Cultura

La pace delle Nazioni Unite avanza in Colombia, ma per quanto riguarda la verità per Mario Paciolla?

Il Consiglio di sicurezza ha approvato all’unanimità una risoluzione che rafforza ed espande la missione delle Nazioni Unite in Colombia. Dagli Stati Uniti alla Russia, tutti sono d’accordo sul buon lavoro svolto per il processo di pace in Colombia.

“La decisione odierna del Consiglio di autorizzare l’ampliamento del mandato della Missione per includere la riforma rurale globale dell’Accordo e il capitolo etnico nei suoi compiti di verifica consentirà alla Missione di aumentare il suo contributo alla pace in Colombia”, Carlos Ruiz Massieu, capo dell’ONU Missione di verifica in Colombia, rilevata all’incontro dopo l’adozione unanime della risoluzione 2673.

Negli ultimi mesi c’è stata un’accelerazione guidata dalle Nazioni Unite del mantenimento della pace nel Paese latinoamericano dove, da mezzo secolo, i governi di Bogotá erano invischiati in scontri armati con vari gruppi di guerriglia rivoluzionaria. La recente e storica elezione del presidente Gustavo Petro, ex guerrigliero, ha segnato un passo ancora più grande verso la pace in Colombia. Anche se solo un giorno prima della riunione del Consiglio di sicurezza, una bomba sul ciglio della strada è stata trovata vicino alla casa di Francia Marquez, la prima vicepresidente donna e nera del Paese. Marquez era mercoledì al quartier generale dell’Onu a New York per partecipare all’importante riunione del Consiglio di sicurezza durante la quale è stata votata la storica risoluzione.

France Marquez (al centro), vicepresidente della Colombia, informa i giornalisti sulla situazione nel suo paese. Alvaro Leyva (sinistra) Ministro degli Affari Esteri della Colombia, Leonor Zalabata Torres (destra), Ambasciatore colombiano presso le Nazioni Unite (UN Photo/Manuel Elías)

Abbiamo seguito il lavoro del Consiglio di sicurezza sugli sforzi di mantenimento della pace in Colombia. Tuttavia, fuori dall’aula dopo l’incontro, abbiamo cercato reazioni alla morte di Mario Paciolla, un operatore umanitario della missione delle Nazioni Unite in Colombia, trovato morto nel luglio del 2020. I rapporti hanno frettolosamente definito la sua morte “suicidio”.

Quando abbiamo chiesto di Mario Paciolla al Ministro degli Esteri colombiano Alvaro Leyva, che si è fermato a parlare con i giornalisti, ha risposto “Sapevo del caso, ma è stato un po’ di tempo fa e non lo seguo più, quindi non posso commentare.”

Siamo stati più fortunati con il capo della missione di verifica delle Nazioni Unite in Colombia, Carlos Ruiz Massieu, che dopo la riunione del Consiglio di sicurezza si è fermato e ha risposto alle nostre domande.

Un’ampia panoramica del voto durante la riunione del Consiglio di sicurezza sulla Missione di verifica delle Nazioni Unite in Colombia (UNVMC). (Foto ONU/Manuel Elías)

Complimenti ancora per la risoluzione, ma volevamo farvi qualche domanda sul caso di Mario Paciolla, l’aiutante italiano della vostra missione morto due anni fa. Quali sono le vostre reazioni e quelle della missione riguardo al fatto che la famiglia non crede alle notizie secondo cui la sua morte è stata causata dal suicidio e quindi non è disposta a chiudere il caso? La famiglia ha già sporto denuncia in Colombia per proseguire le indagini…

“Ho la massima solidarietà con la famiglia perché hanno avuto la perdita più grande, perdere il figlio. Per la missione è stato un duro colpo per tanti amici, tanti colleghi. Entrambe le autorità (italiana e colombiana) hanno deciso che non c’erano informazioni per proseguire le indagini”.

In Italia, nonostante la Procura si sia pronunciata, il Gip deve ancora pronunciarsi sulla decisione finale.

“La famiglia ha tutto il diritto di cercare la verità. Ovviamente vogliamo che siano convinti che ogni strada e ogni possibilità è stata studiata a fondo”.

Anna Motta (L) e Pino Paciolla, genitori di Mario Paciolla, durante il ritrovamento del murale dedicato all’operatore delle Nazioni Unite trovato morto lo scorso 15 luglio in Colombia Rogelio Bolivar Córdova (detto El Cucho, leader di una delle fazioni delle FARC dissidenti che hanno rifiutato il processo di disarmo e smobilitazione previsto dagli Accordi di pace), nel 06 maggio 2021. ANSA/Cyrus Fusco

Come avete reagito voi e quelli con cui lavorate alla missione alle affermazioni fatte dalla famiglia e dagli avvocati della famiglia che accusano i funzionari delle Nazioni Unite presso la missione, come minimo, di aver gestito male le indagini o addirittura di aver nascosto la verità (ripulendo immediatamente l’appartamento di Mario, ecc.) della morte di Mario?

“Ovviamente la missione è interessata a chiarire questo. Quindi, se ci sono dubbi da qualsiasi parte, in questo caso la famiglia, ha richiesto un’indagine sulle persone della Missione e noi abbiamo collaborato pienamente. Il segretario generale delle Nazioni Unite, Antonio Guterres, come ha già fatto in passato, toglierebbe immediatamente l’immunità in modo che tutti possano dare le informazioni necessarie alle autorità. L’ONU collabora sempre il più possibile con le autorità in modo che questo caso possa essere chiarito. Se c’è ancora bisogno di farlo, continueremo a farlo”.

Mario Paciolla, 1987-2020 (Illustration by Antonella Martino)

Mario lavorava già da due anni con te alla missione. Hai mai avuto occasione di incontrarlo?

“No, purtroppo non ho avuto la possibilità di conoscerlo. Tutto quello che sapevo era attraverso i suoi colleghi, quindi ho sentito cose molto positive in termini di etica del lavoro. Ha lavorato per la Colombia, per la pace della Colombia, quindi sono sicuro che si è guadagnato anche la gratitudine dei colombiani. Ancora una volta, sono solidale con la sua famiglia e i suoi colleghi perché sono sicuro che sia una perdita irreparabile”.

Tradotto da Ian Iuduluch

Ultime Notizie

Back to top button