Cultura

La parità di genere richiederà quasi 300 anni se non investiamo

Secondo un rapporto pubblicato mercoledì da UN Women e dal Dipartimento per gli affari economici e sociali delle Nazioni Unite (UN DESA), il raggiungimento della piena parità di genere, uno dei 17 obiettivi di sviluppo sostenibile (SDG), potrebbe richiedere quasi 300 anni se il tasso attuale del progresso continua,

Lo studio rivela come, di fronte a crisi globali “a cascata” come la pandemia di COVID-19, i conflitti violenti e i cambiamenti climatici, le disparità di genere stanno peggiorando. A questi si aggiunge il contraccolpo contro la salute ei diritti sessuali e riproduttivi delle donne. Di conseguenza, i paesi non raggiungeranno l’SDG5 entro la scadenza del 2030.

“Questo è un punto di svolta per i diritti delle donne e l’uguaglianza di genere mentre ci avviciniamo alla metà del 2030″, ha affermato Sima Bahous, Direttore Esecutivo di UN Women. “È fondamentale che ci riuniamo ora investire in donne e ragazze per recuperare e accelerare il progresso. I dati mostrano innegabili regressioni nelle loro vite aggravate dalle crisi globali – nei redditi, nella sicurezza, nell’istruzione e nella salute. Più tempo impiegheremo per invertire questa tendenza, più costerà a tutti noi”.

L’istantanea di genere 2022 report mostra come la cooperazione, le partnership e gli investimenti siano essenziali per rimettere il mondo in carreggiata. Senza un’azione rapida, sistemi legali che non vietino la violenza contro le donne, o proteggano i loro diritti nel matrimonio e nella famiglia, potrebbero continuare ad esistere per le generazioni a venire.

Il rapporto avverte che al ritmo attuale di avanzamento, ci vorrà fino a 286 anni per colmare le lacune nella protezione legale e rimuovere le leggi discriminatorie. Inoltre, ci vorrà 140 anni affinché le donne raggiungano un’eguale rappresentanza nelle posizioni di leadership sul posto di lavoro, e 40 anni perché lo stesso avvenga nei parlamenti nazionali.

Nel frattempo, per sradicare i matrimoni precoci entro il 2030, dovranno esserci progressi 17 volte più veloce rispetto all’ultimo decennio, con le ragazze delle famiglie rurali più povere e delle aree colpite dal conflitto che dovrebbero soffrire di più.

“Le crisi globali a cascata stanno mettendo a repentaglio il raggiungimento degli SDG, con un impatto sproporzionato sui gruppi di popolazione più vulnerabili del mondo, in particolare donne e ragazze. L’uguaglianza di genere è una base per il raggiungimento di tutti gli SDG e dovrebbe essere al centro di una migliore ricostruzione”, ha affermato Maria-Francesca Spatolisano, Segretario generale aggiunto presso UN DESA.

Il rapporto evidenzia anche una preoccupante inversione di tendenza sulla riduzione della povertà, con l’aumento dei prezzi destinato ad esacerbare la situazione.

Entro la fine dell’anno, più o meno 383 milioni di donne e ragazze vivranno in condizioni di estrema povertà, rispetto a 368 milioni di uomini e ragazzi. Molti altri avranno un reddito insufficiente per soddisfare i bisogni primari come cibo, vestiti e un alloggio adeguato nella maggior parte del mondo. Se le tendenze attuali continuano, entro il 2030 un numero maggiore di donne e ragazze nell’Africa subsahariana vivrà in condizioni di estrema povertà rispetto a oggi, secondo il rapporto.

L’invasione dell’Ucraina a febbraio, e la guerra in corso, stanno ulteriormente aggravando l’insicurezza alimentare e la fame, soprattutto tra donne e bambini. La guerra ha portato a forniture limitate di grano, fertilizzanti e combustibili, spingendo al contempo l’inflazione.

Altri fatti scoraggianti del rapporto rivelano che a livello globale, le donne hanno perso circa 800 miliardi di dollari di reddito a causa della pandemia. Nonostante un rimbalzo, la partecipazione delle donne al mercato del lavoro dovrebbe diminuire quest’anno al 50,8%, rispetto al 51,8% nel 2021.

Il rapporto è stato pubblicato prima del Vertice sulla trasformazione dell’istruzione, che sarà convocato a margine dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite alla fine di questo mese. Sebbene di per sé non sia sufficiente, conseguire un’istruzione universale delle ragazze aiuterebbe a rafforzare l’uguaglianza di genere.

Ogni anno in più di scuola può aumentare i guadagni futuri di una ragazza fino al 20%, secondo il rapporto, con ulteriori impatti sulla riduzione della povertà, una migliore salute materna, una minore mortalità infantile, una maggiore prevenzione dell’HIV e una minore violenza contro le donne.

Ultime Notizie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button