

Il partito di Meloni è visto dalla critica come il successore dei vecchi movimenti fascisti italiani e i suoi alleati includono i populisti Matteo Salvini (a sinistra) e Silvio Berlusconi (a destra)

Il partito di Meloni è visto dalla critica come il successore dei vecchi movimenti fascisti italiani e i suoi alleati includono i populisti Matteo Salvini (a sinistra) e Silvio Berlusconi (a destra)

Meloni attualmente guida i sondaggi d’opinione sei settimane prima che gli italiani votassero in elezioni anticipate innescate quando Draghi fu costretto a dimettersi da Primo Ministro.

Il problema delle migrazioni è emerso ancora una volta come il tema dominante per gli italiani, su cui la destra politica spera di capitalizzare.

L’Italia è uno dei principali ‘centri di accoglienza’ per i migranti provenienti dall’Africa e dal Medio Oriente verso l’Europa, con decine di migliaia che arrivano ogni anno.

Solo nel 2021 sono arrivati ​​nel Paese circa 67.500 rifugiati e migranti, di cui circa la metà sbarcando nella piccola isola di Lampedusa, vicino alle coste della Tunisia e della Libia.

I tentativi di formare una coalizione di centrosinistra per affrontare la destra sono in gran parte andati in pezzi lunedì, dando una spinta ai populisti italiani.

Pochi giorni dopo aver siglato un patto con il Pd di centrosinistra – testa a testa con Meloni nei sondaggi d’opinione – il più piccolo partito Azione si è ritirato, dicendo che non poteva funzionare con la sinistra portata a rafforzare l’alleanza.

“Non si può spiegare (agli elettori) che per difendere la costituzione si fa un patto con persone con cui sai che non governerai mai”, ha detto al quotidiano al Corriere della Sera il leader di Azione Carlo Calenda, moderato.

Il sistema politico italiano favorisce le coalizioni, e mentre Meloni ha una forte alleanza con la Lega anti-immigrazione di Matteo Salvini e Forza Italia di Silvio Berlusconi, Letta sta lottando per riunire i disparati partiti progressisti.

Letta ha accusato Calenda di non essere disposta a scendere a compromessi con nessuno, e ha anche inveito contro l’ex premier Matteo Renzi, leader del partito Italia Viva, per essersi rifiutato di unirsi alla sua alleanza.

“E’ un modo per aiutare Meloni e Salvini”, ha detto Letta a La Stampa, aggiungendo che i colloqui sono ormai finiti e che si concentrerà sulla campagna.

Ultime Notizie

Back to top button