Cultura

La paura della violenza o la guerra civile possono salvare Trump dall’accusa?

Può un aspirante dittatore rendersi invulnerabile all’essere ritenuto responsabile per aver infranto ripetutamente le leggi della nazione che guida e calpestando la Costituzione che dovrebbe sostenere e proteggere?

Questa è una domanda che dovremmo porci mentre Donald Trump affronta l’ennesima indagine per atti discutibili commessi durante il suo mandato come presidente degli Stati Uniti. Perché è una buona scommessa che non sarà incriminato o accusato di quello che è l’atto più flagrante della sua presidenza: trattenere illegalmente documenti segreti e segreti in suo possesso dopo aver lasciato la Casa Bianca.

L’autore conservatore Andrew McCarthy, che scrive sulla National Review, ritiene che un’accusa Trump sia una forte possibilità. “L’ex presidente Donald Trump sta affrontando la gravissima prospettiva di essere incriminato per ostruzione alla giustizia e false dichiarazioni al governo”.

Non è solo, molti altri analisti ed esperti, molti dei quali di tendenza conservatrice, e alcuni anche ex alleati di Trump, hanno espresso la stessa idea.

Foto: YouTube

Brad Moss scrive sul Daily Beast è stato categorico e lo ha chiarito nel titolo: “È finita: Trump sarà incriminato”. Per lui, come per tanti altri, le prove che sono state scoperte sono semplicemente troppo inequivocabili e potenti:

  • Trump era in possesso non autorizzato di informazioni sulla difesa nazionale, vale a dire documenti classificati adeguatamente contrassegnati.
  • È stato avvisato dal governo degli Stati Uniti che non gli era permesso conservare quei documenti a Mar-a-Lago.
  • Ha continuato a mantenere il possesso dei documenti (e presumibilmente si è impegnato a nasconderli in luoghi diversi nella proprietà) fino a quando l’FBI ha finalmente eseguito un mandato di perquisizione all’inizio di questo mese.

Matthew Cooper, scrivendo sul Washington Monthly, ha lo stesso titolo: “Trump Will be Indicted”.

Nonostante questa fiducia assoluta diffusa, la mia previsione è che Trump NON sarà incriminato. Questo non significa che non credo che debba essere incriminato, i crimini di cui è accusato sono evidenti. Anzi, ha anche ammesso di esserne colpevole, anche se inavvertitamente.

In un post su Truth Social, si è lamentato del fatto che una foto scattata dall’FBI dava l’impressione di aver trovato i documenti sparsi per terra. “Sbagliato!” dice Trump.

Li hanno tirati fuori dai cartoni e li hanno sparpagliati sul tappeto, facendolo sembrare un grande “scoperto” per loro. Li hanno lasciati cadere, non io…”

Come se il problema fosse se le pulizie di Trump fossero diffamate!

Non c’è dubbio che abbia conservato illegalmente documenti top secret, ci sono tutti i tipi di prove a prova di ciò. La domanda urgente è: il Dipartimento di Giustizia andrà avanti con le incriminazioni?

Sulla base degli eventi passati, credo che, per quanto Trump possa essere palesemente colpevole delle accuse, per preoccupazione per l’unità e la sicurezza del Paese, non lo faranno. Proprio come Mueller non ha accusato il presidente in carica di ostruzione alla giustizia anche se quando gli è stato chiesto esplicitamente: “Credi che abbia commesso — potresti accusare il Presidente degli Stati Uniti di ostruzione alla giustizia dopo che ha lasciato l’incarico?” ha risposto in modo chiaro e coraggioso: “Sì!”

Eppure, nonostante il clamoroso sì, Mueller ha rilasciato una decisione inconcludente inconcludente e il DOJ, sotto l’allora procuratore generale William Barr, ha rifiutato di perseguire, anche se “Più di 1.000 ex pubblici ministeri federali hanno firmato una lettera nel 2019 affermando che la condotta descritto nel rapporto di Mueller normalmente porterebbe a molteplici accuse di reato per ostruzione alla giustizia”.

Nella situazione attuale i presunti misfatti sono ancora più eclatanti, mettendo forse a rischio la sicurezza nazionale. Eppure credo che ancora una volta Trump non sarà ritenuto responsabile. Avendo alimentato paura e odio per circa sei anni e avendo costruito un seguito rabbiosamente leale che è più che disposto a usare la violenza per ottenere ciò che vogliono, come abbiamo visto il 6 gennaio 2020, si è reso invulnerabile all’accusa.

Foto: Twitter

Il livello di violenza da parte dei fanatici della MAGA è già notevolmente aumentato dal raid a Mar-a-Lago e sono state minacciate di morte agenti e giudici dell’FBI. Anche Fox News, a lungo la macchina di propaganda non ufficiale di Trump, ha riferito il 14 agosto 2022 che il “bollettino dell’FBI avverte della minaccia di ‘bomba sporca’, aumentando le richieste di ‘guerra civile’ dopo il raid di Mar-a-Lago”.

Il Daily Dot ha riferito che “i sostenitori di Trump stanno inondando TikTok di video sulla guerra civile in risposta a numerose questioni politiche tra cui il raid dell’FBI su Mar-a-Lago”.

Alcuni dei post su quel sito sono solo minacce appena velate: “Anche noi abbiamo le pistole” e “Sì, è ora di andare. Tutti sanno esattamente di cosa sto parlando”. Dopo aver assistito al livello di violenza del 6 gennaio, qualcuno di buon senso non crede che la stessa marmaglia aumenterebbe i suoi assalti?

Il senatore Lindsey Graham ha affermato apertamente che “se verrà incriminato ci saranno rivolte nelle strade”.

Inoltre, The Guardian ha riferito che, “più dei due quinti degli americani credono che la guerra civile sia almeno in qualche modo probabile nei prossimi 10 anni, secondo un nuovo sondaggio – una cifra che aumenta di oltre la metà tra i “repubblicani forti” auto-identificati ”.

Non è che il presidente Biden o Merritt Garland non siano consapevoli della minaccia e della violenza che ribolle, è allo scoperto. Il focoso discorso del presidente Biden del 2 settembre, contro la minaccia MAGA alla nostra democrazia, si è rivelato un’illustrazione della retorica capovolta che prevale ora in questo paese. Come fa notare Susan Glasser sul New Yorker, Rick Scott, il capo della campagna elettorale del Senato repubblicano ha liquidato Biden definendolo un “pazzo delirante” che ha “attaccato metà del paese stanotte”. Mike Huckabee, l’ex governatore dell’Arkansas, chiamato un “incitamento all’odio”. Sabato 3 settembre Trump ha etichettato Biden come “un nemico dello stato”. Lungi dal risvegliare il paese alla minaccia della retorica del MAGA, le esortazioni di Biden hanno infiammato ulteriormente i cultisti.

Sia che il Dipartimento di Giustizia decida di incriminare l’ex presidente, sia che gli dia un passaggio gratuito, come ha fatto in precedenza Mueller, non c’è dubbio che dobbiamo prepararci a una maggiore violenza mentre la democrazia e la costituzione vengono aggredite.

Ha già realizzato il suo desiderio quando lunedì 5 settembre, il giudice Aileen Cannon nominato da Trump ha autorizzato un maestro speciale a rivedere i documenti di Mar-a-Lago che l’FBI ha sequestrato; e ha concesso anche più di quanto sperasse, ha anche bloccato temporaneamente il Dipartimento di Giustizia usando i record per l’indagine. Se questo non è un altro caso in cui Trump se la cava senza conseguenze nonostante ogni apparenza di colpa, allora non so cosa sia.

Ultime Notizie

Back to top button